CronacaStato news
E' passato in III commissione consiliare, con parere favorevole all'unanimità il disegno di legge n. 115 del 30.11.2015

Legge oratori, Lacarra: “Tuteliamo i ragazzi e la loro crescita”

"Al tempo stesso gli oratori sono uno strumento di contrasto dell'emarginazione sociale e della discriminazione sociale"

Di:

Roma. E’ passato in III commissione consiliare, con parere favorevole all’unanimità, il disegno di legge n. 115 del 30.11.2015 su “Disposizioni per il riconoscimento della funzione sociale degli oratori (atto cons. 78/A)”. Soddisfazione è stata espressa in proposito da Marco Lacarra, segretario regionale del Partito Democratico e componente della III commissione.
“Si tratta – ha detto – di una legge importantissima per tutelare la funzione sociale degli oratori, punto di aggregazione per i ragazzi e miglior sistema per tenerli ‘lontani’ dalla strada e dalle tentazioni della micro criminalità. In un periodo di crisi, in cui anche le famiglie della fascia media hanno difficoltà a garantire attività ricreative e formative extrascolastiche ai loro figli, gli oratori rimangono un presidio educativo, istituito e animato dalla parrocchia”. La Regione, con questa legge, fa in modo che gli oratori promuovano attività finalizzate a favorire lo sviluppo, la realizzazione e la socializzazione dei minori, degli adolescenti e dei giovani di qualsiasi nazionalità residenti sul nostro territorio. “Non dimentichiamoci che – prosegue perciò Lacarra – negli oratori si favorisce la diffusione dello sport e della solidarietà, della promozione sociale e dell’iniziativa culturale nel tempo libero. Al tempo stesso gli oratori sono uno strumento di contrasto dell’emarginazione sociale e della discriminazione sociale, del disagio e della devianza minorile. Ringrazio la giunta – conclude – per la sensibilità dimostrata verso questo argomento”.



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati