Manfredonia

Processo Baby gang, 4 minori in libertà; maggiorenne: silenzio (VD)

Di:

Un momento della rapina nella farmacia Del Rosario in viale Beccarini (ST - 10.02.2012)

Manfredonia – PROCESSO alla baby gang di Manfredonia: svoltasi venerdi 29 giugno, nel Tribunale dei Minorenni a Bari, l’udienza nei confronti dei componenti della banda, accusati della rapina a mano armata del 10 febbraio ai danni della farmacia Del Rosario.

All’esito dell’udienza, i giudici minorili hanno rimesso in libertà i 4 minorenni e concesso loro il beneficio della messa alla prova per la durata di mesi 18 (il Pubblico ministero in udienza aveva chiesto 2 anni); il beneficio concesso comporta la sospensione del processo e ha come finalità quella di” impedire una pronuncia sul merito del caso“, consentendo al minore di intraprendere un percorso rieducativo che “lo allontani dal circuito penale attraverso l’attività di osservazione, trattamento e sostegno dei servizi sociali minorili”.

Per tre dei minori tratti in giudizio, difesi dagli avv.ti Paolo Mundo, Matteo Ognissanti e Matteo Ciociola, il Tribunale ha disposto con effetto immediato la messa alla prova in comunità, mentre per l’altro minore, difeso dall’avv. Angelo Rinaldi, hanno disposto il rinvio dell’udienza al 21 settembre, udienza in cui si dovrà valutare, all’esito delle relazioni del servizio sociale, anche la possibilità dello svolgimento della messa alla prova presso la famiglia del minore stesso.


Alla precedente udienza del 4 maggio i minori si erano dimostrati “molto provati e pentiti della condotta illecita tenuta in occasione della nota vicenda” e hanno palesato di “voler chiedere scusa al Farmacista, oltre a riconoscere la gravità della loro azione criminosa”. Come si ricorderà i 4 minorenni, tutti incensurati, erano stati inizialmente denunciati all’Autorità giudiziaria a piede libero ma, a distanza di una settimana dal deferimento, il GIP presso il tribunale dei Minorenni aveva disposto l’arresto ed il collocamento in comunità di due minori, assistiti dai rispettivi difensori avv. Angelo Rinaldi e avv. Mundo Paolo, mentre gli altri 3 indagati erano stati denunciati a piede libero.

Successivamente l’arresto e i rispettivi interrogatori di garanzia degli altri due minori, difesi rispettivamente dagli avv.ti Matteo Ciociola e Matteo Ognissanti, che venivano ristretti presso l’Istituto penale per i minorenni Fornelli di Bari, Mentre per il quinto soggetto della banda, unico maggiorenne, la Procura del Tribunale di Foggia allo stato non sembra si sia ancora espressa.

Da ricordare, inoltre, come 3 dei 4 minori sarebbero stati autori di altre rapine: rapina alla farmacia del centro (Serratì, il 10.01.2012); rapina del 31 gennaio ai danni del negozio PROSHOP, nel rione Croce; successivamente, il 4 febbraio, rapina ad un supermercato del quartiere Monticchio; ed infine il 10 febbraio la rapina alla farmacia Del Rosario, episodio dal quale gli investigatori riuscirono ad identificare i presunti baby rapinatori.


Redazione Stato, dtr@riproduzione riservata


VIDEO RAPINA FARMACIA MANFREDONIA, VIALE BECCARINI




LA CONFERENZA STAMPA NEGLI UFFICI DEL COMANDO PROVINCIALE DEI CARABINIERI DI FOGGIA (25.02.2012)


Redazione Stato, ddf@riproduzione riservata



Vota questo articolo:
6

Commenti


  • Gregorio55

    Macchè scuse, macchè comunità!! In gabbia questi animaletti!! Magari facendogli vedere qualche bel video tipo Biancaneve e i sette nani!!


  • Muammar

    guardate questo video: http://www.youtube.com/watch?v=BhufSNGUK8s

    x la redazione: perchè no fate una notizia sul tema?

    questa amministrazione fa solo propaganda, avete visto la spiaggia nell’orto delle breccie e che si vantano?
    una vera palude circoscritta da un canale paludoso.

    che scandalo


  • dissidente

    comunque, minorenni o no, secondo me debbono pagare, non si puo perdonare sti ragazzacci, solo perche si sono sentiti provati, ma veramente scherziamo, e poi ci lamentiamo che c’è delinguenza in italia? questi potrebbero essere i futuri boss, della città. Non bisogna avere pietà, se hanno commesso il reato, debbono pagare, non in comunità ma in carcere, piu lontani possibili dalle loro case. No che li mandano in comunità e al fine settimana gli danno il permesso di andare a casa, pene severe e certe. Se possibile pure ai genitori, che sicuramente li difendono, oppure cari amici, facciamoli giudicare dal proprietario della farmacia, lui solo puo decidere se liberarli o no…….mandateli in sardegna a tagliare gli alberi dalle 13.00 alle 17.00 di questi pomeriggio di caldo, senza acqua. Tra poco li vedremo passeggiare in citta’ spavaldini.


  • Bubble

    Ah bello… Domani faccio anche io una rapina, tanto sono incensurato poi chiedo scusa e mi liberano… Che bell’insegnamento vergogna!!! Questa è la giustizia Italiana!! Che scandalo!!!


  • orazio

    se, la legge, lo censentiva, sarei stato curioso di sapere i loro nomi, secondo me, chi abita vicino, li conosce bene, sono convinto, che i loro genitori(almeno qualcuno, lo spero, poverini per la vergogna che hanno dovuto subire, vedendosi arrivare st ebelle notizie)ed i soldi che stanno pagando per farli difendere, comunque sono del parere che l’albero si raddrizza da piccolo, non impietositevi, cari signori, sapete anche io ho figli e sentire ste cose mi dispiace molto, per al pena che debbono subire i familiari, ma non accetto che si dice, è stata na ragazzata, perchè se quella sera quel povero farmacista, commetteva qualcosa di brutto? poi che succedeva? sicuramente tutti si sarebbero scagliati contro.Debbono pensare prima di fare fesserie e non piangere dopo sul latte versato.Poverini si sono pentiti, è troppo facile ora farlo, perche’ non si sono pentiti cinque minuti prima di fare quelle sporche cose? era bello che se nessuno se ne fosse accorto, erano fieri di avere portato in segno un colpo,,,,,,e state sicuri signori che subito dopo, se non li beccavano subito, loro si sarebbero organizzati daccapo per un altro colpo, quindi debbono pagare per quello ch ehanno fatto anzi di piu, tenuto conto della tenera eta……..non vi fate impietosire, pensate ch epoteva succedere a voi, trovarli in casa ……come vi sareste comportati?


  • Arrabbiato

    E se fanno altre rapine, io propongo la messa in prova anche di avvocati e magistrati, che non fanno scontare le pene ai delinquenti, anche se minorenni,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi