FoggiaStato news
"E’ stato veramente disdicevole assistere per l’ennesima volta ad un Consiglio Comunale vuoto e misero di contenuti"

“Consiglio comunale Foggia: i problemi dei cittadini possono attendere”

"Siamo di fronte ad una situazione non più sostenibile e accettabile, dove è chiaro che a questa maggioranza non interessa discutere e risolvere le problematiche della città"

Di:

Foggia 30 marzo 2016. Consiglio Comunale. E’ stato veramente disdicevole assistere per l’ennesima volta ad un Consiglio Comunale vuoto e misero di contenuti, dove a farla da padrone sono state le conte, le chiamate del segretario generale Maurizio Guadagno e le richieste di maggioranza supplicate con votazioni ripetute per ben 2 volte su una stessa richiesta e le ovvie stracciate di vesti delle opposizioni che in un sussulto di democrazia hanno chiesto finalmente la sfiducia del presidente Luigi Miranda, reo di non rispettare il suo ruolo terzo nell’assise comunale. Dopo poche settimane dal nostro comunicato come Meetup FoggiAttiVa e AttiVisti Foggiani in cui lamentavamo e denunciavamo l’immobilismo dell’amministrazione foggiana oggi, per chi volesse ulteriori conferme, si è consumata la disfatta della maggioranza a palazzo di città, dove si è convocato un ennesimo consiglio comunale per non decidere nulla.

Erano presenti 64 punti all’ordine del giorno e ben 58 di essi presentavano delibere su debiti fuori bilancio. La maggioranza ha iniziato a vacillare già sul primo punto “Risultati del piano di razionalizzazione delle municipalizzate” dove i voti favorevoli sono stati solamente 17. Sulla richiesta di immediata esecutività, si è assistito uno spettacolo grottesco e in pieno stile farsa quando la maggioranza vede, in un primo momento, solo 13 voti favorevoli e 14 contrari e si vede costretta a ripetere la votazione per la seconda volta e attendere 4 consiglieri “pompieri” che salvano la maggioranza dall’”incendio” divampato sulla votazione. E’ solo questione di attimi e la situazione precipita ulteriormente e sulla richiesta di inversione dell’ordine del giorno per discutere prima i debiti fuori bilancio avanzata dalle minoranze, la maggioranza va sotto per l’ennesima volta. Dopo una richiesta per la sospensione di 15 minuti, la maggioranza non tornerà più in aula, tranne il capogruppo di Forza Italia Paolo La Torre, fatto uscire frettolosamente (dallo stesso Miranda) per far mancare il numero legale, a fotografare cosi lo stato comatoso della maggioranza di centrodestra.

Siamo di fronte ad una situazione non più sostenibile e accettabile, dove è chiaro che a questa maggioranza non interessa discutere e risolvere le problematiche della città, le continue emergenze e gli interventi necessari per far ripartire la nostra comunità, ma piuttosto dirimere le beghe interne di partito e accontentare le varie anime di una maggioranza oramai dedita “al tirare a campare” e alle poltrone. I problemi sul tavolo sono molti e molto complessi: problema discariche e livelli di differenziata indecenti, riscossione tributi, aree mercatali e abusivismo, emergenza abitativa, trasparenza, gestione municipalizzate(ataf, amiu, amgas) solo per citarne alcuni. In questi 2 anni non vi è stata nessuna programmazione per affrontare seriamente questi problemi, ma si è preferito utilizzare interventi spot e senza lungimiranza. Per questi motivi chiediamo che questa amministrazione faccia un passo indietro e che il sindaco rassegni le sue dimissioni come suo ultimo atto di responsabilità verso la città.

(Meetup FoggiAttiVa – Meetup AttiVisti Foggiani)



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This