Foggia
"L'industria del terrore oramai amministra le nostre vite"

Terrorismo, fa discutere striscione Casapound a Foggia

"Con la paura, con l'attesa dell'ignoto, con la minaccia sparata nel mucchio, ci vogliono ridurre a un popolo imbelle e spaventato, incapace di decidere e di reagire"

Di:

Foggia, 1 settembre – “E se fosse l’attesa dell’attentato l’attentato stesso?”. È l’inquietante quesito posto da CasaPound con una serie di striscioni affissi nella notte in oltre cento città italiane.

“L’industria del terrore oramai amministra le nostre vite, indirizza le scelte dei nostri governi, decide perfino dove dobbiamo andare in vacanza – spiega Cpi in una nota- Nonostante sia stata finora risparmiata sul suo territorio dalla furia assassina dell’odio jihadista, anche l’Italia ha chinato il capo al volere del califfo e, invece di chiudere le frontiere, ha intasato le strade delle nostre città di fioriere e barriere in cemento. Con la paura, con l’attesa dell’ignoto, con la minaccia sparata nel mucchio, ci vogliono ridurre a un popolo imbelle e spaventato, incapace di decidere e di reagire”, è scritto tra l’altro nel testo.

Terrorismo, fa discutere striscione Casapound a Foggia ultima modifica: 2017-09-01T10:27:30+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi