FoggiaSport
"Era importante dare la possibilità di proseguire la programmazione fatta quest'anno"

Stroppa “Orgoglioso di allenare il Foggia in B”

Stroppa “In sede di mercato bisogna tener conto di tanti aspetti. Credo che il campionato appena trascorso, mi abbia dato la fotografia di unione e di attaccamento alla maglia della squadra"


Di:

Foggia, 1 giugno 2017. Foggia, Stroppa e la società mettono le carte in tavola. Nel pomeriggio odierno, presso la sala stampa “Fesce” dello “Zaccheria”, il tecnico lombardo, accompagnato dai direttori Di Bari e Colucci, oltre che da Fedele Sannella, ha parlato del rinnovo appena firmato (biennale per lui) e del futuro dei rossoneri.

Ad aprire la conferenza è proprio mister Stroppa: “Era importante dare la possibilità di proseguire la programmazione fatta quest’anno, il contratto per me è motivo d’orgoglio: sta a significare che abbiamo gli stessi interessi e quindi sono lusingato. Nel momento in cui la società mi ha chiesto di continuare, da parte mia c’è stato subito un sì; se non ci fosse stato, avrei chiesto io di rimanere. I due anni di contratto? Un attestato di stima”.

Parla poi Fedele Sannella: “Ad agosto quando ci siamo incontrati per la prima volta ed abbiamo deciso di affidarci a Stroppa, ci siamo detti: vediamo quello che succede e poi sicuramente parleremo del futuro. Per i risultati ottenuti, l’allenatore ha lavorato benissimo. Il campionato di B non lo faremo da comparsa, ma faremo una buona squadra per arrivare alla salvezza al più presto, questo per il primo anno”.

La palla torna poi al tecnico: “Quanto al mercato, ad ognuno il proprio ruolo. Sicuramente questa squadra sarà rinforzata, non solo tecnicamente ma anche numericamente, ma c’è una base eccezionale da cui ripartire. Bisognerà metter dentro dei giocatori che dovranno far fare il salto di qualità nel modo giusto. Ci siamo riusciti a gennaio scegliendo in maniera mirata gli uomini giusti, la base era già importante, eravamo tra le prime 3 e poi c’è stata la cavalcata importante; questo è merito della società che mi ha messo a disposizione dei giocatori eccezionali. Esempi come Spal e Benevento non vorrei che diventassero una cosa scontata, perché fortunatamente o sfortunatamente c’è il campo. Questa è una squadra che ha fatto cose che mai nessuno aveva fatto, irripetibili, ma questo non significa che in maniera scontata saremo protagonisti in B. Le neopromosse” – spiega – “che fanno bene non ci devono buttare fumo negli occhi, non possiamo sbilanciarci o fare dei proclami. Il mio pensiero resta la salvezza e dobbiamo raggiungerla il più presto possibile, perché la serie B è un campionato difficile dove serve tanto equilibrio sia in campo che fuori”.

Ancora il patron Sannella: “Il nostro primo anno è stata sì una delusione, ma sicuramente quell’anno di transizione in Lega Pro è servito sia alla società che alla squadra, ci ha fatto maturare tutti. Pensare subito alla serie A ritengo sia pretestuoso, anche se altri club ci sono riusciti; ovvio che, se a gennaio saremo in una posizione valida per giocarcela, non ci tireremo indietro nel rinforzare la squadra come il mister chiederà, però sappiamo che la B non è solo Venezia e Cremonese, ma ci sono tante squadre importanti”.

Stroppa conclude il suo intervento: “In sede di mercato bisogna tener conto di tanti aspetti. Credo che il campionato appena trascorso, mi abbia dato la fotografia di unione e di attaccamento alla maglia della squadra. I valori extracalcistici hanno dato una rilevanza importante. È da tener conto la personalità e la compattezza che non deve essere snaturata. Ribadisco l’obiettivo salvezza però, ma è ovvio che giocheremo per vincere tutte le partite. Se ci salveremo, non sarà assolutamente un fallimento. Abbiamo il vantaggio di partire con entusiasmo che l’anno scorso non c’era all’inizio. Dovremo arrivare ai risultati con il lavoro: la filosofia di gioco sarà la stessa, non conosco altra strada; essere padroni del campo, la mentalità offensiva, è una base da cui ripartire. Mi aspettavo di vincere il campionato, ne ero convinto, è stato un percorso che ho sentito mio. Aver visto la squadra imporsi contro Venezia e Cremonese, è stato un piacere. C’è da dire che non ho mangiato solo caviale, ma ora c’è un risultato che è lì e si tocca con mano. Il feeling che si è creato con la società non necessitava di una firma per continuare, loro mi hanno fatto crescere. A volte l’allenatore è abbastanza fumantino, è istintivo, ma avere la possibilità del confronto con i dirigenti quotidianamente, mi ha fatto crescere. Aver fatto l’allenatore del Foggia era già motivo d’orgoglio; a livello professionale aver raggiunto poi questo risultato è impagabile, anche per come lo si è raggiunto. Sono consapevole che tra un mese inizierà un nuovo percorso e la sensazione è di non aver mai certezza. A chi sarà costretto a lasciare il Foggia, c’è da dire solo grazie. Quanto agli interventi sul mercato, direi innanzitutto i doppi ruoli, magari qualche giovane in più. Per il resto la società sa quali possono essere le strategie”.

Conclude la conferenza il d.g. Colucci, che parla delle strategie di mercato dei Satanelli: “Andremo a vedere le fasi finali del campionato Primavera. Stiamo programmando, c’è l’appuntamento con Atalanta per il discorso Agazzi, vediamo se si potrà allungare il prestito, mentre abbiamo definito con la Paganese per il riscatto di Deli. Abbiamo le idee chiare, il mister sa benissimo cosa vuole e ci stiamo muovendo. La nostra idea non è di smantellare, però vedendo Benevento e Spal, sicuramente hanno cambiato tanto. Qualcosa sicuramente faremo, non so dire però il numero preciso di operazioni. Chi rientrerà dal prestito ha mercato, sempre se non dovesse rientrare nelle idee del mister, e c’è qualcuno che a lui piace. Vacca è un patrimonio, ha sempre avuto richieste da gennaio e ne avrà anche in estate, ma abbiamo la necessità di mantenere i giocatori importanti e lui lo è. Sappiamo che il mercato si muove sempre, ma per noi resta incedibile”.

(A cura di Salvatore Fratello, Foggia 01.06.2017)

redazione stato quotidiano.it

Stroppa “Orgoglioso di allenare il Foggia in B” ultima modifica: 2017-06-01T22:17:26+00:00 da Salvatore Fratello



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi