Foggia
Dopo i giochi estivi 2016 per bambini dai 6 agli 11 anni, continuano le iniziative a favore dei più bisognosi

Alla parrocchia San Giovanni la solidarietà non va mai in vacanza

Il parroco "scendere in campo da protagonisti e non da comparse"

Di:

Foggia. Cresci, condividi, partecipa. Ama il prossimo tuo come te stesso. L’ altro visto non come ostacolo, qualcuno o qualcosa da mettere ai margini della società, ma una risorsa da valorizzare “a tutto tondo”. Questo è lo spirito dell’iniziativa, fortemente voluta dal Parroco don Ivo Carraro, dai suoi collaboratori e da S.E. Mons Vincenzo Pelvi, Arcivescovo Diocesi Foggia – Bovino, tenutasi lo scorso 31 luglio 2016, a partire dalle ore 11,30, in una calda e assolata giornata di Luglio, nei locali climatizzati, adiacenti alla Parrocchia San Giovanni Battista a Foggia, a pochi passi dal Centro Storico.

Un piacevole stare insieme, guardarsi negli occhi senza smartphone e tablet, face to face, dialogare, che rientra nell’ambito dei “pasti caldi” quotidiani, (colazione, pranzo e cena), offerti dalla Caritas Diocesana, guidata dall’ instancabile e sempre operoso don Francesco Catalano e dai suoi volontari giovani e meno giovani. Il tutto, per il benessere dei più bisognosi, in un clima di grande convivialità, con l’entusiasmo, la dedizione, passione e voglia di mettersi in gioco di parrocchiani e parrocchiane di ogni età che, fianco a fianco, gomito a gomito, alla solita giornata di mare e spiagge affollate, hanno preferito mettere a disposizione parte del loro tempo al servizio degli altri.

Un’ opera meritevole e degna di nota, ha avuto modo di evidenziare lo stesso parroco, durante l’omelia domenicale delle ore 20,00. Opera che fa da contrappasso ad una “quasi dormiente” città ma con, “dentro di sé”, tanta voglia di ricominciare, guardando al futuro “con occhi diversi”.

Un modo per evidenziare, ha incalzato il parroco, come ognuno, nel suo piccolo, può fare la propria parte, “scendendo in campo a trecento sessanta gradi”, per usare un termine sportivo, “sporcandosi le mani” se necessario, vivendo una vita da “protagonista” non “da comparsa”. Parole chiave: chi ha tempo non perda tempo. Presente anche Giuseppe Lacertosa che da Ottobre 2016 riprenderà, nei locali della parrocchia, il suo corso di fotografia sempre ricco di tante novità per rendere le foto, non per “dilettanti”, ma uniche nel tempo, una passione tutta da coltivare, scatto dopo scatto.

(A cura di Marco Bonnì, Foggia 01.08.2016)



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati