Regione-Territorio
Nota stampa Codacons

Incendio nell’ospedale San Camillo, Codacons: “Colpa dei tagli alla sanità”

“Vogliamo che il Ministro della Salute Lorenzin avvii verifiche in tutti gli ospedali di Roma e della regione per accertare il rispetto delle norme antincendio"

Di:

Roma. “Un incidente vergognoso che dimostra, se ancora ce ne fosse bisogno, lo stato disastroso in cui versano gli ospedali di Roma e del Lazio”. Lo afferma il presidente Codacons, Carlo Rienzi, candidato a sindaco di Roma, intervenendo sull’incendio scoppiato al San Camillo che ha provocato la morte di un paziente. “Negli anni le condizioni degli ospedali romani sono peggiorate, come dimostra l’incremento dei casi di malasanità e i tanti problemi registrati all’interno delle strutture sanitarie. La causa principale del peggioramento del servizio è da ricercarsi nei tagli lineari al settore della sanità operati negli ultimi anni, che hanno colpito in modo particolare il Lazio – prosegue Rienzi – L’incidente di questa notte è ancora più grave se si considera che già lo scorso 10 febbraio un incendio era scoppiato nei sotterranei del reparto maternità del San Camillo: cosa è stato fatto in questi due mesi sul fronte della sicurezza nell’ospedale?”. “Vogliamo che il Ministro della Salute Lorenzin avvii verifiche in tutti gli ospedali di Roma e della regione per accertare il rispetto delle norme antincendio e delle misure di sicurezza presso i nosocomi – prosegue il presidente Codacons, Carlo Rienzi, candidato sindaco – La Lorenzin si limita a mandare in giro gli ispettori quando si sono già registrate tragedie: occorre invece prevenire gli incidenti ed evitare che accadano di nuovi simili disgrazie”.



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi