ManfredoniaZapponeta
"La delibera di Giunta Comunale n.40 del 26 Aprile, inerente l’approvazione dello schema del Rendiconto , è priva di molteplici documenti contabili previsti"

Zapponeta, Scommegna “Rendiconto 2016: ognuno si assuma le proprie responsabilità”

"Se è vero che l’Organo di revisione ha espresso parere favorevole per l’approvazione del rendiconto è pur vero che l’espressione di un parere favorevole non può legittimare le inadempienze e le omissioni che hanno caratterizzato la gestione finanziaria dell’Ente"


Di:

Zapponeta. “Rendiconto 2016: ognuno si assuma le proprie responsabilità“: è quanto chiesto dal consigliere comunale di Zapponeta, dr. Matteo Scommegna, attrav erso una relazione relativa all’approvazione del rendiconto di gestione anno 2016. Ieri, 31 maggio 2017, si è svolta la seduta consiliare relativa al richiamato oggetto. La relazione è stata votata dai consiglieri di minoranza e da Francesco Iacoviello.

TESTO INTEGRALE. ”Anche quest’anno, come per gli esercizi precedenti , il Comune di Zapponeta procede all’approvazione del rendiconto finanziario soltanto su diffida della Prefettura di Foggia ed a pena dello scioglimento del Consiglio in caso di mancato adempimento.

Devo anche constatare che , nonostante l’enorme ritardo rispetto alla data del 30 Aprile fissata dalla legge per l’approvazione del Rendiconto, la documentazione contabile è stata messa a disposizione dei Consiglieri con notevole ritardo rispetto ai tempi fissati dal Regolamento di contabilità.

E non poteva essere diversamente dal momento che la Giunta Comunale ha proceduto all’approvazione della delibera di riaccertamento dei residui attivi e passivi soltanto in data 24 Maggio e cioè pochi giorni prima dell’approvazione da parte del Consiglio Comunale della proposta del Rendiconto della gestione dell’esercizio 2016 , senza , tra l’altro, acquisire il parere dell’Organo di revisione. Ma quest’atto non doveva essere propedeutico alla delibera di Giunta Comunale n.40 del 26 Aprile 2017 ? Evidentemente regna un po’ di confusione nell’ Amministrazione comunale dal momento in cui non si procede per ordine nell’approvazione dei documenti contabili.

A parte questo rilievo che non è soltanto di natura formale , la delibera di Giunta Comunale n.40 del 26 Aprile , inerente l’approvazione dello schema del Rendiconto , è priva di molteplici documenti contabili previsti dall’art .11 comma 4 del Decreto Legislativo n.118 del 2011 , con specifico riferimento a :
– Il prospetto concernente la composizione , per missioni e programmi, del fondo pluriennale vincolato;
– Il prospetto concernente la composizione del fondo crediti di dubbia esigibilità;
– Il prospetto degli accertamenti per titoli, tipologie e categorie;
– Il prospetto degli impegni per missioni, programmi e macroaggregati;
– Il prospetto rappresentativo dei costi sostenuti per missione ;
– Il prospetto dei dati SIOPE;
– L’elenco dei crediti inesigibili, stralciati dal conto del bilancio, sino al compimento dei m termini di prescrizione.

E’ auspicabile la sussistenza di tali documenti: diversamente sono da ricercare le cause che hanno impedito la loro presentazione e gli effetti giuridici di tale grave mancanza quale l’annullamento dell’approvazione del rendiconto e conseguentemente lo scioglimento del Consiglio Comunale.

Ma non è questo il nostro obiettivo. L’obiettivo principale rimane il controllo sulla trasparenza della gestione e soprattutto una gestione rivolta alla risoluzione delle numerose problematiche che penalizzano la popolazione a partire dalla nostra agricoltura che sta attraversando grossissime difficoltà per finire al turismo, il cui decollo da anni rimane solo una promessa.

La Relazione sulla gestione formulata ed approvata dalla Giunta Comunale con la predetta delibera n.40 del 26 Aprile , a norma di legge avrebbe dovuto evidenziare le valutazioni di efficacia dell’azione condotta sulla base dei risultati conseguiti in rapporto ai programmi ed ai costi sostenuti.
Tale Relazione , oltre a non illustrare la gestione dell’Ente nel rispetto di tutte le indicazioni previste dall’art.11 –comma 6 del Decreto Legislativo n.118 del 2011 non fornisce alcuna informazione riguardante i risultati della gestione .
Del resto anche l’Organo di Revisione ha definito la Relazione testualmente: “ scarna e poco soddisfacente rispetto a quanto previsto dall’art.231 del Testo Unico secondo le modalità previste dall’art.11, comma 6 del Decreto Legislativo n.118 del 2011 “.

Palazzo Comune Zapponeta (St)

Sede Comune Zapponeta (St, archivio)

E proprio dall’Organo di revisione sono pervenute le informazioni che hanno posto in evidenza le criticità sul rendiconto della gestione come :
– La mancata adozione del piano triennale del contenimento delle spese, ai sensi dell’art.2 della legge 244 del 2007;
– Mancata istituzione del fondo spese e rischi futuri per eventuali passività potenziali dell’Ente ( si sottolinea che l’istituzione di tale fondo avrebbe comportato un risultato negativo della gestione avendo l’Ente già accantonato l’avanzo registrato quasi integralmente nel fondo crediti di dubbia e difficile esazione );
– Mancata parificazione del conto del tesoriere con quella dell’Ente con riferimento alla cassa dell’Ente;
– Mancata trasmissione dei debiti fuori bilancio alla procura della Sezione regionale della Corte dei Conti;
– Impossibilità di valutare la posta fondo contrattazione decentrata per mancanza di documentazione ;
– Mancato rispetto del limite di indebitamento disposto dall’art.204 del Testo Unico con l’incidenza degli interessi passivi pari all’ 11,62%;
– Una bassa percentuale di riscossione delle entrate principalmente quelle tributarie sia in conto residui che in conto competenza.
Quest’ultimo rilievo rappresenta un dato preoccupante per l’Ente in quanto riportare in bilancio residui attivi per oltre due milioni di euro ha anche significato mantenere in bilancio residui passivi per circa 1.700.000,00 euro ovvero non pagare debiti ,con gravi conseguenze sulla regolarità amministrativa e sull’allungamento dei tempi di pagamento.
In ogni caso è evidente che L’Ente denota una capacità di riscossione del tutto inadeguata alle proprie necessità, senza, tra l’altro, che siano motivate le cause di tale inadeguatezza.

Se è vero che l’Organo di revisione ha espresso parere favorevole per l’approvazione del rendiconto è pur vero che l’espressione di un parere favorevole non può legittimare le inadempienze e le omissioni che hanno caratterizzato la gestione finanziaria dell’Ente : ognuno si assuma le proprie responsabilità.

Per le violazioni di legge innanzi riportate, per i gravi rilievi formulati dall’Organo di revisione , sulla base dei risultati conseguiti e la non coerenza tra gli obiettivi ed i costi sostenuti si esprime il voto contrario all’approvazione del Rendiconto della gestione per l’anno 2016 e si chiede che la presente relazione sia acquisita ed inserita nella delibera consiliare , quale parte integrante”.

REDAZIONE STATO QUOTIDIANO.IT – RIPRODUZIONE RISERVATA

Zapponeta, Scommegna “Rendiconto 2016: ognuno si assuma le proprie responsabilità” ultima modifica: 2017-06-01T13:34:21+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
9

Commenti


  • il sipontino

    Se avete bisogno di consigli chiedete a Manfredonia, loro sono molto esperti in materia di debiti.


  • anestesia

    come dice qualcuno “era ora”.
    ma tanto dopo la fusione della minoranza con il “ciccilluzzo” e il “Rizzi” siamo arrivati allo schifo più totale.
    vergognatevi tutti…..il vostro vero obiettivo è passare alla maggioranza…..vero?
    scommegna che legge con voce tremante una relazione scritta a quattro mani (certo non da lui).
    sono sicuro che di ciò che ha letto non ha ..questo è!!
    abbiamo votato voi per salvaguardare noi cittadini,invece, voi aspirate ad altro e quell’altro!!


  • Michele

    Il ciccilluzzo -lasciatelo perdere. Vuole fare la guerra da sole,ma oramai è bruciato.se si mette in lista non prende neanche il voto …. Non infierite più di tanto.


  • Pazzo

    Dico io iacoviello perché non è rimasto alla poltrona….. poteva fare come tutti gli altri. Ora è rimasto solo senza amici, senza un elettorato, – chi può credere in lui? -… ma che dire delusione totale di tutti quanti! L’unico iacoviello, ma possiamo credere in un ragazzo che vuole troppa legalità? –


  • Futioso

    Abili e scaltri a travasare e occultare la vera situazione che si è venuta a creare a zapponeta.
    Solo clientelismo, parenti assunti o addirittura vincitori di appalti.
    Questa è la realtà.
    Non voterò mai più Vincenzo D’Aluisio, e stato una delusione profonda che di fatto caratterizza questa amministrazione.
    Invece qualcuno pensa ancora alle alleanze, sorvolando di schifo di -messo insieme da questa amministrazione.


  • elettroschok

    qualcuno ha bisogno di un elettroschok? riprendetevi a zapponeta non cambierà mai niente.. basta vedere che su un articolo,invece di parlare dell’articolo si parla di cicciilluzz.. qualcuno forse ha paura e l’offende continuamente. E’ un bravo ragazzo che ha conosciuto gente sbagliata. un ragazzo capace preparato sia a livello politico che amministrativo….. Ma voi di zapponeta dormite! quel ragazzo merita rispetto!


  • vivalavida

    Ciccio non ha fatto niente di male, (MODERAZIONE,NDR). il fabio lo ha proprio distrutto,quindi ciccilluzzo -…. –


  • zapponeta dell 800

    ciccilluzzo-rizzi-franklin?
    Che ciambotta…………..manca solo il massone e poi possiamo vendere il paese.
    Zapponeta rifugio dei *———————— (MODERAZIONE,NDR)


  • Streaming

    Il problema vostro e pensare sempre a ciccilluzzo perché è evidente che avete paura di lui.Sopratutto dopo il comizio. Il problema sono i giuda e gli infami e omertosi che.lo hanno abbracciato dopo il comizio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi