Manfredonia
"Mi fanno sapere che saranno preservate le specialità esistenti"

Ospedale Manfredonia, Gatta “Preoccupa condizionale per il piano di riordino”

"Da Roma il governo nazionale potrebbe, volendo, chiedere alla Regione ulteriori tagli"

Di:

Manfredonia. “Ho ricevuto finalmente risposta alla mia interrogazione sul destino dell’ospedale di Manfredonia, dopo tanta confusione creata da informazioni mai precise sul piano di riordino ospedaliero: secondo quanto sottoscritto dal direttore del Dipartimento Salute, dr. Gorgoni, il nosocomio “verrebbe classificato come ospedale di base” mantenendo i reparti esistenti”. Lo dichiara il vicepresidente del Consiglio regionale, Giandiego Gatta. “Dall’assessorato regionale alla Sanità -aggiunge- mi fanno sapere che saranno preservate le specialità esistenti, oltre a quelle espressamente previste dal D.M 70/2015, e si prevede il mantenimento del punto di emergenza-urgenza con la presenza del Pronto Soccorso. Tuttavia, preoccupa il “condizionale” utilizzato nella risposta, perché la Puglia vaga ancora nell’incertezza del parere ministeriale al documento di riordino. Il che significa che da Roma il governo nazionale potrebbe, volendo, chiedere alla Regione ulteriori tagli. Tagli che Manfredonia non potrebbe sopportare, per la geografia del nostro territorio. Pertanto, poiché la struttura in questione serve un bacino rilevantissimo di utenza ed è determinante per salvare vite umane, ci auguriamo che si mantenga il punto di quanto stabilito. Altrimenti -conclude Gatta- non esiteremo a compiere ogni manifestazione in difesa dell’ospedale e del diritto alla salute dei cittadini”.

Redazione Stato Quotidiano.it



Vota questo articolo:
17

Commenti

  • Bisogna unirsi per chiedere la riattivazione del punto nascite


  • Virgilio

    Dopo anni di silenzio adesso tutti si interessa dell’ospedale adesso tutti pronti a salvarlo tutti tranne uno che fa il sindaco dorme


  • michele

    Ma nell’ospedale non lavorano i medici , non li ho visti neanche una volta protestare , forse loro si sento superiori oppure fanno fare il lavoro sporco ad altri e poi si prendono i meriti . Medici se ci tenete all’ospedale fatevi sentire e vedere perché ad oggi siete dei fantasmi


  • Libero

    Scusate non è un commento politicizzato il mio,ma sbaglio o gatta ha scoperto l’acqua calda? Sono già alcuni mesi che si sà che l’ultima parola adesso è di Renzi e che in futuro se ci saranno altri tagli il prossimo ospedale a saltare sarà Manfredonia?

  • SONO D ACCORDO CON VIRGILIO IL SINDACO DOVE STA. IL DIRITTO ALLA SALUTE E UN BENE DI TUTTI L OSPEDALE RACCHIUDE UN TERRITORIO MOLTO VASTO PER ESSERE CHIUSO COSI SI AFFOLLEREBBERO ANCHE GLI OSPEDALI DI FOGGIA E SAN GIOVANNI ROTONDO GIA IN SOVRAFFOLLAMENTO PER ALTRE ZONE DEL GARGANO E DEL SUBBAPPENNINO. BISOGNA STARE UNITI TUTTI POPOLAZIONE E POLITICI E SE E NECESSARIO ANDARE ANCHE SOTTO CASA DEI SIGNORI CHE STANNO AL GOVERNO COMODI A PRENDERE IL LORO STIPENDIO MENSILE DETTANDO LEGGI DI QUA E DI LA TOGLIENDO IL DIRITTO AL LAVORO ED ALLA SALUTE.L OSPEDALE DI MANFREDONIA NON DEVE CHIUDERE ANZI DI ESSERE RAFFORZATO SOPRATTUTTO NEL PERIODO ESTIVO .SPERIAMO BENE


  • I paraculo bis

    Avvisate d Ambrosio che proprio il giorno in cui faceva uscire l articolo sulla chiusura del reparto di ortopedia e si preoccupava che nel reparto di chirurgia tornasse roggia proprio quel giorno combinazione ha preso servizio il dott roggia in ospedale. Naturalmente d Ambrosio lo sapeva ecco perché sono tutti dei grandi -. Roggia andrà in pensione a fine anno.se siamo intelligenti e i manfredoniani sono intelligenti tirate voi le conclusioni! !!!!!!!!!!! Damiano ma tu pensi di avere a che fare con un popolo di cretini?


  • michele

    X i soliti noti . State attaccando D’Ambrosio perché la gente non sa la verità. Allora la diciamo noi così tutta la gente sa e sa chi ccommenta contro D’Ambrosio e Roggia . Cari manfredoniani dovete sapere che il primario di Cerignola non poteva da solo trasferire gli interventi qualcuno faceva il suo gioco per i propri interessi . Purtroppo il cerignolano è stato attaccato da tutti dipendenti e politici come D’Ambrosio , questo a portato il cerignolano a dimettersi . In questo periodo D’Ambrosio con l’aiuto di gente preparata hanno trovato una soluzione . Hanno cercato di far venire un altro chirurgo che lavorava a Lucera molto bravo e capace , il quale voleva venire ad operare a Manfredonia ma non è venuto perché non sarebbe stato il primario di chirurgia ma un semplice chirurgo,perché lo voleva fare qualcun’altro anche se non è alla stessa altezza di quello di Lucera . Pensavano di avercela fatta , ma D’Ambrosio con gli altri hanno trovato un’altra soluzione far venire Roggia con quest’altro chirurgo per poi Roggia prima di lasciare da l’incarico di sostituto primario all’altro chirurgo di Lucera . Quindi adesso capite chi ci rimetterebbe con la venuta di Roggia , capite per quale motivo attaccano D’Ambrosio e Roggia , di sicuro non noi manfredoniani che vogliamo che il nostro ospedale funzioni.


  • dirimpettaio dell'Asl foggia

    Scusatemi vorrei dire a quei due che da 3 mesi vengono tutti i giorni mattina e pomeriggio a Foggia , la macchina mettetela da un’altra parte o riverniciatela il colore è troppo allampante . Domani mattina mi raccomando


  • Enrica Amodeo

    La sanità a Manfredonia non è solo l’ospedale, c’è anche il Centro di riabilitazione A. Cesarano che offre un importantissimo servizio riabilitativo ai bambini disabili del nostro paese.Lo stanno facendo morire lentamente, col personale che va in pensione e che non viene sostituito. Questo ai nostri politici non sembra importare.Il dott. Piazzolla, direttore generale dell’ASL Foggia, pur sollecitato con diversi articoli di denuncia, lettere e petizioni dei genitori, non riceve nessuno…Al sindaco è stato chiesto più volte di intervenire. Inutilmente. Tra alcuni mesi andranno in pensione altri validi terapisti e sarà la fine. VERGOGNA!


  • Tony

    Mi rivolgo ai politici , quando raccomandate una persona per cortesia prendetevi conto se è capace , nel nostro ospedale ci sono persone che sarebbe meglio se stessero a casa loro . So cioccie e presentuse .


  • mik

    signori,
    cerchiamo di vedere il bicchiere mezzo pieno e non mezzo vuoto, crediamoci almeno noi Manfredonia. A prescindere da chi sia il primario, da come sia venuto,che sia tornato, da chi l’abbia messo, vediamo una nota positiva: roggia differentemente da ulivieri ha la voglia di lavorare di operare di lavorare, così come altri menbri di quel reparto come il dr. torre, masi si rimboccano le mani nel momenti del bisogno, e non come ulivieri e i suoi ammiccherai che hanno ridotto un reparto di chirurgia in una lungodegenza


  • IL PIU' GRANDE COMPLOTTO DELLA STORIA DI MANFREDONIA!

    Ci prendono a tutti per i fondelli su tutti i campi! Tanto nessuno protesta e se qualcuno lo fa viene deriso e ridicolizzato. L’importante è solo assicurare lunga vita al calcio e al Miramare!


  • Zuzzurellone Sipontino

    Già dal suo primo mandato, lei Consigliere Gatta lanciò tantissimi allarmi in tal senso, e fu tacciato di allarmismo. Le si deve dare merito. E la sinistra (si fa per dire) al governo regionale e cittadino da diverse legislature, cosa ha fatto e cosa fà?


  • Elettore deluso

    sono tutti uguali non se ne salva uno.


  • Razzi vale tutti i politici sipontini messi insieme.


  • Capacchione

    Ben vengano chirurghi come Roggia e Rucci ,che insieme ai chirurghi già presenti come La Torre e Masi possono riportare la chirurgia di Manfredonia ad alti livelli . Prego il dott. Roggia di ridare credibilità , stabilità al reparto.


  • Il cammello di Re Menale si è ingroppato il cavallo di Re Manfredi.

    Ci vorrebbe un referendum per uscire dalla provincia di Foggia e dalla Puglia per chiedere di entrare nella Campania e nella Provincia di Napoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati