Capitanata
L’azienda Terlizzi opera nel settore lapideo della trasformazione da alcuni anni

Terlizzi di Apricena, da 8 mesi lavoratori senza salario

"Siamo pronti a trattare con una soluzione che rispetti la dignità del lavoro"

Di:

Foggia. La FILLEA CGIL di Foggia denuncia la drammatica situazione economica e familiare dei lavoratori dell’azienda Terlizzi Antonio srl di Apricena, dal 21 luglio sono in sciopero per il mancato pagamento di otto mensilità. L’azienda Terlizzi opera nel settore lapideo della trasformazione da alcuni anni: i dipendenti hanno sofferto il ritardo dei pagamenti delle retribuzioni pur sostenendo ritmi di lavoro intensi con alto senso di responsabilità e attenzione ad una realtà produttiva del territorio. Tanto che non c’è crisi di produzione. L’azienda – che lamenta una crisi finanziaria legato al settore dell’edilizia – nel frattempo assume altra maestranza.

Dopo l’ennesima vana attesa dal 21 luglio è iniziato uno sciopero ad oltranza per il pagamento delle retribuzioni. Ma mentre le maestranze altamente professionalizzate, con anzianità aziendale fino a 40 anni sono in sciopero, è stato accertato dai competenti organi di controllo a cui va il nostro ringraziamento per l’attività tempestiva ed efficiente che l’azienda assume altre quattro lavoratori, impegnandoli nelle lavorazioni delle maestranza in sciopero. Per questo abbiamo già condannato tale comportamento da noi ritenuto antisindacale, ma ci chiediamo e siamo preoccupati: quando verranno pagati anche questi lavoratori ?

Siamo pronti a trattare con una soluzione che rispetti la dignità del lavoro, per poter rientrare al più presto nella normale attività produttiva. Allo stesso tempo siamo preoccupati per la mancanza relazioni con la rappresentanza associativa della piccole e medie imprese del settore lapideo e per lo stato di degrado complessivo della condizione dei lavoratori nel settore della trasformazione, un settore di fatica e usurante nonché rischioso per la salute e la sicurezza, dove ogni giorni registriamo violazione di diritti e di norme contrattuali con l’effetto di concorrenza sleale basata tra aziende unicamente sul riduzione del costo del lavoro, come per esempio la negazione della 14° mensilità, nonostante l’esistenza contratto provinciale del settore che da alcuni anni non viene rinnovato.



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati