Manfredonia
Come stabilito con recente sentenza

Manfredonia. Rimozione rifiuti speciali, Tar accoglie ricorso Consorzio Bonifica


Di:

Bari. (…) “l’obbligo di diligenza va valutato secondo criteri di ragionevole esigibilità, con la conseguenza che va esclusa la responsabilità per colpa anche quando sarebbe stato possibile evitare il fatto solo sopportando un sacrificio obiettivamente sproporzionato. In tale ottica la mancata recinzione del fondo, con effetto contenitivo dubitabile, atteso che non sempre la presenza di una recinzione è di ostacolo allo sversamento dei rifiuti, non può comunque costituire di per sé prova della colpevolezza del proprietario, rappresentando la recinzione una facoltà e non un obbligo. Insomma è ben diverso il mantenere in stato di corretta manutenzione e di pulizia le opere gestite dal rimuovere gli effetti prodotti sulle opere gestite da atti illeciti commessi da terzi ignoti” (cfr. Cons. Stato, sez. V, 22 febbraio 2016, n. 705).

Con recente sentenza, il TAR Puglia di Bari – sezione Prima – ha accolto il ricorso del 2016, proposto dal Consorzio per la Bonifica della Capitanata, contro il Comune di Manfredonia, per l’annullamento
– delle ordinanze n. 25/20016 e n. 26/2016 del Sindaco di Manfredonia notificate in data 1° agosto 2016;
– di ogni altro atto presupposto o consequenziale.

Relatore la dott.ssa Maria Grazia D’Alterio nell’udienza pubblica del giorno 5 luglio 2017.

FATTO e DIRITTO
Con il ricorso in esame, il Consorzio aveva contestato la legittimità delle ordinanze sindacali nn. 25 e 26 del 2 agosto 2016, con cui il Sindaco del Comune di Manfredonia ha ordinato, ai sensi e per gli effetti dell’art. 192, commi 1 e 3 del Decreto Legislativo n. 152 del 3 aprile 2006, al Consorzio per la bonifica della Capitanata, quale intestatario delle aree rurali ricadenti, rispettivamente, in località “Beccarini” (lato destro della carreggiata della S.P. 60) e in località “Terra Apuliae” (lato destro della carreggiata della S.P. 73), in agro di Manfredonia, la rimozione di tutti i rifiuti speciali, pericolosi e non, ivi abbandonati.

Per il Tar “(..) dal tenore dei provvedimenti impugnati emerge che l’ordine di rimozione dei rifiuti prescinde del tutto dalla verifica dell’elemento psicologico che avrebbe dovuto sorreggere la condotta omissiva del Consorzio, in violazione dell’art. 192, comma 3, D.lgs. 152/2006, secondo l’interpretazione fornita dalla richiamata giurisprudenza”.

Redazione StatoQuotidiano.it

Manfredonia. Rimozione rifiuti speciali, Tar accoglie ricorso Consorzio Bonifica ultima modifica: 2017-10-01T11:10:56+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi