Regione-Territorio

Greco: Fiore faccia chiarezza sui conti della sanità


Di:

Salvatore Greco (lavocediManduria.it)

Salvatore Greco (fonte image: lavocediManduria.it)

Bari – «VENDOLA non speri di fare il solito gioco delle tre carte per continuare a rastrellare dalle tasche dei pugliesi soldi da spendere in sprechi e cattiva amministrazione». Lo afferma il coordinatore della Puglia prima di tutto, Salvatore Greco, che ha presentato una interrogazione agli assessori alla Salute, Tommaso Fiore, e al Bilancio, Michele Pelillo. «Occorre che l’assessore Fiore faccia chiarezza prima che si metta mano al bilancio del prossimo anno – sostiene Greco – Nei conti 2011 si è trattato di coprire 380 milioni 332mila euro di buco della sanità, 306 dei quali dovevano essere assorbiti dai tagli previsti nel Piano di rientro: vogliamo sapere quanto hanno inciso i ritardi nella messa a regime degli impegni presi con il governo nazionale, se cioè aver tardato a chiudere ospedali e reparti e a tagliare i posti letto ha comportato un risparmio minore di quello che era previsto nel Piano, come noi temiamo». «I restanti 75 milioni – prosegue il consigliere regionale – sono stati coperti con il ticket sulle ricette e dalla elevatissima pressione fiscale che pesa sui pugliesi, pari a 340 milioni di euro l’anno tra addizionali Irap e Irpef, accisa sul carburante e via elencando: delle due l’una, o i risparmi ci sono stati, e allora non si capisce perché continuare a tenere così alte le aliquote anziché dare fiato alle famiglie e alle imprese; oppure i risparmi non ci sono stati, e allora la giunta dica chiaro di aver fallito. E comunque, se era vero che il deficit riveniva dal mancato gettito Irap del triennio precedente, nel 2012 non dovrebbe esserci deficit».

«Come se tutto questo non bastasse – incalza Greco – nel 2011 la Puglia ha ottenuto 113 milioni di euro in più rispetto al 2010, dal riparto del Fondo sanitario nazionale. Di questi, 32 milioni sono arrivati grazie a una quota integrativa ottenuta grazie all’impegno del governo Berlusconi che aveva promesso un incremento del Fsn nel Patto della salute 2009: che fine hanno fatto queste risorse?». «Per finire – aggiunge – Fiore deve spiegare che cosa ne è stato dell’annunciato risparmio sulla spesa farmaceutica: prima dell’estate aveva parlato di una minore quantità di farmaci pagati dalla Regione in conseguenza della reintroduzione del ticket sulle ricette e stimò una minore spesa di 70 milioni di euro l’anno se il trend dei primi tre mesi del 2011 fosse stato confermato».«In totale – conclude Greco – sommando risparmi previsti, addizionali imposte dalla giunta Vendola, tagli del Piano di rientro, quote aggiuntive dal Fondo sanitario nazionale, balla quasi un miliardo di euro: il governatore non può sperare di cavarsela dando in cambio ai pugliesi qualche poesia».


Redazione Stato@riproduzione riservata

Greco: Fiore faccia chiarezza sui conti della sanità ultima modifica: 2011-12-01T13:21:30+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi