Manfredonia

Manfredonia, 7 arresti per 4 omicidi, mamma Cosimo: giustizia (VIDEO-FOTO)

Di: Giuseppe de Filippo

Il dirigente del Commissariato con la mamma del 21enne Cosimo Salvemini (statoquotidiano2@13)

Manfredonia – “FINALMENTE la verità”. E’ quanto dice a Stato la signora Annamaria, mamma di Cosimo Salvemini, 21enne di Manfredonia scomparso il 18 luglio 2012 e ritrovato cadavere dopo 5 mesi, nel pomeriggio del 10 dicembre. La scomparsa e il ritrovamento del corpo di Cosimo rappresentano la base delle indagini della Squadra Mobile della Questura di Foggia, del Commissariato di P.S. di Manfredonia e della Compagnia Carabinieri di Manfredonia con esecuzione di 7 Ordinanze di Custodia Cautelare in Carcere, richiesta dai Sost. Proc. dr.ssa Alessandra Fini, dr.ssa Rossella Pensa e Giuseppe Riccio della Procura della Repubblica di Foggia e ad analogo provvedimento restrittivo, richiesto dal Sost. Proc. dr.ssa Carla Spagnuolo, della Procura dei Minorenni di Bari, emanato nei confronti di un gruppo di giovani ed incensurati garganici, capeggiati dal più esperto Francesco Giannella, cl.82, per una lunga serie di omicidi compiuti nel comune di Manfredonia.

I QUATTRO OMICIDI: DUE A SIPONTO, IL 18 LUGLIO COSIMO SALVEMINI, A NOVEMBRE MATTEO DI BARI. I provvedimenti cautelari nei confronti dei giovani sono stati disposti dalle A.G. al termine di attività investigativa, condotta dagli Uffici citati con il coordinamento della Procura di Foggia, in relazione al duplice omicidio di Francesco Castriotta e Antonio Balsamo, alla scomparsa e all’omicidio del 21enne Cosimo Salvemini, nonché all’omicidio di Matteo Di Bari, tutti avvenuti a Manfredonia (FG), rispettivamente il 5 giugno (a Siponto), il 18 luglio e il 5 novembre 2012 (in via Barletta).

LE INDAGINI. Come risaputo, la mattina del 6 novembre 2012 gli agenti del Commissariato rinvenivano, in via Barletta a Manfredonia, il corpo esanime di Matteo Di Bari, cl.53, all’interno del garage in suo uso; la vittima aveva mani e piedi legati con dello scotch, il capo sfondato da un oggetto contundente ed un profondo taglio alla gola. Alla vittima, inoltre, era stata sottratta la collana che indossava e la somma di circa 700 euro che portava con se; gli assassini avevano asportato anche attrezzi ed una tanica di gasolio presenti all’interno del box e successivamente, recatisi a casa della vittima, avevano rubato due telefoni cellulari ed una cassetta di sicurezza priva di contenuto di valore. I primi accertamenti della Squadra Mobile della Questura di Foggia e dal Commissariato di P.S. di Manfredonia, permettevano di individuare un sospettato in Salvemini Leonardo, persona che in passato aveva avuto frequentazioni con la vittima. L’intuizione investigativa si rivelava esatta, tanto da consentire quasi immediatamente, mediante l’attività tecnica avviata, non solo l’acquisizione di elementi di reità a carico di Salvemini, ma anche l’individuazione dei suoi complici in Ilario Conoscitore e Francesco Giannella.

GLI EVIDENTI E GRAVI INDIZI CON COLLEGAMENTI FRA I 4 OMICIDI. IL RITROVAMENTO DEL CORPO. Le investigazioni intraprese dagli inquirenti consentivano di acquisire “evidenti e gravi indizi” che collegavano “in modo inequivocabile” i tre giovani all’omicidio di Di Bari; si coglievano, inoltre, “elementi di responsabilità” che collegavano Francesco Giannella al duplice omicidio avvenuto il 05 giugno 2012 a Manfredonia in danno di Francesco Castriotta ed Antonio Balsamo, nonché sulla scomparsa del giovane Cosimo Salvemini, avvenuta il 18 luglio 2012 (ritrovato nel pomeriggio del 10 dicembre 2012 a 2 km dal bivio – sulla ss89 – per la Stazione Amendola, a destra di un passaggio a livello sulla ss72 in agro di Foggia. I resti del giovane – resti, considerando la scomparsa del ragazzo avvenuta il 18 luglio 2012- erano stati rinvenuti in una vasca inutilizzata di raccolta delle acque per l’agricoltura. Vasca di profondità di circa 3 metri per 100 di lunghezza. Il corpo con la maglietta, senza scarpe e alcuni “ninnoli” – come detto dal dirigente della Mobile dr.A.Fabbrocini – era stato rinvenuto sotto una trentina di centimetri di terra. Sul posto operatori dei vigili del fuoco, carabinieri del Comando provinciale di Foggia, Maggiore Del Gaudio, carabinieri del Comando Compagnia di Manfredonia, Cap. Fazio, agenti del Commissariato di Ps di Manfredonia, del dr. L.Di Prisco, personale della squadra di Pg del Commissariato, personale della Mobile di Foggia, del dirigente dr. A.Fabbrocini e il procuratore capo del Tribunale di Foggia).

GLI ALTRI NOMINATIVI. Attraverso le “involontarie delazioni“, Francesco Giannella ammetteva la propria responsabilità quale autore del duplice omicidio, fornendo altresì particolari relativi ai tentativi di cancellare le prove; in tale contesto involontariamente chiamava in correità altri soggetti, quali Emmanuele Biondi e la minore V.C. Sempre lo stesso canale informativo forniva elementi individualizzanti relativi al coinvolgimento di Giannella e di Conoscitore nella scomparsa di Cosimo Salvemini.

LA TENTATA RAPINA AI DANNI DEL DISTRIBUTORE Nel pomeriggio del 30 novembre 2012, l’azione di monitoraggio consentiva di comprendere agli inquirenti che Giannella, Conoscitore e Salvemini erano armati ed in procinto di effettuare una rapina, da compiersi sulla S.S. 89 con direttrice Manfredonia – Foggia; personale della Squadra Mobile di Foggia e del Commissariato di Manfredonia si attivava immediatamente riuscendo a fermare i rapinatori prima che riuscissero ad abbandonare il luogo della rapina appena consumata in danno del Distributore “Basile Petroli”; nell’occasione Giannella aveva anche esploso un colpo d’arma da fuoco ed asportato l’incasso consistente in 700 Euro, rinvenuto nelle tasche dei pantaloni di Salvemini.

“GIANNELLA AVEVA INCITATO LEONARDO SALVEMINI AD UCCIDERE I POLIZIOTTI”. Giannella veniva trovato in possesso di una pistola calibro “8” modificata, con colpo in canna pronta per fare fuoco, nonché svariato munizionamento del medesimo calibro. Gli inquirenti ottenevano, dalla attività tecnica, l’ennesima conferma della ferocia criminale di Giannella che aveva incitato il suo complice Salvemini Leonardo ad “uccidere” i poliziotti intervenuti.

LE CONFESSIONI. Nel corso della notte, grazie alle informazioni già acquisite ed ad una calibrata opera investigativa, gli agenti riuscivano a fare piena luce sull’omicidio di Matteo Di Bari ed ad ottenere importanti indicazioni anche sugli altri episodi di sangue citati. Da raccoglieva,infatti, la formale confessione di Leonardo Salvemini, a cui faceva subito seguito anche quella di Ilario Conoscitore, relativamente all’omicidio di Matteo Di Bari; venivano raccolte, inoltre, importanti dichiarazioni relative agli altri episodi di sangue in argomento.

Al termine della conferenza degli inquirenti, le dichiarazioni, le note, gli interventi ed una frase che emerge su tutte: dalle vittime ai famigliari fino agli autori dei delitti “un allarmante dramma sociale” ha colpito Manfredonia, legandosi così alle cronache della storia comunitaria.

L’INDAGINE, GLI ARRESTI, I VIDEO, LE FOTO, LE RICERCHE


SINDACO DI MANFREDONIA ANGELO RICCARDI: IL PENSIERO PIU’ GRANDE AI FAMIGLIARI DELLE VITTIME


(Photogallery statoquotidiano2@13 – Foto arrestati, non presente V.C. in quanto minore)


VIDEO





Vota questo articolo:
52

Commenti


  • Mr facebook

    Ahinoi, la realtà non è quella dei face book e twitter e delle altre cretinaggini che ci propinano, ma è anche questa, cruda e spietata.


  • senso civico

    io li metterei in piazza e li prenderei a sassi e li metterei al rogo. bas—- di m—a. che possiate prima soffrire in carcere dove troverete il peggio per voi cari


  • U paccije

    AGGHIACCIANTE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!


  • Farfalla

    Finalmente ora voi potrete ridere con gli altri angeli ! mentre noi vi ricorderemo x sempre !


  • patrick 22

    se staremo ai tempi di roberspierr ci vorrebbe la ghigliottina e non sarebbe male eliminare il marcio da questa societa’


  • schiamazzi notturni

    mi viene da dire che quella ragazzina sapeva tutto e godeva del suo uomo. che schifoooooooooooooooooooooooooooooooooooooo. ciao nino ciao francesco ciao cosimo x sempre nei nostri cuori


  • matmartigan

    la sedia elettrica x tutti e 7,senza pietà e distinzione!


  • blacknight

    se ne usciranno vivi dal carcere penso ke fuori nn la scamperanno


  • Mina vagante

    W la poliziaaaaaaaaaaaaaaaaaaa


  • angel

    finalmente giustizia è stata fatta ora tocca a noi ridere dopo mesi di sofferenza x sempre nei nostri cuori


  • Puffetta 79

    ………..sono senza parole!!!! pezzi di merda!!!! pena di morte,pena di morte,pena di morte!!!!! vi auguro di fare una brutta fine!!!!


  • disprezzo

    in carcere li stanno aspettando per farli diventare donnine di “servizio” e quando usciranno (perché usciranno) qualcuno dovrà prendersi lo sfizio di fare a giannella (il peggiore) ed ai suoi amichetti di merende un bel promemoria di come ci si comporta…


  • Mary

    A loro genitori: Vergognatevi per aver creato dei vermi e non averli fatto diventare farfalle!


  • stella

    come vedo nell’ articolo .. manca il nome della ragazza che sapeva tutto.. come mai non lo dicono?? era minorenne vero’? e non si puo’ fare nome di questa LURIDA T…..


  • Senza parole

    Mi auguro che i parenti di questi ragazzi arrestati abbiano il buon senso di non difenderli e rendersi conto del fatto che questi ragazzi sono dei delinquenti.


  • Amica

    La nostra città non è omertosa , purtroppo però quelli che sapevano facevano parte della feccia.


  • paolo

    i genitori non sempre centra sono loro che sono elle me umane


  • Redazione

    Le iniziali sono V.C., come indicato dagli inquirenti poichè minore; saluti; Red.Stato


  • Redazione

    E’ stato sottolineato ma non a sufficienza: in considerazione delle laboriose e prolungate indagini, la Redazione di Stato ringrazia vivamente tutti gli uomini della Polizia e dei Carabinieri, e analogamente della Procura di Foggia e della Procura dei minori di Bari, per il brillante e importante lavoro; grazie; Red.Stato


  • Giuseppe

    Capisco la rabbia nei commenti, e non potrebbe essere diversamente, ma oggi è tempo di riflessioni si chiude una brutta storia che non possiamo cambiare, un abbraccio sincero ai parenti delle vittime in particolare alla mamma del povero Cosimo, il dolore non si può cancellare. Un ringraziamento al dott. DiPrisco e dott. Fabbrocini per l’operato e la delicatezza delle loro dichiarazioni sembravano molto turbati per l’accaduto. Mi vengono in mente le parole di Cristo sulla croce: “Mio Dio perdona loro, perchè non sanno quello che fanno”. Una Buona Domenica a tutti.


  • ciro

    La fezza di manfredonia che schifo…..


  • angeli

    ai genitori e ai mostri che per voi l’inf— abbia inizio


  • daffa

    il suo nome é Val- (IL NOME CORRISPONDE AL SOGGETTO INDICATO, MA PER LEGGE NON E’ POSSIBILE INSERIRLO IN CONSIDERAZIONE DELL’ETA’ DELLA GIOVANE, GRAZIE A TUTTI)


  • Povera Manfredonia

    ahi noi ahi noi… se i genitori quando i loro figli si comportano male a scuola vanno dai proff. a minacciarli….poi si vuol piangere questi genitori…. “meditate gente meditate” dovremmo tornare indietro almeno di 30 anni e dare agli insegnanti ed ai proff. quel “potere” che avevano…sperando che iescano ad educare i ns. figli… e che non ci ritroviamo dopo 20/30 anni a dover piangere xkè i figli compiono queste vere e proprie azioni criminali…


  • angeli

    Giuseppe appunto parole di Cristo ma nn le nostre sapevano perfettamente quello che stavano facendo quindi le nostre parole sono marcite in carcere


  • FRANCESCO

    Da non credere!!!il tutto per futili motivi poi!….non esiste perdono!….non esite difesa per questi ,ed uno in particolare…dateli al popolo,in piazza!decidiamo noi per loro.


  • pippa

    perche la ragazza ha pensato di essere minorenne al momento degli omicidi o quando ha attirato cosimo in quella trappola? no, allora mettano foto senza striscia nera e nome e cognome.


  • Lunard

    x Giuseppe, il invito è valido x il guidizo divino, ma x quello terreno e della magistratura , vedendo e leggendo frammenti delle indagini, qui si prefigura anche lo stampo mafioso, c’è organizzazione, premeditazione, programmazione x gli omicidi commessi.
    Ma c’è anche il grave danno alla società.
    Genitori tutti meditiamo, il colloqio in famiglia è essenziale sopratutto con i figli.
    x le forze dell’ordine presidiate in modo permanente taluni luoghi di aggregazione.
    x tutti i cittadini denunciamo i siti come i 100 box, è impossibile che nessuno notava stane frequentazioni, il silenzio in questo caso ha aiutato un omicidio.


  • baffo99

    spero con tutto il cuore che in carcere fanno la stessa fine ,gente così non merita il dono della vita,questi sono bas—- indiavolati in terra ,vergognatevi,che dio li fulmini.


  • Grazie Stato Quotidiano

    E’ difficile trovare precedenti, se non nel film di Stanley Krubik “Arancia Meccanica. Questo caso merita di essere studiato dai migliori cervelli della psicologia criminali. Una sola umile mia riflessione, perchè a Manfredonia?
    Certe attitudini, certi istinti diabolici sono stimolati quando trovano l’humus giusto..manfredonia è pervasa dal male si o no? E’ vero che scorrono fiumi di droga si o no? E vero che è una città immorale si o no? E’ vero che c’è gente che se spassa bene senza lavorare si o no? E’ vero che doveva aprire un distaccamento della D.I.A. che non si è più attivato si o no?
    E’ vero che manfredonia è una città ipercorrotta si o no?


  • v.c.bastarda

    VALENTINA la pezza di m…. minorenne??? si!! ma a quanto pare era più capace di intendere e volere lei che un maggiorenne.. addirittura ha riso a squarciagola nel vedere il duplice omicido di siponto!! cara mia arriva il momento x tutti.. un giorno saremo noi a ridere nel vedere te capovolta a terra e la tua famiglia disperarsi x il dolore… dai tempo al tempo.. x adesso inizia a soffrire li… dai cherì continua pure ad amare il tuo psicopatico… il tuo zizzillo!! chi lo sà… il vostro amore potrà essere eterno anche oltre questa vita… a poche parole buoni intenditori… per il resto che dire..alle famiglie di queste bes—-.. rinchiudetevi anche voi avete——– vergognatevi!! TI VOGLIO BENE NINO!! <3 <3


  • ciao ciao

    Avvocati, non difendete l immondizia…e non chiedete l infermità mentale, loro sono normali al cento x cento non cerchiamo scuse…ridere su della gente morta, uccisa fa loro. Poveri stupidi. A pensare che sono dei pisc—presi da soli non valgono nulla. La rabbia e che sicuramente non hanno sensi di colpa. MASSIMA PENA A QUESTI ANIMALI.


  • v.c.bastarda

    non censurate.. è quello che si meritano… dopo aver compiuto gesti simili.. chi sono loro da poter comandare, decidere sulla vita degli altri?? sono pisciaturi.. il malato mentale merita di essere fatto a pezzi a pezzi in piazza in modo che tutto il paese possa ridere sulla sua sofferenza…


  • Redazione

    Comprendiamo il suo sfogo, cerchiamo solo di moderare alcuni termini, ma abbiamo lasciato in forma integrale le sua urla di disgusto verso la vicenda e gli autori delle azioni delittuose, un abbraccio, buon pomeriggio; Red.Stato


  • mamma mia

    ma qualcuno mi spiega cristophef che cosa c’entra con questa “gang”


  • La Siponto che puzza

    La vita è strana,gli angeli vanno in cielo e le bestie rimangono sulla terra.
    Riposate in pace angeli innocenti.
    Sono un cristiano e credo che Dio gli riserverà’ una vita piena di sofferenze e di infermità’.
    Ciao Nino,Ciao Cosimo,Ciao Francesco,Ciao Matteo,ci rincontreremo in una vita migliore.


  • bast----

    il pezzo di m–da sapeva tutto…. deve fare la stessa fine anche lui


  • daffa

    fateli uscire tutti e ci penseranno i loro familiari a fare giustizia.siete solo merda!riposate in pace angeli ciao nino e fra


  • Patrizia

    Medaglia d’oro e promozione esemplare
    dalle forze dell’0rdine che hanno arrestato queste belve. Sia la polizia che i carabinieri di Manfredonia hanno dimostrato di avere delle capacità investigative superiori rispetto al resto d’italia. Bravi, una concertazione lodevole. Adesso sono curioso di conoscere i nomi degli avvocati che si precipiteranno a difendere le belve in nome del dio denaro… Dovrebbero radiarli dall’albo


  • batman

    Da tutto quello che ho visto e sentito nei video e nell’audio mi sorge una domanda : forse l’omicidio di bari si poteva evitare? visto che erano cosi’ sotto controllo le forza dell’ordine un altro omicidio lo potevano evitare a loro interessava prendere tutto il resto della banda ma intanto a rimetterci le penne fu’ un altra persona complimenti


  • Ho strappato la scheda elettorale e l'ho buttata nel cesso

    In luogo del miserabile, carnale e materiale carnevale, si doveva organizzare un meeting mondiale di criminilogia per studiare il “fenomeno
    Manfredonia”.


  • Satana si fermò a Manfredonia

    Prima di processarli ci vuole l’esorcista che cacci via il demone del male che ha guidato le loro menti, specialmente quella del capobranco delle bestie. Dopo di che o il boia o la vita eterna nel carcere per espiare le colpe e potersi preparare al meglio per affrontare anche la giustizia divina. Manfredonia è pervasa dal male!
    Pentiti Manfredonia! Pentiti!


  • inkazzato

    perchè continuano a dire 7 arrestati, quanto in realtà sono 8. O forse Leonardo Salvemini non c’entra?


  • gaia

    Mi fanno ridere quando dicono: erano tutti di buona famiglia. Cosa vuol dire oggi essere di buona famiglia. Non si insegna più il rispetto per gli altri ma solo il rispetto per se stessi. Si insegna ai figli che essere qualcuno vuol dire portare vestiti firmati e per fare questo si può fare tutto anche indebitarsi, prostituirsi, spacciare etc… etc… Queste sono le buone famiglie di manfredonia. Un grazie alle forze dell’ordine che spesso vorrebbero fare di più ma hanno le mani legate.


  • Un cittadino

    IL COMUNE DI MANFREDONIA SI DEVE COSTITUIRE!
    x FAVORE NON OFFENDETE I DELINQUENTI E I CRIMINALI!! QUELLI SONO DEGLI AGNELLI IN CONFRONTO A QUESTI MOSTRI!!


  • Un cittadino

    IL COMUNE SI DEVE COSTITUIRE PARTE CIVILE AL PROCESSO DEI MOSTRI SIPONTINI!!


  • fiftyflvedsl

    una cosa mi viene da dire, c—i loro


  • Giusi

    Condoglianze alle famiglie delle vittime e davvero tantissimi complimenti alla POLIZIA DI MANFREDONIA E BARI x il grande lavoro


  • Billy

    BUTTATELI IN CELLA CON JACK LO SQUARTATORE A PEZZETTINI LI DOVETE FARE (ALTRO CHE ERGASTOLI) E POI SQUAGLIATELI NELL’ACIDO….. COSI’ POSSIAMO RIDERE ANCHE NOI DI LORO A RITMO DI MUSICA.

    SENTITE CONDOGLIANZE ALLE FAMIGLIE DELLE VITTIME E ALLE PERSONE A LORO VICINE.


  • indignato

    Vogliamo anche il cognome della ragazza


  • vergogna


  • x

    DOVETE M—….Giannella, Conoscitore, Paloscia, Salvemini, Biondi, Renzulli e quella p—- da quattro soldi della ragazza….SPERO CHE FACCIATE UNA M–ANCORA PIÙ BRUTTA E SOFFERENTE DI QUEI POVERI RAGAZZI!!!…E mi Auguro con tutto il Cuore che in carcere ogni giorno vi devono MASSACRARE DI BOTTE!!!….Se nessuno ve lo ha ancora detto: “Siete dei PISC—–!!!”
    VI AUGURO IL MALE PIÙ BRUTTO CHE ESISTA!!!…Giannella, tu e tutti i p—– che come te volevano diventare i nuovi boss di stó —, ma vi siete mai chiesti una cosa?! Senza una pistola in mano, chi siete?!…Le palle ce le avete?!…SIETE NIENTE!!!…SIETE SOLO M—DA!!!…SPERO CHE AD UNO AD UNO VERRETE A—I!!!…Non ho mai augurato il male a nessuno! MA A VOI VI AUGURO OGNI MALE!!!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Articoli correlati