San SeveroSport
Nel match valido per la 29^giornata del girone H di Serie D, i giallogranata sfideranno, nel pomeriggio di domani (ore 15), i campani

San Severo, De Felice: Il Pomigliano ha una squadra forte

"Il Pomigliano ha una squadra forte, ci sono calciatori come Tedesco, Alfano, Di Girolamo, Guadalupi. Sicuramente domani, come in tutte le partite, gli avversari venderanno cara la pelle"

Di:

San Severo. Il San Severo sfida il Pomigliano alla ricerca di punti pesanti. Nel match valido per la 29^giornata del girone H di Serie D, i giallogranata sfideranno, nel pomeriggio di domani (ore 15), i campani, alla ricerca di un successo casalingo che manca ormai da più di due mesi. Alla vigilia del match, è Severo De Felice a parlare dell’impegno contro i granata: “Andiamo ad incontrare una squadra forte, con una società fortissima e serissima alle spalle, che era partita con l’intento dichiarato di vincere il campionato e, nonostante l’obiettivo principale sia sfuggito, crede ancora nei playoff, tant’è che hanno un grosso premio al raggiungimento degli stessi. Tutte le squadre che sono lassù hanno società forti alle spalle, nulla viene per caso. L’assenza di Galizia potrebbe pesare? Il Pomigliano ha una squadra forte, ci sono calciatori come Tedesco, Alfano, Di Girolamo, Guadalupi. Sicuramente domani, come in tutte le partite, gli avversari venderanno cara la pelle”.

Il tecnico di Serracapriola si sofferma poi sul pareggio ottenuto in quel di Marcianise mercoledì scorso (1-1 con gol del “solito” Evacuo): “È stato positivo il rientro di Pollidori, soprattutto a livello psicologico ci ha dato una grossa mano, anche perché il Marcianise ci ha impensierito poco o niente per quanto riguarda gli aspetti del gioco; l’unica volta che hanno messo il naso fuori dalla metà campo ci hanno fatto gol, con una difesa più inesperta avremmo potuto anche perdere. Dobbiamo tornare ad essere più cinici, non si può fare un solo gol su dieci tiri. Per tutto l’arco della partita abbiamo avuto occasioni e potenziali occasioni per far male, e dopo l’1-1 abbiamo avuto tre-quattro ripartenze importanti: una squadra, qualunque obiettivo essa abbia, non può fallire in questi casi. Il fatto di giocare due gare in pochi giorni” – prosegue –“può dare qualche problema solo a chi è rientrato dopo un lungo stop, proprio come Pollidori, che potrebbe accusare un po’ di stanchezza; per il resto, abbiamo Milani con un problema già precedente alla gara con il Marcianise, e dunque si è allenato meno rispetto agli altri, mentre Favetta ha preso un colpo nell’ultima partita, quindi stavolta abbiamo qualche problema in attacco”. In chiusura, un pensiero all’obiettivo stagionale dei suoi: “Nel caso in cui ci salvassimo quest’anno, avremo compiuto un miracolo ancora più grande dell’anno scorso, ed il perché lo dirò solo a bocce ferme”.

(A cura di Salvatore Fratello – salvatore.fratello@outlook.com)



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi questo articolo!