Eventi

«Spiagge d’autore» , si parte con Melissa P. – Fioretti al Monsignore

Di:

Melissa p. (st)

Bari – MELISSA Panarello, in arte Melissa P., aprirà il 3 luglio prossimo la III edizione di «Spiagge d’autore», il Festival Itinerante della Letteratura che coinvolgerà fino a settembre gli stabilimenti balneari della regione Puglia con lo scopo di creare un momento di incontro informale fra autori e lettori. «Spiagge d’autore» 2012 è promosso dalla Regione Puglia – Assessorato al Mediterraneo, Cultura, Turismo e Confcommercio Puglia, in collaborazione con l’Agenzia Pugliapromozione e Teatro Pubblico Pugliese. Più di 50 ospiti nazionali e internazionali fra autori, personaggi dello spettacolo, filosofi, musicisti animeranno circa 150 appuntamenti negli stabilimenti balnerari di tutta la regione dalla costa garganica a quella salentina, passando per quella ionica e barese. Una formula, quella di Spiagge, che si conferma vincente nel suo voler rendere la cultura della lettura di tutti scegliendo, quindi, come luogo d’incontro l’insolita cornice degli stabilimenti balneari.

Tra gli appuntamenti già fissati per questa III edizione di Spiagge, oltre a Mellissa P., ci sono Federico Rampini (16 luglio), Don Aniello Manganello (17 luglio), Franca Mazzei (26 luglio), Stefano Zurlo (28 luglio), Sabina Merolla (29 luglio), Stefano Belisari, in arte Elio del gruppo Elio e le storie tese (3 agosto), Bjorn Larsson (17 agosto). E poi ancora Erri De Luca, Dario Vergassola, Vittorio Coppola e Bruno Luverà, Michele Mirabella, Martino De Cesare ed Enzo De Caro con il progetto «Quando arriva un’emozione», Marco Falaguasta e Mauro Graiani per la presentazione del libro «E’ facile smettere di sposarti se sai come farlo» (Kowalski).

Le schede degli autori e i dettagli dell’iniziativa saranno disponibili a breve sul sito www.spiaggedautore.it

GLI APPUNTAMENTI DELLA PRIMA SETTIMANA. Il viaggio di Spiagge parte martedì 3 luglio (ore 11.30) dallo stabilimento Moby Dick di Margherita di Savoia con la presentazione di «In Italia si chiama amore» (Bompiani), l’ultimo libro della giovane scrittrice Melissa P. Un libro-inchiesta sui costumi sessuali degli italiani che nasce da una fortunata collaborazione con il settimanale Sette. L’autrice visita l’Italia e i suoi luoghi, i suoi personaggi, per tracciare un ritratto sessuale dello Stato che si conferma, nonostante tutto, il paese dei vizi privati e delle pubbliche virtù.

Melissa P. è autrice anche di altri quattro libri. Il primo, «100 colpi di spazzola prima di andare a dormire», scritto ad appena 16 anni, è diventato un best seller tradotto in oltre 30 lingue e un film diretto Luca Guadagnino dal quale, però, l’autrice si è sempre dissociata. Ha poi pubblicato «L’odore del tuo respiro» (2005), «In nome dell’amore» (2006), pamphlet polemico indirizzato al cardinal Ruini in cui la scrittrice rivendica piena libertà dalla Chiesa cattolica in materia di rapporti di coppia e comportamenti sessuali, e «Tre» (2010). Melissa P. «bisserà» mercoledì 4 luglio (ore 17.30) in un incontro pomeridiano nello stabilimento Nettuno a Molfetta. Giovedì 5 luglio (ore 19.30), nella splendida cornice della Lega Navale di Trani, Francesco Bertuzzi presenta il suo «La paura» (Newton Compton).

Doppio appuntamento, invece, per Francesco Fioretti che presenterà «Il quadro segreto di Caravaggio» (Newton Compton) venerdì 6 luglio (ore 17.30) al Lido Giardino Monsignore di Mattinata (FG) e sabato 7 luglio (ore 21.30) a Foggia, nel Museo Civico. Il primo fine settimana di Spiagge sarà chiuso, domenica 8 luglio, da Andrea Frediani che porterà il suo «La dinastia» (Newton Compton) al Lido Torre Egnazia di Monopoli-Capitolo (ore 17.00).

LE NOVITÁ. Il percorso di «Spiagge d’autore 2012» sarà seguito da una vera e propria libreria viaggiante attrezzata su un camper che girerà per tutta la Puglia. La libreria di Spiagge, nella quale saranno disponibili tutti I titoli presentati nel corso del festival, toccherà tutte le province e gli stabilimenti balneri con lo scopo di promuovere la cultura della lettura e di fornire, ai lettori stessi, la possibilità di scegliere a portata di tintarella il proprio libro per l’estate.

Anche quest’anno particolare attenzione sarà rivolta agli autori e alle case editrici della regione. A settembre, infatti, ci sarà spazio per gli «Speed Book – Storie di Puglia», un progetto che nasce seguendo la falsa riga dei più famosi speed date (appuntamenti veloci) in cui si ha un lasso di tempo prestabilito per conoscersi. Ogni autore avrà, quindi, 10 minuti (il cui termine sarà sancito dal trillo di un timer) per parlare di sé, del suo libro e di ciò che ritiene sia più opportuno per presentare la sua opera al pubblico. Nel corso di ogni serata tematica gli autori – fino ad un massimo di otto – si avvicenderanno nelle presentazioni con una durata complessiva dell’incontro di un’ora e venti minuti circa. Al termine delle presentazioni ci sarà spazio per le domande del pubblico e per un dibattito per confrontare tematiche simili lette e affrontate da diversi punti di vista.

Sono sei i temi individuati per gli incontri: famiglia, intrigo, viaggi e introspezione, amore, Puglia e politica ed economia. Gli incontri saranno organizzati in collaborazione con la rete dei «Teatri Abitati», progetto vincitore del premio Hystrio Altre Muse 2012, e Teatro Pubblico Pugliese.

Melissa P – “in Italia si chiama amore” – Bompiani 2011. MELISSA PANARELLO dopo l’incredibile successo di 100 colpi di spazzola, best seller scritto a soli sedici anni e tradotto in più di trenta lingue, Melissa Panarello (nota ai più come Melissa P.) è autrice di altri tre libri: L’odore del tuo respiro, edito nel 2005, In nome dell’amore (2006), pamphlet polemico indirizzato al cardinal Ruini in cui la scrittrice rivendica piena libertà dalla Chiesa cattolica in materia di rapporti di coppia e comportamenti sessuali, e Tre (2010). Dal suo primo libro nel 2005 è stato tratto un film diretto da Luca Guadagnino. Biografia – Melissa

Sono nata a Catania il 3 dicembre del 1985, Sagittario ascendente Scorpione, Luna in Leone. A tre anni comincio a parlare, poco, e a quattro scrivo poesie. A nove anni il primo romanzo, ancora in cerca di editore. Scrivo 100 colpi di spazzola prima di andare a dormire nel garage di casa, a sedici anni. A diciassette anni vedo il mio primo romanzo stampato e distribuito in libreria. Poi lo vedo nelle librerie di altri 42 paesi, ma non me ne preoccupo. Poi il romanzo diventa un film che viene intitolato con il mio nome, Melissa P., e mi dissocio completamente dall’opera cinematografica. Non ho contribuito in alcun modo alla realizzazione del film. Lascio la scuola senza prendere il diploma. Non prendo neanche la patente. Mi trasferisco a Roma e nel 2005 pubblico L’odore del tuo respiro. Nel 2006 scrivo una lettera aperta a Ruini, In nome dell’amore. Poi decido di andarmene dall’Italia e arrivo con una nave cargo a Buenos Aires, rimango un Sud America per sei mesi, vado in Amazzonia e mi occupo delle scimmie. Nel 2010 pubblico il terzo romanzo, Tre. Lo stesso anno partecipo alla trasmissione Victor Victoria in qualità di cartomante: le carte le faccio davvero. Nel 2011 esce Vertigine, graphic novel da me sceneggiata e disegnata da Alice Pasquini”.

“È dello stesso anno In Italia si chiama amore, inchiesta sul sesso e gli italiani. Ho collaborato e collaboro con i giornali e le riviste Max, Internazionale, GQ, Il Fatto Quotidiano, Sette, Gli Altri, Grazia, Satisfiction, Woman. Pratico kundalini yoga e frequento un corso di danza classica, produco profumi in casa e creme di bellezza, faccio la cartomante e l’astrologa, leggo poesie a voce alta e ascolto musica classica o punk rock. Vivo con tre gatti e tutte le mattine, dopo una tazza di orzo e prima di scrivere, mi metto il rossetto rosso.” Melissa.

In Italia Si Chiama Amore. Un libro inchiesta sui costumi sessuali degli italiani che nasce da una fortunata collaborazione con il settimanale Sette. L’autrice visita l’Italia e i suoi luoghi, i suoi personaggi, per tracciare un ritratto sessuale dello Stato che si conferma, nonostante tutto, il paese dei vizi privati e delle pubbliche virtù. Il sesso è la cartina al tornasole di una società: racconta gli individui, la loro specificità, rivela i difetti e le virtù di ogni esistenza. E il nostro è il paese degli scandali, delle trasgressioni che occupano gli appartamenti delle periferie così come i dorati palazzi del potere. È il paese degli esibizionisti che rispondono alla larga richiesta di un numerosissimo popolo di guardoni. È il paese in cui, ancora oggi, pronunciare la parola “sesso” fa scappare la risatina tipica dei bambini che non sanno come affrontare una cosa più grande di loro. Nonostante l’ostentazione pornografica a cui dagli anni Ottanta in poi siamo stati abituati, in Italia regna un pudore sconsiderato, lo stesso di quaranta o cinquant’anni fa. E non vengano fraintesi i comportamenti e i costumi odierni, decisamente più libertini di quelli di ieri: una minigonna inguinale può rivelarsi una maschera tanto quanto una gonna sotto il ginocchio. Un tempo, almeno, l’ipocrisia aveva una veste adeguata. Oggi invece è un’ipocrisia scollacciata, travestita da libertà. Da quando ho pubblicato 100 colpi di spazzola, centinaia di persone mi hanno fatto domande sulla mia intimità. Vogliono sapere come, con chi, dove, quanto lo faccio. E si sono sempre stupite nel trovarsi di fronte a una creatura estremamente noiosa dal punto di vista sessuale, che non ha niente o pochissimo da spartire col personaggio letterario che abita le loro fantasie. Ecco perché, a un certo punto, ho deciso di passare dall’altra parte. Ho girato per le città d’Italia e ho cominciato io a chiedere agli italiani come lo fanno, senza pruriti voyeuristici né ambizioni da scienziata. Osservandoli, ascoltandoli, raccogliendoli. E provando a raccontarli.

Redazione Stato@riproduzione riservata



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi