FoggiaManfredonia
Romanzo di Marcos y Marcos, il libro più amato dai 92 studenti

“Bastaddi”, vince l’autore siciliano Stefano Amato

Martedì 31 maggio si è tenutala votazione e lo spoglio del concorso-premio

Di:

Foggia. La Sicilia dello scontro tra mafia e società civile, la storia degli attentati degli anni ‘90 reinventata e riproposta in stile Tarantino, romanzata con una scrittura brillante e avventurosa: questi gli ingredienti che hanno conquistato il giovane ma esigente pubblico di studenti-giurati del concorso-premio “Leggo QuINDI Sono– Le giovani parole”. I novantadue ragazzi delle scuole C. Poerio e B. Pascal di Foggia, coinvolti da ottobre a maggio in una maratona di lettura, hanno votato ed eletto il libro più amato: vince Bastaddi, romanzo dello scrittore Stefano Amato, pubblicato nel 2015 dalla casa editrice milanese Marcos y Marcos (uno dei punti di riferimento nazionali dell’editoria indipendente). L’ultimo atto di questo splendido viaggio tra storie e lettori si è tenuto lo scorso martedì 31 maggio, dalle ore 17.30, nell’Aula Magna del Liceo C. Poerio, alla presenza deidirigenti delle due scuole, la dot.ssa Enza Maria Caldarellae la prof.ssa GiuliarosaTrimboli. Il romanzo dello scrittore siciliano ha battuto gli altri quattro libri in concorso (L’estate del cane bambino edito da 66thand2nd e scritto daMario Pistacchio e Laura Toffanello, L’etica dell’acquario pubblicato da Voland e firmato daIlaria Gaspari, FinalCut uscito con Fandango e scritto daVins Gallico, La questione più che altro di Ginevra Lamberti e pubblicato da Nottetempo), ciascuno letto e giudicato con un voto da 0 a 10 dal giovane pubblico di studenti che, durante l’anno scolastico, ha incontrato tutti e cinque i partecipanti al concorso-premio “Leggo QuINDI Sono– Le giovani parole”.

Nel corso della serata, abilmente condotta dallo studente e giornalista Felice Sblendorio e intervallata da un momento musicale dal vivo a cura della pianista e studentessa Laura Licinio, i ragazzi delle due scuole hanno fatto il punto della rassegna, raccontando la loro esperienza di lettori-giurati alle prese con testi giovani e pubblicati da case editrici indipendenti (come nello spirto di Leggo QuINDI Sono). Dopo l’intervento di Michele Trecca, presidente di LQS e direttore artistico della libreria Ubik (che ha ospitato tre incontri su cinque con gli scrittori coinvolti), le dirigenti degli istituti scolastici hanno confermato la piena intenzione da parte degli Assessorati alla Cultura e alla Pubblica Istruzione del Comune di Foggia ad impegnarsi, attraverso un protocollo d’intesa con l’associazione di volontariato culturale LQS e con le due scuole promotrici, a diffondere presso gli altri istituti di Foggia e della sua provincia la prossima edizione del concorso-premio. Il Comune infatti, chiamato a diventare partner istituzionale dell’iniziativa, avrà il compito di partecipare alla gestione delle future edizioni del premio “Le giovani parole”, allargando così la “rete” di studenti da coinvolgere a partire già da settembre 2016, in vista dell’anno scolastico entrante.

Infine, dopo aver ringraziato le docenti del Liceo C. Poerio,Elisabetta De Palma e Teresa D’Addedda, per l’importante contributo organizzativo dato a tutta la manifestazione, il libraioUbikSalvatore D’Alessio ha comunicato la nuova rosa di titoli scelti per la seconda edizione del concorso “Le giovani parole”, che coinvolgerà gli studenti sin da subito. I ragazzi infatti, già in questa fase preliminare e prima della nuova “cinquina” da lanciare nel mese di settembre, sono chiamati a partecipare, con le loro impressioni, alla selezione dei nuovi titoli di “Leggo QuINDI Sono– Le giovani parole” edizione 2016/17. La piattaforma di riferimento, oltre al passaparola tra la libreria Ubik e le due scuole, è la pagina facebook “Leggo Quindi Sono” e la community “Leggo Quindi Sono // gruppo operativo”. I titoli selezionati, pertanto, sono dodici, selezionati ancora una volta tra piccole e medie case editrici indipendenti pronte a scommettere sulla ricerca narrativa e sui nuovi autori del panorama italiano.

Di seguito, i titoli e gli autori della dozzina: Stefania Divertito, Una spiaggia troppo bianca (NNE); Giuseppe Catanzaro, Charlie non fa surf (Elliot ed.); Marilù Oliva, La sQuola(Liberaria); Viola Di Grado, Bambini di ferro (La nave di Teseo); Francesca Bonafini, La cattiva reputazione (Avagliano); Simona Lo Iacono, Le streghe di Lenzavacche (E/O); Giorgio Ghiotti, Rondini per formiche (Nottetempo); Giuliano Pesce, Io e Henry (Marcos y Marcos); Becky Sharp, Penelope fa la cosa giusta (Marcos y Marcos); Gianni Agostinelli, Perché non sono un sasso (Delvecchio);Roberto Delogu, L’amore è una medusa e Luca Giachi, Come una canzone(entrambi in fase di pubblicazione per Hacca Editore che, in questo caso, sottopone in anteprima ai partecipanti al concorso le bozze di queste due nuove usciteeditoriali).

Redazione Stato Quotidiano.it



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati