Politica

Vitalizi, Introna: “Aumenti automatici e pregressi, analisi sul sistema”

Di:

Il nuovo presidente del consiglio regionale pugliese, Onofrio Introna (Sel)

Il presidente del consiglio regionale pugliese, Onofrio Introna

Bari – IN relazione agli articoli di stampa sugli aumenti ai consiglieri regionali cessati dal mandato, il presidente del Consiglio regionale, Onofrio Introna, fa presente quanto segue. “Gli aumenti del trattamento degli ex consiglieri non sono stati deliberati dall’Ufficio di Presidenza, si tratta di un adeguamento automatico, un atto dovuto dagli uffici competenti, per effetto di norme che in questa legislatura intendiamo rivedere prioritariamente, nel quadro del contenimento dei costi della politica”.

È intervenuta una determinazione del dirigente del Servizio amministrazione e risorse umane del Consiglio regionale, adottata, in data 28/9/2010, in applicazione della legge regionale 25.2.2010, n. 5, che ha previsto, per gli anni 2010, 2011 e 2012, l’adeguamento degli assegni vitalizi esclusivamente e annualmente secondo i meccanismi previsti dall’art. 24 della legge statale 23.12.1998, n. 448 (Misure di finanza pubblica per la stabilizzazione e lo sviluppo).

Tale norma prevede che la percentuale di adeguamento annuale delle retribuzioni del personale non contrattualizzato sia determinata con decreto del presidente del Consiglio dei ministri, tenuto conto dei dati comunicati dall’ISTAT.Con DPCM del 30/4/2010, è stato disposto l’adeguamento delle retribuzioni dei docenti universitari, del personale dirigente della Polizia e delle Forze Armate del 3,09%, a decorrere dall’1/1/2010. Pertanto, con la determinazione, il dirigente del Servizio amministrazione non ha fatto altro che prendere atto dell’adeguamento degli assegni vitalizi e di reversibilità nella percentuale del 3,09 fissata dal DPCM.

“Il sistema è quello che è e gli uffici consiliari non possono che applicarlo, a norma di legge, ma una necessaria correzione al ribasso, è una priorità condivisa. D’intesa con tutti i gruppi di maggioranza e minoranza e come anticipato nelle dichiarazioni rese all’Assemblea all’atto dell’insediamento, è fermo intendimento dell’attuale Ufficio di Presidenza modificare l’impianto legislativo”.

Si andrà verso il necessario risparmio, a cominciare dalla riduzione del numero dei consiglieri – dagli attuali settanta ad almeno sessanta – e procedendo allo stesso tempo alla revisione degli istituti di fine mandato. La riduzione dei costi della politica, sulla quale converge la volontà dell’intero Consiglio regionale, resta il primo punto nell’agenda della nona legislatura”.

Redazione Stato

Vitalizi, Introna: “Aumenti automatici e pregressi, analisi sul sistema” ultima modifica: 2010-10-01T16:14:36+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi