GarganoManfredonia
La stessa era cappeggiata dall’assessore al ramo Giosuè Del Vecchio, non nuovo a questo tipo di iniziative e di lotta

Contro l’Imu a Roma, presente delegazione agricoltori di Rignano

Il poderoso corteo ha fatto sosta davanti alla Camera dei Deputati, al ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali e a quello dell’Economia e delle Finanze


Di:

Rignano Garganico. C’era anche una folta delegazione di agricoltori rignanesi alla manifestazione di ieri a Roma, promossa, come noto, da tutte le sigle del settore, per dire no all’Imu sui terreni agricoli, specie montani, meglio nota come”tassa sulle pietre”, perché ad essere colpiti sono i possessori di terreni improduttivi e di altri incolti da secoli per la loro scarsa produttività, specie sul Gargano e Sub Appennino. La stessa era cappeggiata dall’assessore al ramo Giosuè Del Vecchio, non nuovo a questo tipo di iniziative e di lotta.

Infatti, qualche tempo fa sullo stesso tema, si era svolta nella sala consiliare un’affollata e selezionata assemblea, a cui aveva partecipato entusiasta gran parte del “Ghota”, politico- istituzionale e associativo della Capitanata. Tanto da diventare un vero e proprio simbolo e punto riferimento. Non per niente il suo territorio, su un totale di circa 9 mila ettari, per metà risulta costituito da terreno brullo e roccioso, e per il resto da 2 mila ettari alluvionati. “Senza mezze misure, senza tentennamenti – ci ha riferito l’assessore”, abbiamo gridato a gran voce che l’Imu sui terreni agricoli sia produttivi sia improduttivi va da subito abolita, compresa quella, si spera, del 2014. A richiedere l’inversione di rotta c’era migliaia e migliaia di agricoltori facenti parte del coordinamento CIA, Confragricoltura e Alleanza delle Cooperative Agro-Alimentari.

Il poderoso corteo ha fatto sosta davanti alla Camera dei Deputati, al ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali e a quello dell’Economia e delle Finanze. Al riguardo, l’assessore Del Vecchio ha aggiunto: “Stimo molto il Ministro Martina che è stato il primo a visitare i nostri terreni alluvionati nel settembre dello scorso anno, ma non ci fidiamo assolutamente delle misure tampone decise ultimamente dal Governo, ritenendole del tutto insufficienti per lenire gli effetti negativi della tassazione sui fattori della produzione. Per di più, le stesse ignorano del tutto per l’ennesima volta le giuste ragioni dei possessori dei terreni improduttivi della montagna, costretti a pagare un ingiusto balzello su una proprietà a reddito zero e neppure alienabile per via dell’attuale blocco del mercato immobiliare”.

(A cura di Antonio Del Vecchio – adv.giornalista@libero.it)

Contro l’Imu a Roma, presente delegazione agricoltori di Rignano ultima modifica: 2015-04-01T19:31:21+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
1

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi