ManfredoniaMattinata
Così un cittadino di Mattinata in merito all'annosa problematica dei fumi

“Fumi nella piana di Mattinata”, “Così vogliamo valorizzare il turismo?”

Di:

Mattinata. ”GIOVEDI’ 1° giugno 2017, ore 8: siamo in un paese turistico, invece sembra di essere nella Seveso degli anni settanta”: così un cittadino di Mattinata in merito all’annosa problematica dei fumi nella piana. La nota odierna segue numerose proteste di altri cittadini.

Si ricorda come con atto del febbraio 2016, il sindaco di Mattinata ha ordinato a tutti i proprietari e conduttori dei fondi ubicati nelle aree individuate nella cartografia allegata alla precedente ordinanza sindacale n. 13 del 12/12/2014, il divieto di bruciare il materiale agricolo e forestale derivante da sfalci, potature o ripuliture in loco fino al giorno 21 febbraio 2016. Alle Forze dell’Ordine sul territorio il mandato per l’esecuzione, anche predisponendo dei servizi mirati, “al fine di svolgere una funzione di prevenzione ed eventualmente di repressione, al fine di individuare e punire i trasgressori”.

LE MOTIVAZIONI. (…) “(…) Il particolare andamento climatico delle ultime settimane, caratterizzato da un’elevata pressione atmosferica, alte temperature e debole regime ventoso, non consente un tempestivo ed efficace smaltimento dei fumi prodotti dalla combustione, i quali tendono così a ristagnare nelle immediate vicinanze del piano di campagna; (…) la predetta situazione sta generando disagi alla popolazione locale, a causa del fatto che i fumi di combustione, in particolare quelli provenienti dalla Piana di Mattinata, vengono spinti dalle correnti d’aria verso il centro abitato”.

Redazione Stato Quotidiano.it



Vota questo articolo:
3

Commenti


  • Barto

    Amministratori sindaco in prima linea incompetenti e incapaci di prendere una decisione x salvaguandare la salute di tutti i cittadini… vergogna!!


  • Altamar

    S’è vero che la “Legge è uguale per tutti”.
    S’è vero che c’è la “Parità dei diritti”, non inteso tra uomini e donne, ma tra individui
    Gli stessi provvedimenti devono essere presi anche per: camini a legna e pellet.
    Non capisco perché nel periodo invernale dobbiamo respirare l’aria insana delle stufe a legna sulla nostra salute e poi d’estate preoccuparci dei turisti.


  • Gigio

    Giusto…e poi che dire di chi si fa paladino della giustizia e poi vende diserbanti tossici? Mha

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi