Manfredonia

Mobilità in deroga: pagate indennità maggio e giugno, presto luglio

Di:

Il presidente nazionale Inps, Antonio Mastapasqua (st@)

Bari/Manfredonia – PROTESTE lavoratori per mancati pagamenti mobilità in deroga : attivate le procedure per maggio e giugno, con luglio prossimo al pagamento. E’ quanto emerge da fonti vicine all’ambiente dopo la richiesta di informazioni da parte dei circa 400 lavoratori di Manfredonia, già occupati in aziende locali (in primis CdA), allertati dopo la nota del direttore regionale dell’Inps Giovanni di Monte.

Dalla raccolta dati, le indennità per la mobilità in deroga di maggio e giugno sarebbero state già pagate, con definizione delle procedure entro i prossimi 7 giorni, come le indennità di luglio prossime al pagamento entro fine mese. Nessuna motivazione per i ritardi comunque avvenuti.

Da segnalare alcuni episodi di “inciviltà” – nei giorni scorsi, nei pressi della sede Inps di Manfredonia; il pagamento delle indennità dovrebbe riportare un doveroso clima di moderazione nelle varie parti interessate.

Il problema – per i lavoratori – sarebbe insorto dalle ferie prese dagli addetti alla valutazione delle posizioni quanto dalla mancanza del personale. Nella sede Inps di Manfredonia ci sarebbero solo due addetti: uno per il pagamento delle mobilità in deroga, un altro per le situazioni relative alla Cassa integrazione. Da qui le presunte difficoltà con la mancanza di un solo addetto alle procedure.

Le cause dei ritardi. Si ricorda che dall’Accordo Stato-Regione per i pagamenti relativi alle indennità in deroga, cigs e cig in deroga erano stati stanziati 120 milioni dal Governo e 40 milioni dalla compartecipazione regionale. In seguito, lo scorso 23 aprile 2012, alla presenza dell’Assessore al Welfare, dott.ssa Elena Gentile, era stato sottoscritto il verbale d’accordo tra la Regione Puglia, l’INPS e tutti i rappresentanti Datoriali e Sindacali per l’erogazione degli Ammortizzatori Sociali in deroga – annualità 2012.

L’accordo, che disciplina tutti gli aspetti operativi per il riconoscimento e l’erogazione di Cassa Integrazione e Mobilità in deroga, era stato completato da un apposito Allegato Tecnico che contiene dettagliate indicazioni sulle modalità di presentazione delle relative istanze da parte di aziende e lavoratori interessati.

Con i fondi stanziati ci dovrebbe essere la copertura per le indennità fino ai mesi di settembre e ottobre. L’assessore Gentile avrebbe già fatto richiesto di ulteriori risorse. In Provincia di Foggia si farebbe riferimento a 4mila lavoratori interessati dagli ammortizzatori sociali in deroga. “E il dato è sempre in aumento”.

Anche il direttore regionale Inps G. Di Monte era intervenuto per i ritardi con una lettera inviata ai 36 direttori pugliesi dell’Istituto di previdenza sociale: se necessario posticipare le ferie del personale interno: “organizzare gli uffici in maniera tale da garantire i pagamenti di tutte le richieste autorizzate dalla regione Puglia, ivi comprese quelle inviata in data odierna, anche posticipando i periodi feriali dei funzionari addetti. I responsabili in parola hanno garantito il massimo impegno per la riuscita dell’operazione”. Come sarebbe avvenuto. La nota aveva fatto seguito ad un incontro del 2 luglio.

g.defilippo@statoquotidiano.it

Vota questo articolo:
10

Commenti


  • Anonimo

    INCIVILTÀ?????kiedere di parlare col direttore o il vice,sarebbe segno d inciviltà?da premettere ke ci sono famiglie ke nn percepiscono soldi da 3-4 mesi e ci vengono a parlare d inciviltà?quì a manfredonia,sono abituati a fin troppa pazienza,in altri paesi sicuramente sarebbero arrivati a risse e proteste serie…cmq se qualcuno ha detto ke lunedì ci son state situazioni INCIVILI,perkè nn spiegano anke in ke modo?il fatto è,ke vogliono nascondere le ferie del direttore ke anke se sono un suo diritto,potevano essere prese con qualke giorno di ritardo,assicurando a tt il pagamento dei diversi mesi di mobilità ke a tante famiglie servono come il pane…FATEVI UN ESAME DI COSCENZA E DI MEA CULPA!!!!!


  • Rosa Esposito

    Che i mesi di maggio e giugno sarannoprossimi ad essere pagati non è vero nulla!
    Mio marito aspetta i soldi dal mese di marzo.
    Mentre io ho fatto richiesta a maggio e ad oggi sui terminali inps non risulta ancora la richiesta.
    Il Direttore e i dipendenti prima di andare in ferie non hanno saputo darmi spiegazioni in merito.
    Viva l’Italia, e soprattutto viva il sud e Manfredonia. Pensate ad immaginare come si piò vivere senza nessuna entrata.


  • Redazione

    Gentile sig. Rosa;
    i dati ci sono stati comunicati come “certi e ufficiali”; in ogni modo continueremo a monitorare la situazione; presto un aggiornamento; grazie, un abbraccio; Red.


  • Rosa Esposito

    Forse abbiamo trovato la sulozione!
    Però se volete anch’io posso fornire dati certi e ufficali di quello che ho detto.


  • Redazione

    Certo; se vuole può fissare un appuntamento con la nostra redazione o inviare i Suoi dati a: segreteria@statoquotidiano.it; i dati derivano dagli enti preposti ai pagamenti; grazie; Red.


  • rosa esposito

    ciao,
    sono il diretto interessato. (marito)
    Ho fatto domanda di mobilita’ in deroga il 09/03/2012, e fino a oggi 02/08/2012,(e chissa’ per quando ancora) nn ho ancora percepito un solo centesimo della mobilita’ di marzo e aprile…..figuriamoci maggio,giugno e luglio.
    Ora, il problema nn e’ se le vostre fonti vi hanno dato dati veri o falsi,o che i miei figli domani li metto fuori i supermercati a fare la carita’ come fanno alcuni sfaticati extracomunitari per un tozzo di pane.Anche duro va bene visto le cose che sono costretti a subire per colpa di certa “gentaglia” che usa la politica dei “figli e figliastri”. Appunto, il problema e’ proprio questo, 400 lavoratori hanno percepito maggio, giugno e luglio a fine mese, e io? nn sono figlio di questa italia,nn sono figlio di questa Manfredonia che il nostro (caro) sindaco vuole cambiare e renderla piu’ civile ma poi nn riesce neanche a trovare un solo minuto per ricevermi.
    Nn chiedo un lavoro al sig.sindaco (gia’ so la risposta, ma almeno qualcuno puo’ farmi avere questi benedetti soldi che devo pagare i debiti che mi ha fatto fare quella grande azienda dm che ci ha lasciati in mezzo alla strada a me e mia moglie e devo far mangiare almeno il piccolo?
    ps.io a rubare nn ci vado,ma di sicuro domani vado alla sede dell’inps e spero che voi mandiate uno della vostra redazione per accertarvi che cio’ che ho scritto io, e’la verita’.


  • Redazione

    Se ci autorizza possiamo pubblicare questa nota; ci invii all’indirizzo segreteria@statoquotidiano.it i dati del suo nome, passata situazione lavorativa e storia; grazie; può anche contattarci chiedendo il numero all’indirizzo mail che vede; saluti; grazie; Red.


  • rosa esposito

    domani, dopo l’ennesimo tentativo di avere risposte da parte dell’inps vi contatto.
    ciao.


  • silvia

    io marito dopo12 anni di lavoro viene licenziato per cambio gestione c lasciano nella merda 2 stipendi da dare e tutta la l’iquidazione con 2 bimbi uno di 3 malato e una di 9 dopo 5 mesi ci danno questa merda di mobilita precisamente a febbraio 3 euro serviti a pagare i debiti fatti per dare da mangiare ai nostri bimbi a giugno altri 4 mila e poi piu nulla nel frattempo mio marito facev qualche lavoreto qu e la e adesso l’ufficio di collocamento lo ha chiamato per fare un corso e se si rifiutava gli toglievano lamobilita adesso anche uei pochi soldi che entravano non ci sono piu perche e costretto tutti i giorni ad andare a scuola benzina di tasca e i mie bimbi che piangono che desiderano tante cose e poi stanno gia a chiederti il regalino per natale e io non so come dirgli che non fa ma in che mondo siamo questi cazzo di politici scusate per lo sfogo mamma sarda dispeata


  • giovanni facciolati

    io ho fatto la domanda di mobilità a marzo 2012 siamo a dicembre e non ho visto neanche un centesimo….se non fosse per qualche lavoretto che faccio, a quest’ora io e la mia famiglia saremmo morti di fame!!!!vergogna e lo stato pretende che dobbiamo pagare le tasse.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Articoli correlati