Eventi

Roseto Valfortore, Premio Lupo: ecco i vincitori del 2010

Di:

Piazza di Roseto Valfortore (immagine d'archivio)

Piazza di Roseto Valfortore (immagine d'archivio)

Roseto Valfortore (Fg) – LA Commissione Giudicatrice ha decretato i vincitori della quinta edizione del Premio Lupo, concorso letterario riservato ai racconti che hanno come soggetto le storie e il patrimonio culturale dei Monti Dauni. Per la sezione Adulti, con 514 voti, il gradino più alto del podio va a Paolo Pergolari (Perugia) con l’opera intitolata “La Lavanda del Re”; al secondo posto, suffragato da 488 voti, c’è Francesco Quitadamo (Foggia) che ha presentato il racconto dal titolo “Statale 17, dove il cielo è più vicino”; con 482 preferenze e l’opera “La resistenza degli alberi d’ulivo” il terzo posto va a Davide De Luca (Lucera). Questo, invece, il podio della sezione Adolescenti: la prima classificata è Valentina Salvanio premiata da 548 voti per l’opera intitolata “Rosaria Senise: Druda per odio e per passione”; secondo posto, con 478 voti, ad Antonio Pupillo (Alberona) e il suo racconto dal titolo “Alla ricerca del tesoro del nonno”; terzo posto, con 462 preferenze, a “Destino” di Erika Salvanio. Erika e Valentina sono sorelle, entrambe di Bovino, e hanno rispettivamente 17 e 15 anni; Antonio Pupillo, cui è andato il secondo posto, ha 13 anni.

Quest’anno sono stati 104 i racconti inediti che hanno concorso all’assegnazione del “Lupo”, un premio organizzato da sette comuni (Alberona, Biccari, Bovino, Castelluccio Valmaggiore, Celle San Vito, Faeto e Roseto Valfortore) con la collaborazione dell’Associazione Saturnia e il patrocinio di Regione Puglia e Provincia di Foggia. La cerimonia di premiazione si terrà ad Alberona il prossimo 30 ottobre, con programma e orario ancora da definire. Anche nel 2010, i migliori lavori saranno pubblicati su una piccola antologia che sarà presentata durante la kermesse di assegnazione dei premi. Il “Lupo”, intanto, sta crescendo di anno in anno: alla quarta edizione, quella del 2009, erano stati ammessi al concorso 83 racconti; 60 nel 2008, a dimostrazione di un’attenzione e un interesse crescenti nei confronti del Premio. Negli ultimi due anni, il “Lupo” è stato dominato dalle donne: l’anno scorso e quello precedente, sui 6 lavori premiati 4 avevano una firma del gentil sesso. Nel 2009 la cerimonia di premiazione si tenne a Faeto e i lavori premiati furono tradotti in francoprovenzale, idioma ancora vivo nel piccolo borgo. Il concorso di scrittura ideato cinque anni fa ha un duplice obiettivo: da un lato, si propone di valorizzare il patrimonio di storia e cultura rappresentato dai comuni dei Monti Dauni; dall’altro, intende essere un utile strumento per invogliare giovani e adulti a esercitare la propria creatività e ad usarla per promuovere paesi, tradizioni e valori che rappresentano le radici culturali di un vasto territorio. Le loro storie, i loro racconti, hanno il pregio di navigare con le parole tra i colori e le onde emotive che il paesaggio, la cultura e l’ospitalità delle popolazione dei Monti Dauni riescono a suscitare nell’animo.



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi