Manfredonia
"Per giunta una struttura fatta con soldi pubblici che ad oggi piu’ che funzionalita’ portuale e’ una zona di passeggio e di strutture ricettive"

“Solarium Manfredonia, io sono a favore”

"I lidi hanno valorizzato, riconsegnato dignita’ della costa. Anche li in occasione del sequestro di un lido ho letto messaggi di gioia"

Di:

Manfredonia. ”Io non capisco. A Manfredonia è stato realizzato uno dei piu’ grandi porti turistici d’Italia, modificando totalmente la morfologia del territorio. Nessuno ha gridato allo scandalo. Per giunta una struttura fatta con soldi pubblici che a oggi, piu’ che funzionalita’ portuale, rappresenta una zona di passeggio e di strutture ricettive. Ora si grida allo scandalo per una struttura che non sappiamo se sia o non sia eco-compatibile con il territorio. Facciamo processi all’intenzione se la struttura sara’ smontata oppure no dopo la stagione estiva. Sembra che tutto cio’ che in questa citta’ sia frutto di iniziativa privata sia da condannare, da criticare, da abbattere. Probabilmente ci siamo troppo abituati a vivere di assistenzialismo, di cassa integrazione, di assistenza sociale. Sarebbe molto grave se la struttura non fosse compatibile con il territorio. Ma se lo valorizza non vedo negativita’. Non mi sembra stiano usando cemento armato.

Tutto sembra sia in legno, quindi il ripristino dei luoghi e’ possibile in qualsiasi momento senza lasciare traccia. Cio’ significa che se la struttura ‘sposerà’ bene con l’area territoriale, anche se opera nei paesi invernali, non e’ una tragedia ma una cosa altamente positiva. Ma veramente in questa citta’ non riusciamo a ragionare in termini di futuro? Stessa cosa per i lidi del Lungomare del Sole. Vi voglio ricordare che in quell’area prima della costruzione dei lidi, vi era uno schifo atroce, un abbandono totale, d’Inverno e d’estate. I lidi hanno valorizzato, riconsegnato dignità alla costa. Anche lì in occasione del sequestro di un lido ho letto messaggi di gioia. Cosa dell’altro mondo. Continuiamo a ragionare in modo errato. Facciamo molta attenzione pero’. A Manfredonia in questi ultimi mesi sta cambiando qualcosa. Le cose stanno cambiando molto positivamente e velocemente. Se ci facciamo trovare impreparati a livello organizzativo, di idee, e di ragionamenti, faremo la stessa fine della Calabria negli anni ’90. Quando una delle piu’ belle regioni d’Italia ebbe dei flussi turistici importanti da tutte le parti d’europa, ma poi, a causa di atteggiamenti, modus ragionandi e operandi arcaici del territorio tutto fini in qualche anno e la regione Calabria fini di nuovo in una regressione e isolamento senza precedenti e senza possibilita’ di riscatto. Per quanto mi riguarda, da cittadino di questa citta’ tutte le strutture che valorizzano il territorio e sono eco-compatibili sono positive. La negativita’ risiede solo ed esclusivamente nei nostri cervelli troppo abituati ad assistenzialismo”.

(Antonello Scarlatella, Manfredonia 01.05.2016)



Vota questo articolo:
27

Commenti


  • migrante

    Tanto tempo fa la gente si trasferí a manfredonia dalla vicina monte. E monte si spopoló. Ora, se non siete contenti di manfredonia che si sta modernizzando con strutture già esistenti nella riviera ligure, amalfitana, calabrese, sicula, sarda, salentina, croata, montenegrina, greca, turca, spagnola, perché non vi trasferite a monte che non avendo il mare non potrà mai autorizzare queste strutture?
    Che me ne frega a me di quello che dice o pensa l’assessore o ex assessore di turno, autorizzate piuttosto a sti benedetti lidi o strutture a stare sempre aperti 365 giorni l’anno altrimenti togliete loro le concessioni.
    Il mare va sfruttato non solo per la pesca ma anche e soprattutto per il turismo…….altrimenti statevi in casa con la porta di legno, la tv in bianco e nero, le zanzare e la foto della madonna in testa al letto!


  • Nino Di Giovanni

    Condivido pienamente ed aggiungo che offrono un servizio che non avevamo a Manfredonia. Quindi si aggiunge altro angolo di bellezza al viale e lungomare.
    Non capisco però se è una considerazione personale o un ripensamento dopo aver visto concretamente l’inizio dei lavori? Mi scuso per la domanda ma il nome che scrive lo avevo associato ad una organizzazione M. Nuova che mi risulta di avviso diverso. Mi sono confuso?


  • Antonello Scarlatella

    Caro Di Giovanni, appartenere ad una associazione o ad un movimento politico non significa ragionare sempre con la testa del movimento. Come anche il concetto di opposizione. Non significa essere sempre contro se non si governa e magari poi quando si governa ragionare e autorizzare cose condannate in precedenza. Ho stima per Magno, come ho stima per tantissimi altri uomini, ma cio’ non significa dover ragionare con la sua testa o con la testa degli altri.
    Inoltre io parto da un presupposto. Per criticare le scelte degli altri si deve essere capaci prima di spirito critico in casa propria. Le idee i pensieri non si clonano.
    Se una cosa per me va bene non mi adeguo stereotipando il mio pensiero.


  • Sorridi sei a Manfredonia: la città dei balocchi

    Allorquando si distrusse la scogliera, la popolazione era intorpida dai fasti del calcio..a prescindere da ciò, noi dico noi compreso io siamo un popolo di balocchi, come mai il solarium non si è costruito nella stupenda zona a fianco del molo di ponente del porto turistico? Ah..forse avrebbe potuto dare fastidio a Tarzan il re della Jungla oppure al coccodrillo re delle paludi.


  • peppino di capri

    certo che a Manfredi mia ci sono spiaggie spettacolari, ma chi cavolo vuole venire a mare qui …


  • Giorgio

    Complimenti e bravo Antonello. Descrivi in maniera esemplare ciò che sta succedendo a Manfredonia. Per fortuna sono pochi gli invidiosi gli incapaci e falliti. Una cosa però non condivido del tuo articolo, la stima che hai per ” o professor “. che ha vissuto e vive sulle spalle di mamma stato, che aspetta ogni fine del mese sereno e tranquillo. Comunque rispetto questo tuo pensiero ma non lo condivido.


  • ilproletario

    Uno dei più famosi e grandi avvocati di Manfredonia, mi disse una volta: “”Io sono arrivato ai 90 anni, sempre vissuti a Manfredonia, ma quando mi chiedono qual è il carattere dei miei concittadini, io non so rispondere, non lo so! Qualunque cosa fai, o dici, puoi diventare un genio, un santo, un eroe, qui a Manfredonia troverai sempre gente pronta a criticarti e denigrarti, ci sarà qualcuno che ti griderà: Chi ji cudd? Addì ca vè?”” Tutti a criticare il porto turistico e quel fazzoletto del c.d. solarium, perché rovina la scogliera, nessuno che ha trovato una parola da dire sul CONSUMO DEL TERRITORIO compiuto con la costruzione dei Comparti, rimasti incompleti perché lontani cinque chilometri dal centro ed eccessivi. In Italia il consumo del territorio è un reato penale punibile e perseguibile a denuncia! Che fine faranno quando finirà la benzina????


  • tang

    Penso che per alcuni il massimo dell’innovazione e della modernità sta nei nuovi metodi di rilegatura


  • imma

    Ho letto i vostri commenti e condividi in pieno con quello che a scritto Antonello..
    Qui’ sappiamo solo criticare. Qualce giorno fa sono stata nel barese , Alberobello , Locorotondo e Martina Franca .. ho ammirato la pulizia del territorio e i servizi .. signori miei ammirabile. Con un paese come il nostro dove il turismo sta ritornando.. dovrebbero fare di piu’ per ospitare i visitatori. Vieste vive di turismo.


  • Antonello Scarlatella

    Giorgio, Il Professor Magno non ha assolutamente rubato nulla a nessuno. In tanti invece nell’apparato Stato l’hanno fatto è continuano a farlo. Il Professor Magno ha pubblicato libri, e ti garantisco che non glieli hanno scritti altri ” come accade sovente” li ha scritti lui. Scrivere un libro e’ un arte. E’ un arte anche se il libro non ti piace. Puo’ non piacere a me, a te, ma non ad altri.
    L’arte non non discute. Puoi assumere un atteggiamento critico ovvio.
    Ha un suo modo di concepire la societa’ la politica, puo’ essere condivisibile o no. Puo’ piacere o no. Un uomo caro Giorgio, padre di famiglia, che ha lavorato per 40 anni e’ comunque un punto di riferimento degno di stima. Anche se a volte non la pensi come lui. Anche se non condividi piu’ le sue idee i suoi progetti.
    Come Magno tanti e tanti altri.
    Io non odio chi mi critica, chi non la pensa come me. Penso solo che la pensa diversamente.
    Ho imparato una cosa in quasi mezzo secolo di esistenza.. La vita va guardata con il grandangolo e non solo in una direzione.
    Magno ha le sue idee, molte volte sbaglia altre ci azzecca. Come tutte le persone della terra. La stima verso un uomo deve essere frutto di attenta analisi su quello che ha fatto ha prodotto nella vita. Non puo’ essere un’analisi superficiale solo perché non la pensa come gli altri.

    Ovvio e’ solo il mio punto di vista.


  • fatemi il piacere

    Vi sembra normale pagare più di 500 euro per un ombrellone ed avere pochissima spiaggia libera ? Altre realtà come Rimini o la Versilia hanno km di spiagge e non 200 metri….
    Sicuramente voi non avete problemi a pagare cifre esagerare ma pensate a chi vedeva gli scogli come un’ ultimo baluardo di uguaglianza sociale.


  • antonella

    I tontoloni restano tali, tontolone si nasce, e ci muori, vero giorgi? Il chiodo che batti è sempre quello del vivere a spese dello stato, poi parli di gelosi e invidiosi, interessante tontolone, quindi, ilprofessore Magno gode di una pensione statale che riceve dopo aver fatto 40 anni di lavoro prestato come docente, preside, dirigente, figlio di un senatore cavagliere della repubblica, in più scrittore pluri
    premiato, oggi un consigliere comunale,
    persona rispettata, stimata, e
    riconosciura ovunque per educazione,
    rettitudine mitezza, ragionevolezza, doti personali e professionali,
    davvero troppo per un uomo solo vero
    tontolone? Crepi di invidia sei geloso di
    Magno vero? Lui tutto, tu se sei fortunato
    con la politica avrai qualche gallina
    sottratta alla comunità, nulla di cui potersi vantare, anzi da nascondere,
    nulla di merirato, nulla di veramente tuo,
    ti capisco giorgio è il sentore del
    fallimento personale, la consapevolezza
    che senza la politica non si vale niente,
    che te lo fa odiare, ti capisco giorgio,
    capisco i tuoi sentimenti, certe cose sono
    dure da accettare, però lascia che io ti
    dica una cosa piccola che segna la vera
    differenza, non sono i soldi che ti fanno
    uomo davvero degno di rispetto e di riconoscimenti, che ti rendono ricco dentro, capace di arrivare solo con le tue vere capacità in modo onesto, giorgio con la politica puoi arricchirti prendendo tutto cio che desideri, ma se sei piccolo dentro, non illuderti, tale resterai. Smetti di odiare Magno, più tosto cerca di diventare una persona migliore di ciò che ha mostrato fino a oggi.


  • Pasquino

    In un paese dove tutti gli alberghi sono diventati abitazioni oggi si inneggia al turismo.Quale turismo? Quello indigeno? Non è essere pro o contro ma è difendere quei pochi metri di scogli ancora liberi perché non tutti hanno la possibilità di pagare per andare al mare. Assistenzialismo, nelle sue varie versioni, e’ figlio di una certa politica. Comunque la colpa è sempre nostra perché all’ombra dell’urna votiamo non per la capacità della prsona ma per la tessera che si ha in tasca. Comunque una famosa canzone della Pavone diceva””


  • Pasquino

    La canzone della Pavone diceva “il popolo affamato fa la rivoluzione” Noi non siamo ancora alla fame ed abbiamo ancora troppo da perdere.Questa è la vera forza degli attuali politici a tutti i livelli

  • Caro Antonello non voglio entrare nel merito della bellezza e della salvaguardia del paesaggio che che è concetto troppo arduo da capire per chi non è ambientalista e vive anche di di tramonti, di albe e capisco anche che ci potrebbero essere degli interessi magari legati alla progettazione dell’opera, ma ti sei chiesto dove andrà al mare il numero crescente di poveri che non può permettersi 20 euro al giorno per soddisfare un bisogno primario di mare e di sole? ma sì che crepino pure oppure vadano a mare nel canneto di Siponto. Che il diritto dei più di poter usufruire dei beni comuni sia sacrificato sull’altare del profitto di pochi e dei pochi o tanti amici degli amici è quello che sistematicamente avviene con l’appoggio di tutti coloro che per posizione e cultura dovrebbero invece chiedere altro.


  • Tano badalamenti

    Personalmente sono d’accordo con l’iniziativa anche perché va a toccare una parte Della scogliera poco utilizzata. La cosa che mi preme xo è un che non vorrei che andassero a realizzare la struttura i soliti noti visto che tra mafiosi e politici a Manfredonia hanno lottizzato la costa… Di chi sono i lidi a siponto??? Ora se un imprenditore onesto vuole investire glielo lasciano fare? (vedesi discoteche) qui il probl ma è che ci sono figli e figliocci


  • Antonello Scarlatella

    Giusto Iolanda, occupando 400 metri quadrati di costa i poveri non sanno più dove andare al mare.
    Quindi a questo punto, revochiamo le concessioni degli stabilimenti balneari, facciamo della costa di Manfredonia tutta spiaggia libera.
    Cosi i poveri diventeranno sempre più poveri.
    I concetti filosofici sulla povertà e sui ceti più abbienti poco aiutano gli stessi poveri se non si ha la capacità di creare un rapporto sinergico con l’economia, lo sviluppo ergo sostenibilità.
    Se per te essere ambientalista significa vivere di tramonti, questo è un concetto molto ma molto arduo di ambiente.
    Essere ambientalista significa creare strutture a supporto della bellezza del territorio ispirandosi ai principi dell’economia sostenibile.
    Ripeto, non mi sembra che il progetto sia di cemento armato o sia invasivo.
    Essere ambientalista significa costruire strutture ecocompatibili a servizio del territorio per renderlo bello, attraente e creare un magnetismo turistico ove i poveri avranno l’opportunità di lavoro e di sviluppo.
    Il tuo concetto invece rende il povero sempre più povero.
    Personalmente rigetto la tua velata nota ove si evince che io posso avere degli interessi nell’opera. Non so neanche di chi sia a dirti il vero.


  • teo morlino

    x fatemi il piacere e Iolanda: frequento gli scogli da sempre perchè sono nato e cresciuto nei pressi dell’Hotel Gargano. Vi posso assicurare che il tratto occupato dal tanto odiato solarium è ad esclusivo uso dei cani portati dai loro padroni per la defecazione quotidiana e ricettacolo di immondizia e erba alta che mai nessuno si è degnato di andare a pulire. Da quegli scogli, poi, non si accede direttamente al mare perchè non c’è un tratto comodo per passare. La spiaggetta accanto, la cosiddetta “ai scalètte”, è accessibile anche grazie alla scala in ferro installata ed è frequentata. Il solarium non ha minimamente intaccato questa spiaggetta. I bagnanti amanti degli scogli si assiepano sulla destra guardando il mare.


  • antonella

    Antonello tutti noi siamo a favore di ciò che può significare qualificazione e riqualificazione nel pieno rispetto ambientale, salvaguardia dell’ambiente abbellire un ambiente, rendendolo fruibilea tutti coloro che vogliono goderne, per cortesia però non raccontiamoci la favola che il solorium serve a fin di bene perché riqualifica
    quella zona un tempo abbandonata,
    1° quel solarium è un attività
    commerciale in tutto e per tutto, se
    abbellisce la zona? Può darsi che
    metteranno due piantine un po di luci, e
    diventera una bella attrrattiva per giovani
    e baldi di larghe vedute bisognosi di
    location all’ultima moda, ma cosa
    aggiunge al paesaggio che si possa
    definire di vera riqualificazione? Chiedo
    se lasciera una miglioria, un qualcosa
    che davvero si possa definire di
    abbellimento ambientale, qualcuno
    afferma che sottrae visuale al paesaggio,
    in fatti tanta gente che li si recava, anche
    stando comodamente seduti in
    macchina,poteva ammirare il mare, ci sei
    mai andato di notte o di sera Antonello?
    parcheggiato li, nelle sere di luna piena
    ad ammirare quel mare che riflette la
    dorata luce del disco lunare, oppure
    quando il mare in tempesta agita le sue
    ande frangendo sugli scogli, sprigionando quella forza che solo la natura sa’, sei rimasto li a guardare
    quello spettacolo, ovviamente no, non ci
    penseresti neanche a una simile
    evenienza, per te quello è solo un
    postaccio e chiunque parla di limitazione alla visuale e deturpazione è un povero
    idiota che vive di ambientalismo falso,
    giusto? dopo tutto quello è un posto dove fanno la cacca i cani, quindi, torniamo al solarium che invece lo riqualifica
    egregiamente, i poveri? Ma no, hai
    ragione tu Antonello, i poveri non
    esistono, e poi vige la legge del più forte,
    della ragione di stato, del commercio
    giusto, in fondo i poveri ci saranno
    sempre, se li spazziamo con la scopa un
    po più in là, pian piano capiranno e si
    adegueranno, poi, se pensiamo al
    turismo, Tu mi insegni, Antonello, i turisti
    portano soldi e progresso, tanti soldi, e
    anche i poveri ne beneficeranno del
    progresso del turismo, giusto, dico bene
    Antonello? Il turismo ci arricchirà tutti, vero? NO Antonello, mi spiace per te, checredi davvero a questo modo di indorare la pillola, sai cosa invece accade? Te lo spiego io, i commercianti sono sempre gli stessi, aprono tanti locali, i soldi girano nelle stesse mani, che diventano sempre più ricche, nel frattempo abbiamo chiuso e sottratto ogni buco di mondo liberamente fruibile ed accessibile ai tanti che pur non essendo figli di politicanti o amici degli amici, parlo di cittadini comuni, quelli che vogliono conservare la propria dignità, non sottomettendosi alla legge del più forte, cacciandoli più in là, poi un altro po più in la, sempre più fuori, sappi che questa non è crescita ne pro


  • antonella

    Antonello tutti noi siamo a favore di ciò che può significare qualificazione e riqualificazione nel pieno rispetto ambientale, salvaguardia dell’ambiente abbellire un ambiente, rendendolo fruibile a tutti coloro che vogliono goderne, per cortesia però non raccontiamoci la favola che il solorium serve a fin di bene perché riqualifica
    quella zona un tempo abbandonata,
    1° quel solarium è un attività
    commerciale in tutto e per tutto, se
    abbellisce la zona? Può darsi che
    metteranno due piantine un po di luci, e
    diventera una bella attrrattiva per giovani
    e baldi di larghe vedute bisognosi di
    location all’ultima moda, ma cosa
    aggiunge al paesaggio che si possa
    definire di vera riqualificazione? Chiedo
    se lasciera una miglioria, un qualcosa
    che davvero si possa definire di
    abbellimento ambientale, qualcuno
    afferma che sottrae visuale al paesaggio,
    in fatti tanta gente che li si recava, anche
    stando comodamente seduti in
    macchina,poteva ammirare il mare, ci sei
    mai andato di notte o di sera Antonello?
    parcheggiato li, nelle sere di luna piena
    ad ammirare quel mare che riflette la
    dorata luce del disco lunare, oppure
    quando il mare in tempesta agita le sue
    ande frangendo sugli scogli, sprigionando quella forza che solo la natura sa’, sei rimasto li a guardare
    quello spettacolo, ovviamente no, non ci
    penseresti neanche a una simile
    evenienza, per te quello è solo un
    postaccio e chiunque parla di limitazione alla visuale e deturpazione è un povero
    idiota che vive di ambientalismo falso,
    giusto? dopo tutto quello è un posto dove fanno la cacca i cani, quindi, torniamo al solarium che invece lo riqualifica
    egregiamente, i poveri? Ma no, hai
    ragione tu Antonello, i poveri non
    esistono, e poi vige la legge del più forte,
    della ragione di stato, del commercio
    giusto, in fondo i poveri ci saranno
    sempre, se li spazziamo con la scopa un
    po più in là, pian piano capiranno e si
    adegueranno, poi, se pensiamo al
    turismo, Tu mi insegni, Antonello, i turisti
    portano soldi e progresso, tanti soldi, e
    anche i poveri ne beneficeranno del
    progresso del turismo, giusto, dico bene
    Antonello? Il turismo ci arricchirà tutti, vero? NO Antonello, mi spiace per te, checredi davvero a questo modo di indorare la pillola, sai cosa invece accade? Te lo spiego io, i commercianti sono sempre gli stessi, aprono tanti locali, i soldi girano nelle stesse mani, che diventano sempre più ricche, nel frattempo abbiamo chiuso e sottratto ogni buco di mondo liberamente fruibile ed accessibile ai tanti che pur non essendo figli di politicanti o amici degli amici, parlo di cittadini comuni, quelli che vogliono conservare la propria dignità, non sottomettendosi alla legge del più forte, cacciandoli più in là, poi un altro po più in la, sempre più fuori, sappi che questa non è crescita ne progresso, e solo illudersi di creare strutture atte al turismo,la citra non ne beneficia davvero, i poveri restano tali ma a difderenza, non hanno neanche un buco dove andare a fare un povero bagno di mare, crea lavoro, addurrai, in verità, la maggior parte dei lavoranti, commessi e coo, vengono pagati con vaucer, non sono ingaggiati nel modi giusto e penda un po, novità vera, ti do una notizia in anteprima mondiale, sono soprasfrutrati e pagati la metà della metà, lavorando anche tante ore.certamente non sara il caso del solarium e dei tanti commerci di manfredonia, qui sono tutti per bene lo sappiamo, Quindi di cosa parliamo ?turismo, ricchezza, progresso? Dai! Le favole me le raccontava mio padre, quando evevo 8 anni ci ho creduto fino a 8 e mezzo. A quell’età poi si inizia a crescere e distinguere la realtà. Io almeno.


  • Nicola

    Caro Antonello, quanti battibecchi fra noi, quante battute, ma credimi , sempre nel rispetto della tua persona. Non ti conosco personalmente, ma si evince, aldilà della condivisibilita’ o meno delle tue opinioni, che sei una persona preparata e perbene. Ora io ti chiedo come è possibile stimare una persona, e in questo caso il sig. Magno che ha fatto della sua discesa in campo un motivo per discreditare …l’operato del sindaco. Mai una proposta politica, mai un progetto, ma solo ed esclusivamente no. E anche quando ci sono iniziative largamente condivisibili, lui pronto ad intevenire con comunicati che sanno d’invidia per criticare e sminuire il tutto. E che dire dei suoi seguaci in particolar modo di Antonellona, come la chiama Giorgio, di svolta ed altri tre o quattro id-i che non perdono un articolo qualsivoglia per criticare? Tu dici di stimare quest’uomo ,uomo tanto per dire, per quello che ha fatto e perché scrive libri. Dirti che non condivido mi sembra superfluo. Ricordati che ci sono stati personaggi famosi che hanno scritto libri e hanno affossato il mondo. Comunque complimenti per l’articolo è per le risposte.Buona serata


  • antonella

    nicola, hai smesso le solite vesti? Sei sicuro di aver postato con il nick giusto? fai in tempo a cambiare, basta mandare un messaggio. Come mai hai cambiato?
    Ti ringrazio per i soliti insulti, scontati tra l’altro. Il consigliere Magno non è sceso in campo per screditare qualcuno, ne il sindaco come da te affermato, è sceso in
    campo per una degna opposizione, avere
    un assise senza è un torto alla
    democrazia, la conosci questa parola?
    DE MO CRA ZIA, trovala sul vocabolario, ti
    fai una cultura, poi se vuoi ne riparliamo.
    Mi rendo conto che l’esercizio del diritto
    di opposizione è nuova per voi, so che
    non ci siete abituati, conosciamo la
    storia, ed è proprio per questo motivo che
    il consigliere Magno scrive un altra storia,
    ma sappi che l’esercizio dell’opposizione
    non è atta a denigrare il tuo sindaco, ma
    solo a portare dentro l’assise la voce e i
    problemi di fuori, e di contro, portare fuori
    gli atti e decisioni compiute dentro, se poi
    il tuo sindaco si sente denigrato per
    questo, il problema non ci riguarda.
    Però voglio darti soddisfazione, ti faccio
    una proposta nicola, vediamo chi ha
    ragione tra noi.
    Voglio rispettare il tuo sindaco, qualcuno
    dice che dobbiamo prenderlo ad
    esempio, io rispondo, come tu ben sai,
    per cosa dobbiamo rispettarlo? Cosi ci ho
    pensato, mi sono ricordata che il
    consigliere Ritucci chiese la lista dei
    trentacinque nomi dei facilitatori assunti
    per distribuire i mastelli, il tuo sindaco
    rispose che non era un problema, che la
    listra dei 35 nomi era in suo possesso,
    che bastava fare richiesta di accesso agli atti, non sono più riuscita a capire che fine ha fatto la lista dei 35 nomi, tutti
    tacciono, ma i 35 nomi esistono in quella
    lista, svolgono un lavoro pubblico per un
    ente pubblico, quindi vorrei vedere la lista
    con tali nomi, pubblicata a mezzo stampa
    come qualsiasi atto pubblico costellato di
    trasparenza e legalità, sono sicura che
    non ci sono problemi a pubblicare quella
    lista. Siamo al 2 maggio, aspetterò pazientemente la sua pubblicazione,
    altrimenti avrò ragione io.


  • Nicola

    Antonellona .a prescindere la mia difficoltà a leggere i tuoi scritti , ti ricordo che il sindaco non è il mio ma di tutta la città,comunque se vogliamo puntualizzare è stato votato dai 2/3 della città. Comprendo che questo di rode e ti fa star male, ti conviene quando stai male di leggere ciò che ha fatto e sta facendo RICCARDI per questa città. La cura non è adatta solo a te ma anche per il SOGNO DEL TUO AMATO PROFESSORE ….Ho la netta sensazione che ti sia un po’ montata la tua testolina. P.S. mi raccomando la cura.


  • Lucifer Morningstar

    Uso un nome falso, ma per proteggere un’opinione. Spero che Antonello consideri ciò che sto per dire:

    La sua opinione è un pezzo del tassello che presa singolarmente è verosimile e condivisibile. Però mi chiedo, ha considerato vagamente l’idea che ci siano altri fattori in ballo?
    Innanzitutto mi spiace se i sequestri non sono di suo gradimento, ma “Durante tale intervento, i militari operanti hanno sequestrato manufatti vari adibiti a servizi vari quali bar, locali igienici e depositi, superfici adibite a loggiati, pergolati, nonché pedane e camminamenti, il tutto in violazione della normativa demaniale e paesaggistica, in quanto tali opere venivano realizzate in difformità ai titoli in possesso del titolare dello stabilimento balneare; in particolare sono state violate le prescrizioni di carattere paesaggistico concernenti l’obbligo di rimozione dei manufatti entro il 31 ottobre del 2015, inoltre le opere non sarebbero facilmente amovibili come prevedono i titoli rilasciati dagli enti interessati.”

    Abbiamo parlato sino a Giugno 2015 di mentalità da cambiare, ora che succede? Ci si arrende ai compromessi?

    Poi, ha considerato che ci sia una mentalità imprenditoriale obsoleta e di stampo clientelare? Il che non rende giustizia al concetto di “spirito imprenditoriale” che l’Europa sovvenziona (bloccando in Puglia per irregolarità) e che prevede un libero mercato e orizzontalità delle possibilità per ogni attore. A Mf funziona che chi detiene il potere tiene in scacco i lavoratori. Secondo lei perché in pochi lavorano? Perché l’imprenditoria se ne sbatte del benessere collettivo e assume parenti e amici da pagare in favori e minimo sindacale. Ha detto lei stesso che Manfredonia è viva e sottoscrivo, purtroppo dobbiamo entrambi ammettere che chi lavora di onestà è soffocato dallo Stato; onore a questi eroi dell’era moderna al rovescio e per omaggiarli non credo sia il caso di sottoscrivere modelli imprenditoriali legittimamente (alla lettera) dubbi.

    E ci sarebbe molto da dire, ma scrivere annoia.

    Sperando che un’altra campana le sia di gradimento.


  • antonella

    Si, come sempre ha ragione tu, il suo è stato un vero plebiscito, no, scusami, ergo, la maggioranza bulgara la ebbe un po di anni fa, oggi sarebbe una maggioranza al quanto relativa, per non parlare degli amici che si è fatto con la messa in opera della differenziata,
    Cmq. Torniamo alle cose importanti,
    La pubblicazione della lista dei nomi dei
    facilitatori assunti per distribuire mastelli,
    Giorno e ora della pubblicazione?
    Sai che questo tergiversare mi fa pensare
    male, ah stavo quasi x dimenticare, so
    che hai difficolta a leggere e capire lo
    scritto, alla tua età succede, metti un
    paio di occhiali, vedrai andrà meglio, per
    la comprensione , assumi un maestro di
    sostegno, ti aiuterà. Salutami il tuo amato
    sindaco. # “adotta un area verde”.


  • Giorgio

    Brava Antonellona piazza d’uomo, … Parli di DEMOCRAZIA, però quella che fa comodo a te e alla tua , e non ti rendi conto di quello che scrivi. La Democrazia è molto bella , ma ha un unico difetto ed è quello che anche gli –possono dire la loro.


  • antonella

    Giorgio tontolone fratello di re tontolo,
    non è che sei affetto, casomai, da disturbi bipolari? Noto che ti sei fatto una cultura sulla Democrazia, bravo tontolone, però sai che quando scrivi certe cose, tipo l’ultimo commento, diventi autolesionista? Io userei la democrazia a comodo? Davvero?
    Mentre la democrazia permetterebbe a
    tutti di esprimere un opinione, e sappi che
    le opinioni non ledono, invece, i
    comportamenti, le azioni, i vizi, la
    prepotenza, la prevaricazione, la
    sottrazione, queste ledono tutte insieme,
    ledono singolarmente, e pensa,
    notiziona, sono tutte concesse per diritto
    democratico, come vedi la democrazia è
    bella, come scrivi tu, perché concede
    tutto a tutti, a chi possiede un
    determinato potere, concede ogni forma
    di arbitrio, quindi , da questo si deduce
    che la democrazia concede l’uso delle
    opinioni, cosi come concede ai
    politicantidi fare i comodi propri, il vero
    guaio democratico però non è
    rappresentato dalla prima concessione,
    ma dalla seconda. Tontolone autolesionista.
    P.s. ora e data di pubblicazione della lista
    dei 35?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This