Manfredonia
A cura di Pascalonia e Carbonia

I mennuzze de mbé Frecone

Di:

Cudde,
Frecone, manghe jeve néte

ca
lla mamme ll’ò misse lla poppande.

E
se pure u timbe jeve passéte

lli
mènne i teneve sèmbe denande;

nzomme
a sti cose ce jeve abbettuéte

e
a tutte jsse faceve llu ngande:

bbive
tu ca bbeve ije, a lli vendotte

chi
ce truveve ce metteve sotte.

^^^^^^^
Ce
sépe accume vanne a qquà lli cose:

“cume
so’ bbèlle i zizze Carmenèlle”.

Ma
po’ ce sonne chjuse lli pertose

e
Frecone ò pèrse vréche e bbrètèlle.

Mo,
a zuché u latte nn’ji cchjù cose,

da mméne ò pèrse scjascjosce e scjuscèlle,

cj’ò
bbuschéte lla mègghja frecature,

ne
ll’ji rrumaste manghe a reneture.

^^^^

“Cume
ce fé… cume ce fé?…” cj’addanne.

I
mennuzze a Frecone so’ vacande,

lli
cunde ne nge sépe accume stanne,

pecché
ò cangéte lli cumandande.

C’ji
stanghéte, vol’assì fore i panne.

“Jà
lluvé i mennuzze a tutte quande!

Ànna
fernésce a qquà de monge franghe!”

No!
Ll’ adda fernèsce tu, zuca sanghe!

Le mammelle di compare Frecone

Quello, Frecone, nemmeno era nato,/ che
la madre gli ha posto la lattante (nutrice)./ E se pure il tempo trascorreva/ le mammelle aveva sempre
davanti./ Insomma, a queste cose si era abituato/ ed a tutti lui faceva
l’incantesimo (mostrava):/ bevi tu, che bevo io, con le ventotto (“mammelle”
nella cabala),/ chi si trovava si poneva sotto.// Si sa come vanno qui le cose:
“sono belle le mammelle della (mucca) Carminella” (antico detto)./ Ma poi si
son chiuse le asole/ e Frecone ha perduto brache e bretelle./

Mo a succhiare il latte non c’è più modo,/ dalle mani ha perduto le comari (zie),/ ha ricevuto la più grande fregatura,/ non gli è
rimasta nemmeno la renditura (ultima goccia, stilla di latte).// “Come si
fa…come si fa?…” Si danna./ Le mammelle a Frecone sono svuotate/ i conti (il
latte) non si sa come stanno,/ perché ha cambiato i comandanti./ Si è stancato,
vuole uscire fuori dai panni (che ricopre)./ “Devo togliere le mammelle a tutti
quanti,/ la devono finire di mungere gratuitamente!”/ No! La devi finire tu,
succhia sangue!



Vota questo articolo:
2

Commenti


  • cittadino

    Si potrebbe architettare anche una commedia da fare al teatro DALLA….


  • cittadino

    Si potrebbe architettare anche una commedia da fare al teatro DALLA…. commedia per forza di cose: Tragicomica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi