BATEditoriali
"In data 3 novembre 2015 si è provveduto al pagamento delle sanzioni"

La Consob multa Banca Popolare di Bari

L’ufficio sanzioni amministrative della Consob il 4 giugno 2015 notifica agli esponenti della Banca la relazione e le proposte di multa

Di:

Bari. “In data 3 novembre 2015 si è provveduto al pagamento delle sanzioni”. E’ quanto si legge in un documento reso pubblico, pochi giorni fa,dalla Banca Popolare di Bari. La multa è quella ratificata dalla Consob(commissione nazionale per le società e la Borsa). Stante gli accertamenti ispettivi svolti dalla Banca d’Italia su incarico della Consob,periodo febbraio-aprile2013, la stessa Commissione,tramite nota dell’8 luglio2014, informa la Banca di aver avviato un procedimento sanzionatorio.Motivo? “Presunte violazioni normative poste in essere nella prestazione dei servizi di investimento”. I vertici della Banca Popolare di Bari rispondono inviando memorie difensive a Consob. Quest’ultima con provvedimento del 29 maggio 2015 innova il regolamento in materia sanzionatoria, di cui alla delibera n.18750/2013. L’ufficio sanzioni amministrative della Consob il 4 giugno 2015 notifica agli esponenti della Banca la relazione e le proposte di multa. La Banca barese, rappresentata e difesa da “… primario studio legale”, presenta le controdeduzioni.

In particolare respinge ogni addebito mosso dalla Consob. Chiede l’archiviazione della procedura e di non applicare alcuna sanzione o di ridurre, in estremo subordine, le multe fino alla misura del minimo previsto. Consob che cosa decide? Riconosce la marginalità dei fenomeni e pertanto riformula le sanzioni nel minor importo di euro 53 mila per Banca Popolare di Bari e 36,5 mila euro per la controllata Cassa di Risparmio di Orvieto.

(A cura di Nino Sangerardi – autore del testo ‘Quello che i pugliesi non sanno’)



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi questo articolo!