Manfredonia
Il centro urbano di Manfredonia, che ha una carica di bellezza tanto grande quanto inespressa, soffre di molte “amputazioni”

Manfredonia, aprire la città al mare? A Catania lo hanno fatto

Dunque che aspettiamo? Eliminiamo la cinta muraria del porto?

Di:

Manfredonia. Il centro urbano di Manfredonia, che ha una carica di bellezza tanto grande quanto inespressa, soffre di molte “amputazioni”, dal mancato sviluppo in direzione nord-est per la malsana scelta industriale dei politicanti del dopoguerra, alla chiusura del porto cittadino con una cinta muraria che divide in modo innaturale la città dal sul mare. Sono di questi mesi i lavori di ammodernamento del porto di Manfredonia, che si incrociano con il bel progetto di rivalutazione della Lama Scaloria, con rifacimento del piazzale Diomede, per anni destinato, declassandolo, a parcheggio per auto. Progetti interessanti che saranno valutati con giudizio al termine dei lavori, considerando anche i loro costi. Ma un amministratore lungimirante e che mira a tutelare e rivalutare il proprio centro urbano, con le sue specifiche bellezze, dovrebbe sempre avere desta l’attenzione verso i Comuni che più di altri si adoperano per rendere più vivibile il proprio centro urbano.

Ad esempio, recentemente è stato firmato tra l’autorità portuale di Catania e l’amministrazione comunale il protocollo di intesa che apre il porto alla città. L’accordo prevede l’immediata istituzione di un tavolo tecnico di lavoro per programmare le attività necessarie all’arretramento della cinta doganale con l’eliminazione della cinta muraria attuale e la conseguente assegnazione delle aree “liberate” all’uso urbano. Oltre che liberare spazi per usi urbani il progetto prevede una grande piscina con acqua di mare utilizzabile dai cittadini.

«Con la firma di oggi – ha sottolineato il sindaco di Catania Enzo Bianco – si risolve finalmente quella chiusura che per troppo tempo ha separato la città dal suo mare, che sarà adesso disponibile a cittadini e turisti come avviene a Genova, a Napoli, a Trieste». «Finalmente – ha continuato il Sindaco – si realizza il sogno di aprire il porto alla città, alzeremo la sbarra doganale e, dalla via Dusmet, si potrà liberamente entrare con i veicoli all’interno dell’area portuale. Pian piano questa zona diventerà una prosecuzione di piazza Borsellino e del centro storico e, grazie a un bellissimo progetto che sta per essere attuato, i cittadini potranno utilizzare il molo foraneo, una delle passeggiate più belle di Catania. Sulla diga foranea si potrà circolare a piedi o in bicicletta e anche, ma soltanto disabili e anziani, con le auto elettriche».

Dunque che aspettiamo? Eliminiamo la cinta muraria del porto? Non è ora di pensare seriamente ad un piano di recupero serio di tutta la zona portuale e quindi aprire la città al mare? Ad esempio, tutte quelle zone attualmente occupate da privati, come rimesse per barche o cantieri navali, non potrebbero essere trasferite altrove, lungo la costa, verso sud o verso la zona dell’ex petrolchimico?

FOTOGALLERY (from lasicilia.it)
http://www.lasicilia.it/gallery/catania-ecco-la-citt-con-vista-sul-porto

(A cura di Francesco Saba – francescosaba1989@gmailcom)



Vota questo articolo:
8

Commenti


  • CROCE & Delizia

    Sarebbe bellissimo!


  • MAGNA MAGNA

    MA SE FATE TANTI PROBLEMI PER UN SOLARIUM , CHE VI SIETE BEVUTI LIMPOSSIBILE ,FINITELAAAAAAAAAAAAAAAAAMALEDETTI SOGNATORI


  • svolta

    Si è detto già in altre occasioni… quello che si dice e si scrive pure…. qui a Manfredonia è pura ipocrisia. Dare alal città il suo mare…. quante volte si letto sul PRG, e tanti altre relazioni…. ma poi si è fatto il contrario…. Bar, ristoranti, solarium e stabilimenti balneari che da stagionali diventano perenni in quanto realizzano anche ristoranti e bar al loro interno… povera Manfredonia in che mani è finita e ci si chiede chissà perché ?
    La risposta, forse, per piacere e far piacere agli amici e/o consociati ?…. povera Manfredonia sì bella e perduta…..


  • Pa

    Incredibile, ci pensavo proprio stamattina correndo sul lungomare che sarebbe proprio bello riappropriarsi della bruttissima area portuale.


  • evasore

    Diamo subito il progetto allo studio che ha progettato la bariera frangiflutti del lungomare di Siponto così avremo un’ enorme palude sul fronte mare 🙂


  • Sergio

    Sono daccordissimo ! Aggiungo che se si prende dalla Capitaneria di porto fino all’acqua di Cristo si potrebbe avere un bellissimo viale che tutti ci invidierebbero , allora si che si potrebbe dire che Manfredonia ha propulsioni turistiche .


  • Gaetano

    Ciao Sergio, anzichè partire dalla Capitaneria, si dovrebbe partire direttamente dalla Chiesa San Andrea delle case dei marinai, in pratica dal negozio Di Carlo, cosi da collegare il nuovo lungomare di Siponto, e poi si fino all’acqua di Cristo come hai detto te; una bella passeggiata a piedi o in bici dall’acqua di Cristo fino alla Conchiglia……
    e come inzio sarebbe l’ideale senza contare tutto quello che comporterebbe l’abbattimento delle mura di cinta in fatto di recupero ambientale/urbanistico.


  • adolfo Manfredi

    Se i politici vogliono si ppuò fare .Manfredonia città del mare.Quella muraglia deve scomparire eè un grande ostacolo per la crescita turistica della città.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi questo articolo!