ManfredoniaStato news

Il 4 e 5 settembre a Manfredonia torna “Room”

Di:

Manfredonia. Domenica 4 e lunedì 5 settembre – prima di fare tappa al Festival “I teatri della Cupa” a Novoli –a Manfredonia tornerà in scena ROOM, lo spettacolo di BOTTEGA DEGLI APOCRIFI creato in camera d’albergo e diventato nell’estate 2015 uno spettacolo site specific a tutti gli effetti, cioè uno spettacolo che muta al mutare dello spazio che lo ospita e che si integra alla scenografia naturale dei luoghi per far entrare il pubblico in una camera d’albergo a cielo aperto.

La camera in questi giorni di inizio settembre accoglierà il pubblico in uno dei luoghi pubblici tra i più frequentati della città: PALAZZO DEI CELESTINI, sede della Biblioteca comunale. Obiettivo non sarà perciò quello di restituire un luogo alla Comunità, quanto quello di offrirle occhi nuovi per guardare sotto nuova luce uno spazio di sempre: il chiostro d’accesso alla Biblioteca.
Questa attività, organizzata da Bottega degli Apocrifi assieme al Comune di Manfredonia, è inserita all’interno del Programma Regionale di spettacolo dal vivo per la valorizzazione delle risorse culturali ed ambientali della Puglia (FSC 2007-2013 _APQ Rafforzato “Beni e attività culturali”).

Lo spettacolo, liberamente ispirato al testo “La signorina Else” di Arthur Schnitzler, vede come unica interprete l’attrice alessandrina Miriam Fieno, guidata dalla regia di Cosimo Severo, e ci regala alcune musiche originali create dal M° Fabio Trimigno.

SULLO SPETTACOLO


Una camera d’albergo, una giovane donna con una musica in testa. Si chiama Else. Quella camera non riesce proprio a stare in ordine. Siamo lì, nella sua stanza, tra le sue scarpe e i suoi vestiti. Uno di fianco all’altro e sentiamo chiaramente i suoi pensieri. L’idea di uno spettacolo in camera d’albergo è nata dal voyeurismo che attraversa il romanzo di Schnitzler, e dal suo ribaltamento.

Un voyeur guarda da lontano, al sicuro dietro il suo riparo. Qui lo spettatore è vittima di una vicinanza imbarazzante. Coinvolto suo malgrado in una storia privata, di famiglia, che- il bon ton insegna – dovrebbe essere risolta lontano da sguardi indiscreti. E invece i nostri sguardi non trovano via di fuga, e il fatto che Else faccia come se non ci fossimo non fa che peggiorare la situazione, perché è evidente che le sue parole e le sue azioni non subiranno censure. Un ritmo leggero e incalzante libera le parole e le fa diventare esattamente quello che sembrano: un battito tumultuante che risale gli incavi del corpo e palpita nella testa, un’affilata lama che l’ironia di una giovane donna insinua nelle viscere col ritmo brioso andante di un tono tragicomico.

BIGLIETTO UNICO € 5,00 POSTI LIMITATI

INFO E PRENOTAZIONI
Bottega degli Apocrifi/Teatro Comunale “Lucio Dalla”
Via della Croce_Manfredonia
0884/532829 – 335/244843



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati