Capitanata

Apricena, porte sbarrate al cementifico. Il Consiglio boccia all’unanimità


Di:

Una manifestazione contro il cementifico di Apricena (daunia.info)

Apricena – IL Consiglio comunale, all’unanimità dei presenti, ha preso atto dell’impossibilità di dare corso alla richiesta di insediamento del clinkerificio progettato dalla Apricena Leganti. La decisione è stata assunta nella riunione dell’Assise svoltasi nel pomeriggio di ieri. A motivare la scelta l’assunzione dei pareri negativi espressi dal Servizio urbanistico della Regione Puglia (del 21.06.2011) e del Settore assetto del territorio della Provincia di Foggia (del 19.09.2011), uniti alla determinazione della Conferenza dei Servizi (del 19.09.2011) di non ammissibilità della variante urbanistica prevista dal progetto.

Oltre agli atti tecnico-amministrativi, sull’esito della vicenda ha influito il processo di partecipazione civica attivato per consentire ai cittadini di essere protagonisti di una scelta così importante. “L’Amministrazione comunale e la maggioranza che la sostiene hanno manifestato interesse per il progetto, innanzitutto per gli interessanti effetti sull’occupazione e la riqualificazione ambientale di alcune aree – continua il primo cittadino apricenese – Tale interesse, però, ha sempre avuto come presupposto la sua fattibilità amministrativa e sostenibilità ambientale, che i pareri di Regione e Provincia hanno negato. Archiviata questa pratica, resta il tema della ricomposizione ambientale delle aree estrattive e della valorizzazione economica degli scarti dell’estrazione e della lavorazione della pietra – conclude Vito Zuccarino – con cui siamo chiamati a misurarci assumendo, ciascuno di noi, piena consapevolezza e responsabilità del ruolo istituzionale, politico e civico”

Redazione Stato, n.m.

Apricena, porte sbarrate al cementifico. Il Consiglio boccia all’unanimità ultima modifica: 2011-12-01T17:52:52+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
1

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi