Capitanata

PIRP “A”, Marasco: “con la pista ciclabile un catalogo di servizi”

Di:

Una planimetria con evidenziata la pista ciclabile sul "Tratturello dei Preti" e le aree verdi (stato@)

Foggia – UNA pista ciclabile di circa un chilometro, verde attrezzato, percorsi vita e tecnologia sostenibile su un’area di circa 3 ettari con la sistemazione innovativa del “Tratturello dei Preti”. La gara per una pista ciclabile con aiuole e verde pubblico nella fascia parallela a via Lucera, la sistemazione del verde interno al Comparto Biccari Nord e Sud, un’area a verde in viale La Torre e attraversamenti pedonali ha riservato la “sorpresa” di una serie di migliorie, «che possono diventare un catalogo di nuove soluzioni per i servizi che i cittadini di tutte l’età domandano davvero», dice l’assessore alla Qualità e all’Assetto del Territorio, Augusto Marasco, commentando l’insieme di opere che si riuscirà a realizzare nell’ambito del PIRP “A” Croci-Biccari.


Venerdì sono stati terminati i sopralluoghi e definito il disciplinare dell’appalto dei lavori che, il 13 giugno scorso, è stato aggiudicato alla ditta foggiana Russo Vito S.a.s., con un punteggio totale di 76,188 punti e con un’offerta economica di 1 milione 138.700 euro, pari ad un ribasso del 3,50% sull’importo a base d’asta stabilito in 1 milione e 180 mila euro.

L’offerta si è qualificata per una serie di migliorie rispetto al progetto esecutivo elaborato dal Servizio Urbanistica del Comune di Foggia e approvato dalla Giunta comunale il 28 marzo scorso. Anche i soli elementi di arredo urbano e di alcune attrezzature, infatti, nell’offerta sono stati modificati e integrati attraverso il ricorso alla bio-architettura e a materiali totalmente riciclati e riciclabili. Ricorso alla tecnologia sostenibile anche per l’illuminazione: dai pali a LED, autoalimentati da un piccolo impianto fotovoltaico, al segno dei percorsi marcato con proiettori incassati sempre a LED. Innovative anche le scelte sulle attrezzature ludiche: saranno, infatti, realizzati giochi per bambini disabili e una dog-area con un percorso per “pet therapy“, una terapia dolce basata sull’interazione uomo-animale.

Tecnologie a basso consumo per gli impianti idrici: il progetto prevede la realizzazione di quattro specchi d’acqua e un sistema di nebulizzazione per il raffrescamento sia della pista ciclabile, sia del “percorso vita”, un tracciato che si articola in 15 stazioni con cartelli dove sono indicate le istruzioni generali per fare attività motorie a corpo libero o con gli attrezzi ginnici installati. «Quest’ultima – spiega il dirigente del Servizio Urbanistica, Paolo Affatato – è un servizio che avevamo prospettato sin dal capitolato di gara, nell’elaborare il quale ci siamo rifatti a una delle indicazioni più suggestive che erano emerse nel corso dei confronti con il CONI nell’ambito delle attività di copianificazione del PUG». «Sono esempi di come una città può riorganizzare e modernizzare i suoi servizi di quartiere – aggiunge Marasco – partendo dai nuovi bisogni emergenti, che vanno dalla salute al tempo libero da impegnare in nuovi spazi urbani per la socialità».

Le parole d’ordine innovazione e sostenibilità hanno guidato anche le scelte sulla realizzazione e la gestione delle aree verdi, da quello al margine della pista ciclabile alla grande area a nord e a sud di Viale La Torre. È previsto l’utilizzo di prato selvatico per il contenimento dei costi di manutenzione, la riattivazione di due pozzi artesiani e pergolati verticali per rampicanti rustici lungo la pista ciclabile. Il progetto include anche un roseto da cedere in adozione agli abitanti, con una mappa tattile all’ingresso per i non vedenti e una dotazione iniziale di rose inglesi.

«Un occhio di riguardo speciale – aggiunge l’assessore – è stato riservato anche alla sicurezza, un fattore essenziale sia per riappropriarsi degli spazi pubblici, sia per salvaguardare gli investimenti». Tutti gli arredi, infatti, sono dotati di particolari sistemi di fissaggio antivandalismo e un sistema di videocontrollo sarà in grado di trasmettere immagini a una postazione remota, con registrazioni e la possibilità di collegamento tramite smartphone e tablet 3G. Oltre alla pista ciclabile e al “percorso vita”, le attrezzature sportive e per il tempo libero prevedono due campetti di minicalcio per bambini, un campo di bocce e un campo di pallavolo.

Come deciso nel confronto con la I Circoscrizione Nord e il Comitato di Quartiere “Comparto Biccari”, sono stati ricollocati gli “alloggi ponte” previsti nel PIRP e, al loro posto, saranno realizzate aree a parcheggio.


Photogallery



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi