Politica

Ospedali, domani audizioni. De Leonardis: “sono con Dotoli”

Di:

Ancora proteste Pro Lastaria (image: adessoilsud)

Lucera – “CONDIVIDO pienamente le riserve espresse e sono assolutamente favorevole alle ragioni esposte con lucidità, consapevolezza e passione dal sindaco di Lucera Pasquale Dotoli, in difesa dell’ospedale ‘Lastaria’ che di fatto scomparirebbe se dovessero diventare operativi anche i tagli previsti dalla seconda fase del Piano di rientro e di riordino ospedaliero”.

Giannicola De Leonardis, presidente della settima Commissione Affari Istituzionali della Regione Puglia, ha assistito questo pomeriggio all’audizione del primo cittadino del comune federiciano in terza Commissione, e si augura che “chi ha la responsabilità di assumersi una responsabilità così gravosa si renda conto che non si tratta di una semplice battaglia di campanile o di una presa di posizione che non può essere suffragata da dati e valutazioni reali. Sul ‘Lastaria’, infatti, già pesantemente penalizzato da tagli negli anni passati, verrebbe concentrata quasi esclusivamente la nuova scure imposta da Regione e Asl in questa nuova fase, che sta avendo un’accelerazione discutibile in quanto ancora non siamo a conoscenza dei reali risparmi e dei reali costi per le comunità derivanti dalla prima” sottolinea.

Il ‘Lastaria’ è il riferimento per l’intero Subappennino dauno (caratterizzato da una viabilità precaria e da una particolare estensione e geo-morfologia), non solo per la comunità lucerina, e un suo ridimensionamento così drammatico comporterebbe il caos anche per il Policlinico ‘Ospedali Riuniti’ di Foggia, da tempo in sofferenza e alle prese con insostenibili carenze nella pianta organica” continua De Leonardis. “Mi auguro allora che l’audizione in data odierna induca a un deciso cambio di rotta, per una sanità nuovamente e finalmente al servizio del territorio” la sua conclusione.


Qui Lucera.
Con nota odierna, il Sindaco di Lucera, Dott. Pasquale Dotoli, di concerto con i Sindaci dei Monti Dauni e con il “Comitato per la difesa del Lastaria”, ha nuovamente inoltrato al Presidente della Regione Puglia, al Presidente del Consiglio Regionale Pugliese, all’Assessore Regionale alla Sanità, al Presidente della Commissione Regionale alla Sanità ed al Direttore Generale dell’ASL/FG, la Deliberazione n. 20, adottata dal Consiglio Comunale in data 8 Maggio 2012, ribadendo, nel contempo: “che la ripartizione del tagli del posti letto non è stata operata equamente tra i PP. OO. pubblici e privati di tutta la Capitanata; che la medicina territoriale, sicuramente indispensabile e fondamentale per il territorio dei Monti Dauni, non può tuttavia, essere considerata quale rimedio sostitutivo rispetto all’assistenza fornita dalla struttura ospedaliera, verso la quale, invece, dovrebbe fungere da integrazione e supporto”; “il loro auspicio, sulla scorta di quanto evidenziato ai punti precedenti e rispetto alle specifiche esigenze del territorio, ad avviare un confronto serio e proficuo che possa condurre ad una soluzione definitiva e condivisa.”

Gli scriventi, inoltre, hanno chiesto una sospensione degli effetti della delibera di G.R. n. 1110/2012, con particolare riferimento ai trasferimenti in atto di personale medico ed infermieristico dal nosocomio lucerino verso altre strutture.


Redazione Stato



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi