CronacaManfredonia
Fonte agensir

Corridoi umanitari: Caritas italiana, in arrivo 41 profughi dalla Giordania

Grazie al sostegno della Cei, dei Frati cappuccini di San Giovanni Rotondo e della Caritas di Manfredonia, “saranno trasferiti in Italia"

Di:

Corridoi umanitari per famiglie siriane che si trovano nei campi profughi in Giordania. Li apre l’ufficio immigrazione di Caritas italiana, informando che “41 persone (uomini, donne e molti bambini) con gravi problemi di salute”, grazie al sostegno della Cei, dei Frati cappuccini di San Giovanni Rotondo e della Caritas di Manfredonia, “saranno trasferiti in Italia per ricevere le cure necessarie e costruirsi nel nostro Paese una nuova vita”.

Una delegazione di Caritas italiana, partita oggi per Amman, nei prossimi giorni insieme all’Oim e all’Unhcr, seguita e sostenuta dalla Nunziatura apostolica di Amman, incontrerà le prime famiglie “che saranno trasferite entro 10 giorni”. Si tratta del primo programma del genere implementato da Caritas italiana e sarà seguito dall’apertura di un corridoio umanitario in Etiopia nel mese di aprile 2017.

http://agensir.it/quotidiano/2017/2/28/corridoi-umanitari-caritas-italiana-in-arrivo-41-profughi-dalla-giordania/



Vota questo articolo:
7

Commenti


  • Geny

    Ma perché sono tutti profughi maschi ? E le donne si contano su di una mano ?


  • SIPONTINO VERO

    LA CARITAS QUANDO DEVE PENSARE A NOI ITALIANI? CI SONO MIGLIAIA DI MANFREDONIANI CHE CERCANO DI CREARSI UNA NUOVA VITA MA NON ALLE DIPENDENZE DEI PROPRI GENITORI , PER NOI NON E POSSIBILE MENTRE PER GL EXTRACOMUNITARI SI . E UNA VERGOGNA TROPPA TOLLERANZA SI PENSA AI PROBLEMI DEGL ALTRI MA NO AI NOSTRI CHE NE ABBIAMO TANTI.


  • io

    Scusate non per essere razzista ma per me che sono disoccupato e non riesco a trovare lavoro tra un Po finisce la disoccupazione cosa devo fare? L’affitto chi me lo paga luce gas ecc…..mi rivolgo a tutti i disoccupati soprattutto del settore edile quando ci svegliamo e riprenderci la nostra DIGNITA!!!!vorrei dire ai politici di Manfredonia “sveglia “”

  • Premetto non sono razzista, ma non capisco il perchè costoro ricevono qualsiasi forma di aiuto ed io come tanti altri giovani, non ci calcolano ne per un lavoro e ne per un supporto.non si può vivere alla soglia dei 30 anni con i nostri poveri genitori che da 1 stipendio devono fare i miracoli non per vivere adeguatamente ma sopravvire di stenti e sperare di riuscire a pagare le bollette. È vergognoso che noi dobbiamo precluderci un futuro ed 1 famiglia nostra, e agli extracomunitari vengono nel nostro paese a fare i turisti x sempre! Italia paese indegno del patriottismo e dell’intelligenza e forza fisica dei propeio giovani che son costretti ad andarsene e dar spazio a loro, i nuovi italiani


  • Zuzzurellone Sipontino

    Per Genny, secondo la loro MITOLOGIA le donne contano niente. Per quella indigena il matrimonio è diventato un sacramento solo dopo credo il 1300? Perche alle donne non veniva riconosciuta l’anima e l’umanita completa? Basta poco,INIZIAMO con il prossimo 8 per mille allo stato Italiano, non ad altri. Alle prossime elezioni, amministrative , regionali, politiche ed europee votiamo chi difende la nostra cultura , identità, nazione. Purtroppo siamo figli di quella tragedia della contro riforma, e di quello ancor peggio concordato. Un paese di cortigiani,con la libertà dei servi.


  • SIPONTINO VERO

    IO NON CE LO CON GL EXTRACOMUNITARI MA CON LO STATO CHE FA SCHIFO . E UNA VERGOGNA CHE QUESTA GENTE VIENE AIUTATA R NOI POVERI ITALIANI NON RIISCIAMO NEMMENO A PAGARE LE BOLLETTE . MI DA AI NERVI QUANDO LI VEDO VICINO AI SUPERMERCATI A CHIEDERE L ELEMOSINA CON TELEFONI DI 5 , 600 EURO


  • clandesDino

    Non sono razzista ma lo sono. Razzista o lo sei o non lo sei. quindi se ad un sipontino vero(si fa per dire) non va bene che un nero/giallo/verde/blu fa la “vita da signore” con il telefonino da 500/600euro perchè non emigri e GODI dei privilegi di chi emigra? Attiva il cervello prima di scrivere e se sei razzista , sei razzista e basta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi