Manfredonia
Progettazione Direzione Lavori: arch. Salvatore Chiarenza - Ditta esecutrice: 4CContract

Atelier delle Cisterne “cuce” su misura il nuovo look della “Gelateria da Tommasino” a Manfredonia

Di:

Arch. Salvatore Chiarenza

Arch. Salvatore Chiarenza

Manfredonia. A 65 anni dalla sua fondazione la storica Gelateria da Tommasino di Manfredonia cambia look. Il progetto e la Direzione lavori sono firmati dall’Architetto Salvatore Chiarenza di Manfredonia.

Salvatore Chiarenza esercita la libera professione di Architetto da circa 16 anni, occupandosi di Interior design e Architettura. Docente di Disegno e Storia dell’Arte interagisce con i suoi lavori quasi come fossero singole opere. Progetta e segue realizzazioni di numerosi interni tra appartamenti – bar – Ristoranti e negozi, sempre alla ricerca di nuove soluzioni arredative e di nuovi materiali da utilizzare, oscillando tra privato e pubblico per il quale disegna diverse opere tra sistemazioni urbane, rotatorie e architetture della memoria.

Da circa due anni fonda “Atelier delle Cisterne” – Studio Professionale a Manfredonia, con l’intento di fornire servizi di progettazione “su misura”, […la comprensione delle esigenze del cliente sono la risorsa più grande in Architettura …] riferisce Salvatore Chiarenza. Però la scommessa più grande l’architetto la gioca con il Chiosco Gelateria di Tommasino di Manfredonia esempio di grande professionalità da circa 65 anni, per il quale avrebbe utilizzato caratteri stilistici di sobrietà ed eleganza legati ad aspetti tecnici e materiali del tutto innovativi.

Nello specifico l’intervento ha per oggetto la riqualificazione ambientale e funzionale dello storico Chiosco Gelateria da Tommasino, sito in prossimità del Castello Svevo-Angioino di Manfredonia (Fg). Il Chiosco, in attività dagli anni ’50 circa, ha consolidato negli anni qualità e professionalità artigianale in particolare nella produzione dell’ormai nota “cassata di Tommasino”.

Dunque grande responsabilità nell’intervenire su di un involucro edilizio che seppur composto di materiali apparentemente precari ha lasciato nella collettività un’impronta indelebile. Ricalcando sommariamente la sagoma del chiosco preesistente e mantenendone i colori chiari e marrone scuro, il rifacimento delle facciate si compone del consolidamento strutturale con la realizzazione di una sotto struttura di pilastri e correnti in acciaio inox, tra i quali sono stati disposti strati di lana di roccia per una corretta coibentazione; il tutto è stato rivestito con lastre di Corian Dupont, sagomate e lavorate con una fresa a controllo numerico. Le aperture alla vendita saranno chiuse con pannelli basculanti elettricamente, mentre tutte le aperture saranno perfettamente integrate nei prospetti.

Il Chiosco sarà coperto con tettoia aggettante realizzata con lamine di alluminio pressopiegato con finitura effetto cor-ten; la tettoia sarà occasione per la realizzazione di fori e feritoie luminose. L’intervento, inoltre, ha riguardato anche l’ampliamento dello spazio esterno di pertinenza al chiosco, che, pavimentato con pietra locale bocciardata misto a lastre di travertino noce anticato e costellato da sporadici punti luminosi, è stato racchiuso e protetto da montanti in acciaio che sostengono lastre di vetro.

(messaggio promozionale privo di riscontro commerciale)

Atelier delle Cisterne “cuce” su misura il nuovo look della “Gelateria da Tommasino” a Manfredonia ultima modifica: 2017-03-01T20:26:44+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
18

Commenti


  • Michele F.

    Azz! Complimenti all’architetto! Praticamente è stato chiuso mesi per una tinteggiatura e relativo cambio di colore? Alla grande! … gli avranno spesi i Tommasino dai!


  • Gelato al cioccolato

    Sono per un altro stile ma non è male. Ma perché hanno aspettato che aprisse un’altra gelateria per dare un look nuovo?.


  • Ivano

    Ma io dico:
    alla gente rode così tanto esprimere un meritato parere di apprezzamento al buon gusto di un professionista e alla professionalità di un imprenditore onesto?!?
    Bah! Bravo Salva, ottimo risultato!!


  • Serena

    Vedi che la concorrenza fa bene.Almeno un imbiancata la baracchela la avuta.Comunque era più bella prima.


  • Vanessa

    Ma dai come si fa a dire che era più bella prima Ahahah! A me non dispiace, ha conservato il look originario ma con più classe. PS: Il cyberbullismo è la malattia sociale del secolo!


  • Chi ne capisce

    Mi dispiace per coloro che parlano solo di una imbiancata: evidentemente non hanno visto dal vivo il lavoro realizzato o non hanno la sensibilità e preparazione per esprimere un parere tecnico. Io trovo che ci sono dettagli e particolari costruttivi molto interessanti e curati oltre all’utilizzo di materiali innovativi come il corian peraltro lavorato a rilievo. In questa città purtroppo c’è la brutta abitudine a giudicare sempre negativamente (senza neanche avere cognizione delle cose) anziché fare squadra e valorizzare quanto di bello abbiamo e realizziamo. Complimenti al giovane e bravo architetto Chiarezza e alla gelateria Tommasino


  • Luca

    Mi sono commosso dopo aver letto articolo su Salvatore PIANO chiarenza


  • vergogna

    Comunque spero che le gelataie qst anno siano piu cordiali perché l anno scorso c era una in particolare nevrotica c e gente che chissà che farebbe per un posto fisso quindi nn montiamoci la testa umiltà


  • IL BELLO

    Complimenti. Per i colori si è ispirato a quelli della cassata tradizionale


  • Matteo

    Ci voleva.E giusto fare dei cambi.Non sono d’accordo però con la scelta dei colori.Avrei valorizzato il vecchio stile.Sarebbe stato bello dire a miei nipoti che il chiosco sta lì da tanti anni.

  • Nulla da ridire sul nuovo look della gelateria, anzi fa piacere ognitanto un pò di evoluzione e modernità, almeno qualcosa va avanti iquesto paese dove tutto rimane irrisolto tipo le strade tutte rotte con possibilità di essere inghiottiti dalle voragini mentre e si guida. Il mio appello invece va ai proprietari, ma è mai possibile che con 1.50 euro o 2.00 di gelato mettete solo l’odore? In un paese dove non lavora nessuno l’unica goduria è rimasto il cibo, voi che fate? Non mettete nulla..grazie che poi gli altri vanno altrove! Non siate parsimoniosi con chi vi rende ogni giorno celebri,abbondate!


  • il nipote del fotografo

    il restyling lo avrei fatti fare allo studio che ha progettato le bariere frangiflutti, una bella palude vicino al castello ci sarebbe stata proprio bene 🙂


  • stufo

    Più che all’estetica bisogna puntare alla qualità del prodotto!


  • PAOLO

    MA L’ARCHITETTO E’ DI MANFREDONIA? FA IL MAESTRO A MANFREDONIA MA MI SA CHE NO E’ DI MANFREDONIA. BOH.


  • La stazione fantasma di Manfredonia ovest ( costo 4 miliardi di ex lire)

    L’ex vecchia baracchella del grande Tommasino orma incarna perfettamente l’essere sipontino/a ossia apparire mostrarsi più appariscenti degli altri.


  • Franco

    Mahhhhhhhhhhhhhhh


  • ciro

    avete fatto l’architettura ora dovete fare il personale.(la cortesia prima di tutto)


  • SIPONTINO VERO

    RIMANE SEMPRE UN BUCO. ORMAI I GELATI SONO BUONI OVUNQUE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi