Foggia
"Avrei chiesto ai lavoratori di rinunciare a tutte le spettanze pregresse? Falso"

Cessione Don Uva e lavoratori, Cozzoli precisa

Di:

Foggia. “Con riferimento agli odierni articoli di stampa secondo cui l’Amministrazione Straordinaria, nell’ottica della cessione aziendale, avrebbe chiesto “ai lavoratori la rinuncia a tutte le spettanze pregresse” occorre precisare che la notizia è destituita di fondamento alcuno. E’ quanto dichiara l’avv. Bartolomeo Cozzoli, Commissario Straordinario della Casa Divina Provvidenza.

“Infatti – sottolinea il Commissario – non soltanto la procedura commissariale è finora riuscita nel miracolo di erogare ai lavoratori tutto quanto agli stessi spettante (risultato inconsueto per una procedura concorsuale), ma l’Amministrazione Straordinaria ha anche formalmente assunto l’impegno a corrispondere le competenze ed i crediti risultanti dai prospetti paga che saranno emessi sino alla cessazione del rapporto (a titolo esemplificativo: ferie maturate e non godute; permessi maturati e non goduti; straordinario, ratei di tredicesima, TFR).

Tanto si doveva – conclude l’avv. Cozzoli – per dovere di verità e per evitare che il difficile salvataggio venga compromesso da notizie infondate”.

Redazione Stato Quotidiano.it



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi