GarganoManfredonia
I tecnico lombardo ed il fedele assistente Andrea Guerra hanno compiuto un gesto di grande fatica ma dal grande significato simbolico

Foggia in B,Stroppa in pellegrinaggio al Santuario di San Pio

Di:

Foggia. Come concludere una stagione leggendaria se non con un’altra impresa? È sicuramente ciò che avrà pensato mister Giovanni Stroppa quando, per festeggiare in modo alternativo la promozione in B, ha deciso di tenere fede ad una promessa nata durante la stagione: quella di portare a termine una “passeggiata” a piedi fino al Santuario di San Pio a San Giovanni Rotondo.

Così il tecnico lombardo ed il fedele assistente Andrea Guerra hanno compiuto un gesto di grande fatica ma dal grande significato simbolico, raccontato benissimo dal sito ufficiale del club rossonero nell’articolo “Diario di una impresa”.

Di seguito il testo integrale del racconto della “traversata” portata a termine da Stroppa e Guerra, tratto dal sito ufficiale del Foggia:

“35 chilometri. Partenza alle 09:30, arrivo alle 18:00.. Otto ore e mezza di cammino tra campi di grano e uliveti. Giovanni Stroppa l’aveva pensata durante l’anno la ‘marcia della promozione’, un voto nato per caso: “E’ stata un’idea cresciuta pian piano – confessa il mister rossonero – durante la stagione, non legata ad un momento particolare. A San Giovanni Rotondo c’eravamo stati a Ottobre con tutta la squadra a visitare il reparto di oncologia pediatrica e la tomba di Padre Pio, poi durante l’anno è nata questa promessa: ringraziare Padre Pio in caso di promozione con una passeggiata a piedi fino al Santuario”. Credente ma non praticante, Giovanni Stroppa descrive così il suo rapporto con la religione: “Sono sempre stato devoto a Padre Pio, venire a Foggia, già da calciatore, ha accresciuto la mia devozione”. Così, a promozione ottenuta, di buon mattino, Stroppa ed il fido Andrea Guerra, si fanno accompagnare in auto dal magazziniere Gino Boscaino all’incrocio tra la statale 89 Garganica e la provinciale 26 per Borgo Celano e da lì partono. In dotazione solo uno zaino con acqua, integratori, barrette energetiche e, i telefonini.

Per orientarsi ma anche… per aggiornare, via whatsapp, tutti i componenti dello staff sullo stato di avanzamento dell’impresa. “Abbiamo beccato una giornata molto calda e senza vento – racconta Stroppa – si vedeva già dal mattino”. Nel primo tratto tutto ok, a metà mattinata la fatica comincia a farsi sentire. Su whatsapp Stroppa, incredulo, posta una video di Guerra che cammina e canticchia: “Mi fa una rabbia, viaggia spedito, non suda, non fa fatica”. Alle 13:30 la crisi: le vesciche tormentano il mister rossonero, fa caldo, quasi non si respira. Si decide per una sosta: sotto uno splendido ulivo, via le scarpe, ci si riposa un po’.

Diego Valente, il Team Manager, sulla chat, timidamente, lancia un appello: “Vi vengo a prendere?”. La risposta è perentoria: “Non molliamo!”. Alle 14:30 si riparte. Guerra manda la posizione al gruppo: mancano 19 chilometri al Santuario, il traguardo è ancora lontano, ci si aiuta con l’allegria e con gli incitamenti che arrivano sulla chat. La fiducia è totale. Arriva la salita, adesso si fa dura: “Sui tornanti paradossalmente è andata meglio – racconta Stroppa – cambiando la postura della camminata è scomparso il dolore delle vesciche”. Quando Stroppa e Guerra arrivano sotto la torre di ferro, all’ingresso di San Giovanni Rotondo, che issa in alto Padre Pio, la certezza di essere vicini ridà le forze anche se il caldo quasi soffoca: “Ci siam dovuti riparare un po’ al fresco, una piccola pausa prima del rush finale”, che comincia poco dopo. Alle 18:00 Stroppa e Guerra sono davanti al Santuario di Santa Maria delle Grazie, Diego Valente è lì, ad immortalare con una foto l’impresa: stanchi ma soddisfatti con l’immancabile smartphone all’orecchio: “Sul sagrato è scomparso tutto – racconta Stroppa – fatica, dolori, scottature. La felicità di essere riusciti nell’impresa ha azzerato tutto”. Dopo la foto e la visita al Santo, Valente sollecita i due eroi: “Torniamo allo stadio?”. “Prima passiamo dalla polleria D’Aloia – intima Stroppa – ho fame”. Al ritorno allo Zaccheria le vasche di ghiaccio ed una lunga doccia fanno rinascere i due mister. Davanti a pollo e patatine, Stroppa e Guerra mostrano una abbronzatura da… ciclista: “Adesso va molto meglio – ammette Stroppa – E’ stata durissima, ma esserci riusciti ci dà una soddisfazione enorme: sono felicissimo. Ora, dopo le vasche con il ghiaccio mi sento rinato, potrei anche ripartire”.

(A cura di Salvatore Fratello, Foggia 01.06.2017)



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi