Lavoro

Settimana decisiva per la Spending Review. Le misure previste

Di:

Il presidente del Cdm Monti con il Ministro dello Sviluppo Economico Passera (fonte image: dirittodicritica)

Roma – SPENDING review: settimana decisiva. Previste fino a sabato riunioni di lavoro per stringere; in serata un vertice interministeriale. Si parla di una forbice di 4-8 miliardi di euro. Iva, sisma ed esodati i temi principali sul tavolo. Le misure in un pacchetto unico o in due tempi. Martedì incontro coi sindacati. Oggi manifestazione unitaria a Napoli.

I 4,2 miliardi di partenza, che servono ad evitare l’aumento dell’Iva per quest’anno, potrebbero aumentare per trovare una soluzione ad altre priorità: terremotati, esodati, ma anche riforma del lavoro, in particolare su alcune parti della flessiblità in entrata. Martedì il confronto con i sindacati e poi il consiglio dei ministri dove si tireranno le fila.


Iva, si cerca lo sconto per il 2013.
Come riferiscono le agenzie nazionali, per l’Iva, si guarda anche al 2013: obiettivo almeno il dimezzamento a 1 punto del già previsto aumento della tassa. “Ora è da vedere se fare tutto adesso o rinviare una parte a subito dopo l’estate”, riferiscono fonti governative. Il grosso arriverà dal pacchetto del commissario Enrico Bondi sui risparmi sugli acquisti di beni e servizi, con un ruolo più ampio per la Consip.

Intervento scontato anche sulla sanità, in particolare sulla spesa farmaceutica e sui costi dei ricoveri. Ora potrebbe arrivare la stretta sui dirigenti e funzionari e la riorganizzazione di alcune presenze territoriali dello Stato. In un secondo tempo, se necessario, si agirebbe sulle piante organiche, sulle ferie e i buoni pasto. Ma le ipotesi sono ancora tutte aperte.


Redazione Stato



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi