Manfredonia
Comitato di difesa e intervista doppia a due maestre-mamme

Manfredonia, Concorso scuola: sono i bambini a pagare? (II parte)

Spostamenti e cambiamenti continui: una flessibilità enorme richiesta ai lavoratori, che però non viene sostenuta correttamente dal punto di vista normativo

Di:

Dovendo aver cura dei bambini, meno autonomi che nella scuola primaria, in una maniera ‘materna’ va da sé che il mondo dell’infanzia sia un mondo prettamente femminile. E le donne, che, specie al sud, sono ancora le principali detentrici anche della cura familiare, non riescono a rapportarsi con la flessibilità lavorativa che il sistema richiede loro.

“A pagare l’incompetenza delle decisioni sono le famiglie: se un insegnante assegnato in un’altra provincia porta i suoi bambini con sé ottiene l’ovvio effetto di spezzare la famiglia, proprio come se li lasciasse con il partner. Oltre al fatto che la differenza negli affitti e il carovita superiore al nord agirebbero negativamente sull’economia domestica”

Spostamenti e cambiamenti continui: una flessibilità enorme richiesta ai lavoratori, che però non viene sostenuta correttamente dal punto di vista normativo, né si riescono a prevedere delle efficaci compensazioni sociali.

(PRIMA PARTE)

(CONTINUA A LEGGERE LA SECONDA PARTE SU WWW.STATODONNA.IT – A cura di Antonella Attanasio)



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi questo articolo!