Manfredonia

Ll’angjolètte e Frecone


Di:

Nd’a poltrone, assettéte ammizz’a chjazze,
Frecone, facce fronde a llu palazze,
tene a chépe sop’u vrazze….ne nghjange?…
sté scapezzanne, p’a bbéve a lli guange.

^^^
Quann’a lli mbrovvise, accum’e nu lambe,
vede na luce ca tutte ll’avvambe.
Cume se vedèsse duje angjolètte,
c’atturne a jisse lli fanne u bballètte.

^^^
So’ duje sburdacchjéte, sènza scambe,
tutte vocche e nése e grosse lli cjambe.
“Che fè?” dicene, “tine u core a chjange?
N’à capite c’a qquà c’ji fatte u cange?

^^^^
Vine, ce
facime nu cungertine
d’angele, fricaspese e carafine,
llasse pèrde i ndrine de stu pajese,
lasse pèrde chi
nd’ò fatte lla ndese.

^^^
Lli bbuscije lla và dice cchjù mègghje,
lli frecature lla và fé chjus’i cègghje.
Llasse pèrde de fé lli scole grosse,
ca te pute pure rombe lli…cosse.

^^^
Ji nutile ca te vulte e aggire,
ne mbute purtè nnanze ll’addemure.
Lasse pèrde lli ggènde accume stanne,
lli strescjose ce so’ rrevéte nganne…

^^^
Pigghje u vule, e te ne vine pe nuje,
abbusche i solde e sté zènza fé ninde.
Llu stèsse ji mo? No, tine sèmbe i ndrije.
Ggjose! Lasse u pjatte a lli sènza dinde!”

Pascalonia-Carbonia

Gli angioletti e Frecone

Sulla
poltrona, seduto in mezzo alla piazza,/ Frecone, dirimpetto al palazzo,/ ha la
testa sul braccio…non piange?…/sta dormicchiando con la bava sul viso.//
Quando, improvvisamente, come un lampo,/vede una luce che tutto l’avvampa/ come
se vedesse due angioletti,/ che attorno gli fanno il balletto.// Sono due
sbordonati, senza scampo/ tutti bocca e naso, con grosse zampe./

“Che fai?” dicono, “hai il cuore triste?/ Non hai capito che qui si è fatto il cambio?// Vieni, ci
facciamo un concertino,/ d’angeli, fregaspese e carafine (caraffe di vino)./
Lascia perdere i dritti di sto paese,/ lascia perdere chi non ti ha inteso
(obbedito).// Le bugie le dovevi dire meglio,/ le fregature le dovevi fare con
gli occhi chiusi,/lascia perdere di fare (frequentare) le grandi scuole/
potresti pure romperti le…cosce.// E’ inutile che ti volti e ti rigiri/ non
puoi portare avanti (approfittare) del ritardo./ Lascia perdere le genti come
stanno,/le cambiali (impegni sottoscritti, precetti) ci sono arrivati alla gola.//

Prendi il volo, e te ne vieni con noi,/ ricevi i soldi e stai senza far
niente./Lo stesso è adesso? No! Hai sempre i guai./ Vai via! Lascia il piatto a
chi non ha denti.

Ll’angjolètte e Frecone ultima modifica: 2017-05-02T11:47:28+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi