Manfredonia
A cura di Antonella Umbriano

Manfredonia, “Buoni esempi che non si sprecano”

Un valido esempio che non si spreca

Di:

Manfredonia. Le cronache di questi giorni raccontano di un quadro impietoso che rispecchia la nostra città, a farla da padrone sono i tanti “furbetti” che gettano rifiuti di ogni tipo, Le zone interessate dallo scarico sono tutte a cominciare da Siponto che è presa di mira dai più, la zona di Montecchio, la zona del centro, le periferie. È un vero braccio di ferro, quello ingaggiato dalla amministrazione e ASE, contro questi indisciplinati inquinatori che sporcano e devastano anche dove è stato appena ripulito con tanto di intervento degli addetti.

Una brutta storia che non testimonia certo a favore del popolo Sipontino. Eppure a ben guardare, qualcosa di buono c’è, esistono esempi rari che vale la pena citare, come il caso della sig.ra Anna C. che lunedì pomeriggio, dalla sua pagina social, ha lanciato un accorato appello ai tanti concittadini per ripulire il parco giochi di viale Michelangelo. Il giorno dopo, con grande sorpresa, un gruppetto di donne con a seguito i loro bambini, armate di tutto punto, hanno ripulito per bene tutto lo spazio ludico, raccogliendo vetro, plastica, carta, fogliame, e tanto altro, in appositi sacchi che poi sono stati chiusi e ritirati dagli operatori dell’ASE, ad unirsi al gruppo in fieri, altre signore che erano sul posto per far giocare i propri pargoli, che non hanno lesinato il loro contributo.

A lavoro ultimato, il parco giochi era veramente tirato a lucido, pulito e sistemato, e a guardare bene, si respirava un aria nuova, una rinnovata sensazione di sicurezza per i bambini, finalmente liberi di giocare, ma anche la certezza che da cittadini si è dato il proprio contributo nel rendere Manfredonia una città più accogliente, abitata da donne e uomini liberi e coscienziosi a cui bisogna riconoscere il merito di aver intrapreso Un’iniziativa lodevole, che fa onore per l’educazione civica che lascia, per la sensibilità e l’impegno.

Un bell’esempio scaturito dal basso, che fa ben sperare su una popolazione che poi così incivile non è.

Un valido esempio che non si spreca.

(A cura di Antonella Umbriano, Manfredonia 01.07.2016)

FOTOGALLERY



Vota questo articolo:
5

Commenti


  • Pinocchiosovrappesosemileso

    Brave signore, sostituite il lavoro dell’ASE che comunque viene pagata con milioni di soldi di tasse dei sipontini. Non dimenticate che l’ASE è un’azienda COMUNALE e che DIPENDE dal COMUNE. Quindi la prossima volta, quando andate a votare ricordatevelo e date il buon esempio non solo a ripulire il giardino, ma in ogni momento della vostra giornata, anche sul lavoro.


  • porche

    Allora SI comincia bene anche se viene a mancare Il lavoro che doveva svolgere l’Ase.


  • Salvatore Clemente

    Lodevole esempio di queste signore che ci invita a riservare nelle zone pubbliche le stesse attenzioni che riserviamo in casa.
    In fin dei conti, la zona pubblica è la casa di tutti e tutti siamo chiamati a mantenerla in buono stato.
    Grazie a chi si è prodigato in questa piccola/grande impresa!!!


  • Giacomo

    Ma perché non la smettiamo di addossare tutte le responsabilità all’ASE?Smettiamola con questa logica becera: dire che spetta all’ASE pulire è la stessa logica chr ci spinge a tirare a terra il nostro fazzoletto o i nostri rifiuti, consapevoli che qualcun altro lo farà per noi. Iniziamo a far crescere il NOSTRO senso civico e non avremo più bisogno di questi esempi e l’ASE potrà finalmente occuparsi solo dell’ordinaria pulizia.


  • Biagio c .

    Il genero umano non si accontenta mai avete sempre da dire la signora Anna c . Pur essendo disoccupata lei e il marito ha fatto una cosa buona per tutti i cittadini non solo per lei e voi parlate che toglie il lavoro alle ase mi fate pena vergognatevi lo dico come padre e cittadino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati