Foggia
Tante emozioni, due legni (uno per parte) e le due compagini pugliesi si dividono la posta in palio

Lecce e Foggia, derby a reti bianche

Entrambe le squadre scendono al secondo posto a 24 punti, gli stessi del Matera

Di:

Foggia. Il super-derby termina a reti bianche. Davanti ai 17250 del “Via del Mare”, Lecce e Foggia impattano 0-0 nel Monday night del girone C di Lega Pro: tante emozioni, due legni (uno per parte) e le due compagini pugliesi si dividono la posta in palio, scendendo al secondo posto a 24 punti, gli stessi del Matera.

Modulo a specchio per i due tecnici, che schierano entrambi un 4-3-3: in quello di Padalino, sono Torromino e Pacilli a giocare a sostegno del centravanti Caturano, mentre mister Stroppa prova ancora a dirottare Mazzeo sulla fascia, con Chiricò sulla destra e Padovan come punta centrale. In avvio molto meglio il Foggia, che già al 4’ prova la conclusione con Chiricò, ma Bleve è bravo a neutralizzare il pericolo. Trascorrono sessanta secondi e i Satanelli sfiorano l’eurogol con Rubin: traversone di Agnelli dalla destra, il terzino tira al volo e la sfera si stampa sulla traversa, senza tuttavia superare la linea di porta. Ancora pericolosi gli ospiti al 13’, quando un corner di Chiricò impensierisce l’estremo difensore salentino, che respinge il traversone mancino diretto in rete. I giallorossi provano a rispondere al 19’, con Lepore che mette al centro un pallone teso su cui Caturano e Sanchez non riescono ad intervenire. Rischia l’autogol Arrigoni al 25’, allorquando, su traversone di Chiricò da corner, il difensore devia la sfera verso l’incrocio dei pali, costringendo Bleve a rifugiarsi ancora in un tiro dalla bandierina; sugli sviluppi dell’angolo, Vacca prolunga sul secondo palo, dove Lepore è provvidenziale ed anticipa il solissimo Chiricò. Verso la mezz’ora si rivedono i padroni di casa, con i tentativi di Torromino e Vitofrancesco che però non portano a nulla di concreto. Minuto 38, si fa pericoloso il Lecce, con Torromino che pesca benissimo Caturano, murato dall’ottimo Sanchez in uscita bassa. Passa ancora dai piedi del bomber ex-Melfi l’ultima opportunità della prima frazione, ma la sua conclusione dal limite si spegne lentamente a lato del palo.

Nella ripresa non cambiano le cose, il Foggia gestisce il pallino del gioco, mentre i salentini provano a colpire con le ripartenze. Bella azione dei rossoneri al 54’, pallone che dalla destra arriva ad Agnelli, la cui conclusione dall’interno dell’area è deviata in angolo da un difensore. I padroni di casa provano ad alzare il baricentro, andando vicini al vantaggio al 60’, quando Torromino serve un traversone sul primo palo, dove Caturano è pronto a deviare di testa, sfiorando di un soffio il palo alla sinistra di Sanchez; un minuto più tardi, ancora brividi per i Satanelli, è Mancosu a cogliere il legno su una conclusione di Mancosu dai venticinque metri. Sul ribaltamento di fronte ci prova Chiricò, il cui mancino a giro termina largo sul fondo. Nel finale tanta imprecisione, come all’87’, quando Gerbo va via a tre uomini sulla destra e serve il più arretrato Agnelli, che però spara ampiamente a lato. I minuti di recupero non regalano ulteriori sussulti, al 93’ arriva il triplice fischio, Foggia e Lecce si dividono la posta in palio.

TABELLINO
LECCE: (4-3-3) Bleve; Vitofrancesco, Cosenza, Giosa, Arrigoni (dal 72’ Fiordilino); Mancosu (dall’86’ Tsonev), Ciancio, Lepore; Pacilli (dall’89’ Doumbia), Torromino, Caturano. A disp.: Chironi, Gomis, Contessa, Monaco, Vutov, Capristo, Vinetot, Maimone, Persano. All.: Padalino.
FOGGIA: (4-3-3) Sanchez; Angelo, Martinelli, Empereur, Rubin; Agnelli, Vacca, Gerbo; Chiricò (dall’81’ Sarno), Mazzeo (dal 71’ Sainz-Maza), Padovan. A disp.: Tucci, Loiacono, Quinto, Letizia, Agazzi, Sicurella, Dinielli, Riverola, Sansone. All.: Stroppa.
Arbitro: sig. Guccini di Albano Laziale.
AMMONITI: Cosenza (L); Empereur, Sanchez, Rubin, Vacca (F). – ANGOLI: 10-6 per il Foggia. – RECUPERI: 0’ p.t.; 3’ s.t..

(A cura di Salvatore Fratello, Foggia 01.11.2016)



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati