Stato prima
"Serve una legge elettorale con obbligo di accorpamenti o non c'è niente da fare"

Mattarella: ‘probabile voto entro inizio primavera’

E i renziani non chiudono: le proposte Pd di Mattarellum e Rosatellum andavano in questo senso, ma le ha bocciate Mdp in commissione. A settembre, aggiungono, se ne riparlerà. Ma la realtà è di numeri parlamentari difficili


Di:

(ansa) E’ probabile il voto “a fine legislatura”, tra febbraio e inizio primavera, dice il presidente della Repubblica Sergio Mattarella dal Canada. E invoca la riforma elettorale, con parole che risuonano alle orecchie di chi ancora vagheggiava il voto anticipato con il Consultellum. “Serve una legge elettorale con obbligo di accorpamenti o non c’è niente da fare”, osserva Romano Prodi. Per una legge con le coalizioni spingono anche Orlando e Franceschini.

E i renziani non chiudono: le proposte Pd di Mattarellum e Rosatellum andavano in questo senso, ma le ha bocciate Mdp in commissione. A settembre, aggiungono, se ne riparlerà. Ma la realtà è di numeri parlamentari difficili. Nelle parole scandite dai dirigenti Dem a Milano si nota la scelta di toni morbidi (un segnale soprattutto a Prodi e Veltroni) ma viene confermata l’ambizione di dare al Pd un profilo di partito aperto e “largo” di centrosinistra. Ma come ci si può alleare con Mdp che vota contro il governo?, domandano i renziani. (ansa)

Mattarella: ‘probabile voto entro inizio primavera’ ultima modifica: 2017-07-01T09:24:02+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi