Cronaca
L'agente ha riportato varie contusioni

Foggia, detenuto prende a calci e pugni agente

Da quanto è stato reso noto dalle sigle sindacali, il detenuto è un 33enne barese, mentre l'agente aggredito si chiama Antonio D'Onofrio


Di:

Foggia. Non voleva rientrare nella sua cella e per questo ha deciso di infierire contro un agente della Polizia Penitenziaria. Stiamo parlando del carcere foggiano. Il fatto è accaduto ieri nel primo pomeriggio, intorno alle ore 14, e il protagonista è un detenuto pugliese, fermato e arrestato per un tentativo di omicidio, in attesa che la Corte d’Appello si pronunci.

L’agente ha riportato varie contusioni causate dai calci e pugni sfreffati dal detenuto. Immediate son state le misure di sicurezza nei confronti dell’aggressore, ma anche per l’aggredito, trasportato d’urgenza agli Ospedali Riuniti di Foggia.

Da quanto è stato reso noto dalle sigle sindacali, il detenuto è un 33enne barese, mentre l’agente aggredito si chiama Antonio D’Onofrio.

Quest’ultimo caso di aggressione fa il paio con quello di qualche mese fa, e fa parte di altri che sono accaduti in questi anni, rimarcando un grosso problema esistente nel carcere di Foggia, forse il sovraffollamento dei detenuti e la carenza di personale preposto alla sicurezza e sottaciute concessioni, sempre nel rispetto della legge ma che “coccola” chi invece dovrebbe pentirsi.

A tal proposito si esprimono Federico Pilagatti, Segretario nazionale del sindacato Sappe e Domenico Mastrulli del Cosp “Questo ennesimo episodio – afferma Pilagatti- accade a pochi giorni dall’aggressione di 3 poliziotte nel carcere di Taranto, che fanno seguito a episodi analoghi occorsi a Trani, Bari e Foggia. Nonostante il reiterarsi di episodi di violenza, i detenuti continuano a essere coccolati dall’amministrazione penitenziaria, che prepara per loro corsi professionali, spettacoli, iniziative varie abbondantemente pubblicizzate”.

(A cura di Nico Baratta, Foggia 02.06.2017)

Foggia, detenuto prende a calci e pugni agente ultima modifica: 2017-06-02T19:41:34+00:00 da Nico Baratta



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi