ManfredoniaMonte S. Angelo
Era il 30 maggio dell’anno 2016, un lunedì, quando la sezione politica del già Sindaco Antonio di Iasio comunicò che tutto procedeva per il meglio in merito al finanziamento suddetto

La “Giovanni XXIII” verrà ristrutturata. Merito di “di Iasio”, altro che “Regionali”

Di:

Foggia, sabato 01 luglio 2017. Era il 09 Aprile 2015, precisamente un giovedì, quando l’allora Amministrazione Comunale di Monte Sant’Angelo con l’approvazione, ad unanimità di voti espressi nei modi e forme di legge, della Delibera di Giunta Comunale n. 54, comunicò alla cittadinanza che alla Regione Puglia fu accettato il progetto per la ristrutturazione e riqualificazione dell’Istituto comprensivo “Giovanni XXIII” con un finanziamento di 700 mila euro. Ed era il 30 maggio dell’anno 2016, un lunedì, quando la sezione politica del già Sindaco Antonio di Iasio comunicò che tutto procedeva per il meglio in merito al finanziamento suddetto. Due precise puntualizzazioni che oggi trovano conferma nel compimento dell’iter per l’avvio dei lavori di sistemazione di tutta la struttura della Sede Centrale dell’I.C. “Giovanni XXIII” di Monte Sant’Angelo.

Una soddisfazione, allora ed oggi, frutto della buona pianificazione che quell’Amministrazione mise in atto progettando e programmando la riqualificazione degli istituti scolastici, che sono la seconda casa degli studenti, dei nostri figli, tanto per intenderci, dove trascorrono più di un quarto della loro gionata. E ciò, ed è innegabile e lo ripeto, grazie ad un finanziamento cercato e ottenuto nel 2015 dall’ex Amministrazione del Sindaco di Iasio. Quanto detto conferma che la correttezza politica, “dando a Cesare quel che è di Cesare”, deve essere messa in campo da chi oggi con enfasi dice che quel finanziamento è stato recuperato grazie solo al lavoro di politici regionali “confratelli” all’attuale Amministrazione d’Arienzo.

Il riferimento è all’Assessore Raffaele Piemontese, al Senatore Dario Stefàno, allo stesso Presidente Michele Emiliano. La Politica (con la P maiuscola) vuole che si diano i meriti a chi li conquista.

A sostegno di quanto scritto, di seguito si riportano alcuni link degli organi di stampa locale pubblicati nel maggio 2015 (la memoria è storia e rimane, per fortuna):
• http://www.montesantangelo.it/evidenza.php?long_news=1327; http://ilfattodelgargano.it/attualita/item/2455-monte-sant-angelo,-edilizia-scolastica-regione-approva-progetto.html;
• http://www.ondaradio.info/index.php/notizie/societa/item/45146;
• https://www.statoquotidiano.it/06/05/2015/edilizia-scolastica-la-regione-approva-progetto-comune-m-s-angelo/330444/;
• http://www.statoquotidiano.it/20/03/2014/edilizia-scolastica-il-sindaco-di-iasio-indica-a-renzi-listituto-giovanni-xxiii/198470/amp/;
• http://www.foggiatoday.it/notizie/istituto-giovanni-XXIII-monte-sant-angelo-lista-matteo-renzi.html;
• http://www.ildiariomontanaro.it/in-rilievo/16345-edilizia-scolastica-il-sindaco-di-iasio-indica-a-renzi-l-ic-giovanni-xxiii.html

Vedete, amare la propria città significa anche cominciare ad avere la maturità di riconoscere ai propri avversari politici i meriti. Non bisogna mai dimenticare che amministrare la propria città è la responsabilità maggiore che un cittadino affida e, pertanto, quella fiducia va rispettata, soprattutto raccontando loro la verità, anche se quella verità non piace. Il politico deve innanzitutto saper ringraziare del lavoro svolto dal suo predecessore, che fosse Sindaco, Assessore, Consigliere, etc… Invece qui si dimentica che quel finanziamento, dove Monte risultò al 144° posto con 90 di punteggio, per la ristrutturazione della scuola Giovanni XXIII, si è realizzato grazie alle azioni politiche amministrative del Sindaco di Iasio attuate nel lontano 2014. È doveroso ricordare a chi dimentica facilmente che con Determinazione n. 21, del 15 aprile 2016, del Dirigente Sezione Scuola Università e Ricerca, avente ad oggetto “Piano Regionale triennale di edilizia scolastica 2015/2017 e piani annuali… Individuazione dei beneficiari dei finanziamenti Piano annuale 2016”, la Regione Puglia ha dato seguìto a quanto richiesto dall’Amministrazione del Sindaco di Iasio che, con Delibera di Giunta Comunale n. 54 del 09/04/2015, avente ad oggetto “Lavori di ristrutturazione e riqualificazione dell’Istituto Comprensivo Giovanni XXIII. Approvazione Progettazione Esecutiva”, aveva richiesto un finanziamento per lavori, appunto, di ristrutturazione della scuola “Giovanni XXIII”, come già aveva fatto anche per le altre scuole cittadine. Gli atti, per fortuna, sono tutti reperibili negli archivi online dei siti istituzionali preposti. Per facilitarvi, ecco quelli più importanti e determinanti:
– http://pubblicazioni.saga.it/publishing/DD/docDetail.do?docId=47166&org=montesantangelo
– http://beta.regione.puglia.it/documents/10192/6418566/DDSUR21.pdf/507d88d3-72a6-4798-b964-830219312a71?version=1.0

Ora, rimane un punto da chiarire, a beneficio di chi non ancora ha ben compreso che due anni di commissariamento di fatto, e come è sempre in qualunque città sottoposta a tal forzatura, hanno bloccato Monte Sant’Angelo. Certo, i Commissari Straordinari Prefettizi hanno dato seguito ad atti già deliberati, determinati, perché quello si chiede a loro. I Commissari non decidere in base alle istanze e necessità peculiari della popolazione e del territorio. Questa appena detta è una funzione che svolge la politica e spero che l’attuale Amministrazione lo faccia, e bene. Tuttavia bisogna dire che per due anni i Commissari succitati non sembrerebbero aver attuato un atto per far andare avanti il finanziamento predetto.

L’ultima riflessione la dedico a chi oggi con la carica assessorile conferita dovrebbe affrettarsi per far iniziare i lavori di ristrutturazione dell’I.C. “Giovanni XXIII”. Proprio ieri mattina, venerdì 30 giungo 2017, alla scuola pocanzi nominata sono giunti alcuni tecnici incaricati dal Comune per fare dei sopralluoghi; con loro c’era anche la ditta che dovrebbe svolgere quei lavori. Ebbene, alcuni tecnici hanno fatto sapere, in via molto riservata ovviamente, che i tempi di realizzazione dei lavori sono risicatissimi in base a quelli previsti per il finanziamento, poiché quest’ultimo scadrà tra sei mesi, a dicembre 2017. Siamo in piena estate, a luglio e agosto c’è chi lavora, pochi, e chi va anche in ferie, molti. Faccio presente che a settembre ricomincia l’anno scolastico: pensare di ultimare quei lavori entro la fine di quest’anno sembra essere un traguardo irraggiungibile. Inoltre se a settembre inizia l’anno scolastico si dovrà anche pensare dove collocare gli studenti per lo svolgimento delle lezioni giacché le aule saranno oggetto di quei lavori. Insomma, a me pare che qualcuno non abbia ponderato bene il tutto e se lo ha fatto ce lo spieghi, non a me (seppur curioso) ma ai cittadini, a tutte quelle famiglie che hanno il dovere di conoscere il futuro svolgimento scolastico dei loro figli.

Per ora, e non solo, i montanari o angiolesi qualsivoglia dire, sappiano che se l’Istituto Comprensivo Giovanni XXIII sarà ristrutturato e riqualificato con lavori di rifacimento delle facciate per porre rimedio alle infiltrazioni che si verificano in diversi punti, di rifacimento della copertura compresa l’impermeabilizzazione, di rifacimento dei canali di gronda, di sostituzione di una parte degli infissi per migliorare l’isolamento termico, di sostituzione di una parte degli stipiti in travertino, di tinteggiatura delle grate in ferro, di risanamento del corpo seminterrato di collegamento dell’edifico alla palestra col rifacimento dell’impermeabilizzazione della copertura, è solo grazie all’ ex o già Sindaco Antonio di Iasio che nel 2014 attuò azioni politiche amministrative con le quali oggi il Comune, e perciò l’attuale Amministrazione appena eletta, potrà avviare tutte le procedure per i lavori.

Monte lo sa e non può far finta di dimenticarlo, a prescindere dai partiti.

(A cura di Nico Baratta, Monte Sant’Angelo. 02.07.2017)



Vota questo articolo:
25

Commenti


  • giusi

    no una cosa mi sfugge. chi sarebbero quelli che si sono attribuiti il merito del finanziamento per la giovanni 23? ha lo posso immaginare. sicuramente il pd . ma loro sono abituati a prendersi meriti che non hanno. tra l’altro poverini ogni tanto devono pur far credere a qualcuno che sono in grado di fare qualcosa, oltre a farsi appoggiare alle comunali da alcuni della vecchia amministrazione. altrimenti col cavolo che vincevano! non hanno i voti, a stento raggiungono tutti insieme nel pd 1500 voti.

  • Complimenti per l’articolo, mirato ha riconoscere chi ha lavorato per ottenere quel finanziamento, avete fatto bene ha richiamare alla responsabilità della politica con la P maiuscola, ma quando di mezzo ci sono l’elezione Politiche, ogni modo è buono pur di far emergere il proprio nome, per ottenere successivamente un ritorno.


  • Fausta B.

    Bravo il redattore dell’articolo Baratta. Finalmente qualcuno che fa vero giornalismo. Inoltre, faccio pure i complimenti a Stato Quotidiano che annovera tra le sue file giornalisti di elevato spessore. Purtroppo a Monte non abbiamo giornali imparziali e giornalisti valenti come li avete voi. Abbiamo a stento qualche giornalaio che gioca a fare l’edicolante scribacchino: di bassissimo vaglia. Tra l’altro allineato al potere, testimoniato da atteggiamenti di idolatria che rasentano il servilismo.


  • Matteo 1

    ARTICOLO ALLUCINANTE, -NEI CONFRONTI DEI MONTANARI ONESTI E DELLA COMMISSIONE PREFETTIZIA. VORREI SAPERE SE ESISTE UN DIRETTORE RESPONSABILE CHE VALUTA QUESTI ARTICOLI PRIMA DI PUBBLICARLI E SE QUESTA E’ LA LINEA UFFICIALE DI STATO QUOTIDIANO!


  • borriello

    Quando leggevo articoli come questo un tempo mi arrabbiavo, ora mi viene solo da ridere. E fanno ancora più ridere i commenti di approvazione che si capisce bene chi li scrive… Signor Baratta, chi si loda si sbroda!


  • Giuly

    Sono scandalizzata che si possono scrivere articoli simili. Quel signore che li scrive non conosce niente di Monte e della gente che vi abita e non sa niente delle grandi cose che sono state fatte in questi due anni grazie al lavoro della Commissione straordinaria. Evidentemente è cieco o parla per conto di qualcuno che non vorremmo mai più sentire nominare . Sono indignata e offesa come montanara . Se ha nostalgia della amministrazione sciolta fatti suoi ma la smetta di importunarci.


  • giovanni r.

    Vorrei fare una proposta a Stato Quotidiano: ” Perché sotto la dicitura Stato Quotidiano non scrivete pure un sub-nome “La voce della Verità”?. Rendereste onore all’ottimo servizio che il vostro Giornale fa a tutta la Comunità. Grazie per tutto quello che fate. (A lei, a disposizione,ndr)


  • giovanni

    mi associo alle disapprovazioni di questo articolo che giudico molto grave. ritengo auspicabile un intervento chiarificatore di questo giornale sulle affermazioni del signor baratta. ricordo che il signor di iasio era al vertice di una giunta comunale sciolta per condizionamento della criminalità organizzata di stampo mafioso. queste sono le parole scritte nel dpr di scioglimento, quindi spero che stato quotidiano non censuri i termini utilizzati dal presidente della repubblica. ricordo anche che i giudici del tar hanno affermato che è indubbio che il consiglio comunale era condizionato e infiltrato dalla mafia garganica. spero non si vogliano censurare nemmeno i magistrati. al di la di alcune evidenti falsità contenute nell’articolo, sono amareggiato che questa testata giornalistica da tempo, tramite un suo articolista, muova accuse alle istituzioni antimafia e non perda occasione di inneggiare ad amministratori sciolti in quanto condizionati dalla criminalità organizzata di stampo mafioso. per utilizzare ancora una volta le parole riportate in atti ufficiali come la gazzetta ufficiale e il decreto del presidente della repubblica. trovo il comportamento di stato quotidiano ambiguo e indecoroso nei confronti dei tanti cittadini onesti di monte sant’angelo e non solo. articoli come questo non fanno onore a nessuno e spero che vengano valutati nelle sedi deputate per quello che sono.


  • Incredulo allibito

    Le cose sono mooooolto diverse da come sono riportate, questa non è informazione. La vecchia giunta aveva perso il finanziamento per le sue incapacità ed è stato recuperato dalla Commissione straordinaria, come è stato riportato da molti giornali.


  • Redazione

    Buongiorno, provvederemo con ulteriori aggiornamenti. Come risaputo, sulla nostra testata giornalistica c’è la massima libertà di espressione. Per il testo: ci sono dei link di approfondimento. Provvederemo ascoltando gli attuali referenti della maggioranza. Grazie a lei, a disposizione. Stato Quotidiano.it


  • Paolo

    Qui non è questione di libertà di informazione. Stato Quotidiano intervenga, Giovanni ha centrato benissimo il problema ed è molto grave.


  • Redazione

    Buongiorno, nel testo vi sono dei link e nell’articolo è stato evidenziato il ruolo della passata Amministrazione, pre scioglimento del consiglio comunale. Puo’ indicarci, gentilmente, la o le “gravità” presenti nel testo? Grazie, a disposizione


  • Paolo

    (Buon pomeriggio, le chiediamo di riportare i dati relativi alla “gravità” di quanto indicato, diversamente dobbiamo prospettare una valutazione legale per le accuse rivolte al giornale, considerando quello che ha riportato sui cittadini di Monte Sant’Angelo, grazie,ndr)


  • Redazione

    Buongiorno sig. Giovanni, nel testo indicato non ci sono accuse alle “istituzioni antimafia”. Lo scioglimento del consiglio comunale è stato approfondito più volte dalla nostra testata giornalistica. In questo caso, tuttavia, non ci sono correlazioni tra oggetto dell’articolo e il citato scioglimento.
    In merito a quanto ha riportato, le riportiamo numerosi articoli di Stato Quotidiano,già pubblicati. In questo modo, potrà evitare di ritenere che vi siano state delle omissioni. Il resto è libertà di espressione. Se l’autore del testo ritiene, giustamente o erroneamente (ma esercitando un personale diritto di critica e allegando testi), che la precedente Amministrazione abbia ben operato per il finanziamento indicato, non possiamo censurare quanto pubblicato. Le altre sono sue riflessioni. Non esistono accuse alle “istituzioni antimafia” (riporta il falso). L’avvenuto scioglimento non presuppone l’impossibilità di pubblicare testi sulla precedente amministrazione.
    A presto
    Stato Quotidiano.it

    http://www.statoquotidiano.it/03/11/2016/scioglimento-comune-monte-pronto-ricorso-al-consiglio-di-stato/500796/
    http://www.statoquotidiano.it/09/12/2016/monte-santangelo-3-mesi-scioglimento-consiglio-cc-denunciarono-4-capisettori/508982/
    http://www.statoquotidiano.it/25/10/2016/tar-lazio-conferma-scioglimento-consiglio-comunale-monte-santangelo/499232/
    http://www.statoquotidiano.it/31/10/2016/scioglimento-comune-monte-barone-m5s-sostegno-dei-commissari/500382/
    http://www.statoquotidiano.it/11/04/2016/id-scioglimento-consiglio-comunale-monte-s-angelo-cronaca-di-unonta-annunciata/455454/
    http://www.statoquotidiano.it/03/03/2016/scioglimento-consiglio-comunale-necessaria-prova-condizionamento-stampo-mafioso/444185/
    http://www.statoquotidiano.it/09/11/2015/pd-monte-santangelo-scioglimento-consiglio-comunale-la-storia-continua/400641/
    http://www.statoquotidiano.it/05/11/2015/ricorso-contro-scioglimento-cons-comunale-m-s-angelo-sentenza-definitiva-il-06-04-2016/398733/
    http://www.statoquotidiano.it/05/10/2015/scioglimento-consiglio-m-s-angelo-ricorso-al-tar-90-appalti-con-gare-ad-evidenza-pubblica/385238/
    http://www.statoquotidiano.it/20/08/2015/monte-santangelo-post-scioglimento-nominati-responsabili-cinque-settori/367322/
    http://www.statoquotidiano.it/10/08/2015/scioglimento-consiglio-c-m-s-angelo-dal-consiglio-di-frazione-agli-appalti-e-alle-assunzioni-ii/364396/
    http://www.statoquotidiano.it/10/08/2015/scioglimento-consiglio-m-s-angelo-i-motivi-della-relazione-i/364387/

    Sufficiente come approfondimento?

  • w i commissari e grande intervento di giovanni


  • Salvatore

    E’ chiaro che il sig. Giovanni sta tentando di intimorire un Giornale il cui unico scopo è quello di raccontare la verità. Per questo motivo esprimo la mia solidarietà al giornalista Baratta e alla Testata Stato Quotidiano nonché al suo Direttore che, con spirito di verità ed obiettività, permette ai suoi giornalisti di narrare verità per taluni impopolari.


  • TOMMASO

    DA ASSIDUO LETTORE DI STATO QUOTIDIANO, DEBBO AMMETTERE CHE E’ L’UNICO GIORNALE ON LINE DELLE NOSTRE PARTI A FAR UNA INFORMAZIONE IMPARZIALE ED EQUILIBRATA.
    FATTA QUESTA BREVE PREMESA, DA DIFFIDENTE INCALLITO CHE SONO, SUBITO DOPO AVER LETTO L’ARTICOLO DI BARATTA, MI SONO INFORMATO, ATTRAVERSO DELLE RICERCHE SUL WEB, SCARTABELLANDO QUA E LA’ I VARI SITI, ED HO SCOPERTO, SENZA SORPRESA (DEBBO AMMETTERLO) CHE QUANTO SCRITTO NELL’ARTICO IN OGGETO E’TUTTO VERO.
    PER TAL MOTIVO, CHIEDO A COLUI CHE TENTA – A MIO PENSARE, IN MODO PUERILE E MALDESTRO – DI SCREDITARE STATO QUOTIDIANO, COSA HA IN MENTE E CHI SONO I SUOI MANDANTI!


  • TOMMASO

    errata corrige
    E CHI SONO I SUOI MANDANTI?


  • donato

    Ma il sig. Giovanni dove vive? Ma crede che noi lettori non sappiamo leggere? Ma crede che noi siamo ignoranti come lui? Ma con chi crede di avere a che fare! Non sarà di certo lui a dirci quello che sta scritto nelle varie documentazioni che riguardano la ristrutturazione della Giovanni XXIII. Sappiamo leggere molto bene, e per questo ti dico che Stato ha descritto una situazione alquanto veritiera, come sempre tra l’altro.


  • elettore cambiamonte-lettore di tutti i giornali

    Stato quotidiano è un giornale serio, da voce a tutti ed è davvero un bel giornale, il giornalista baratta scrive ciò che pensa e vede, o ciò che gli viene detto e fa bene a farlo, immaginate che noia se tutti fossero concordi su qualcosa e se tutti scrivessero le stesse cose.
    mi chiedo e lo chiedo a tutti voi, perchè attaccare in questo modo un giornalista? tanto lui ha le sue idee e nessuno glie le farà cambiare e gli altri hanno le loro idee e nessuno glie le farà cambiare.
    in conclusione, se non vi piace l’articolo, pazienza, gli altri giornali “asserviti al potere” fanno ciò che ritengono più giusto per una corretta visione della bella città.
    cmq, non sono d’accordo su quello che dici, ma mi farei tagliare un braccio perchè tu possa dirlo.


  • MARIA N.

    Il tentativo di brutalizzare l’informazione libera va quantomeno censurato.

    Stato quotidiano è un giornale libero, e spero che rimanga tale. Io per primo, quando voglio leggere notizie non “permeate” da ideologia spicciola e da spirito settario, apro Stato quotidiano, perché sono certo che le sue notizie risultano sempre in linea con la realtà. Chi dice il contrario sa benissimo che mente!


  • Dino

    OTTIMO ARTICOLO, DIREI. MA IN CITTA’ CHI AVEVA MESSO IN CIRCOLO LA VOCE CHE I MERITI DELLA RISTRUTTUAZIONE ERANO DEL PD? CERTO CHE QUELLI NON CAMBIERANNO MAI! HANNO SEMPRE IL SOLITO VIZIO. COMUNQUE BRAVI A STATO E AL SUO GIORNALISTA.


  • G.F.

    L’ARTICOLO E’ VERITIERO E MI COMPLIMENTO COL SIGNOR BARATTA.MA NON E’ VERITIERO IL FATTO CHE VOI DITE CHE IL PD VUOLE PRENDERE GLI ONORI DELLA RISTRUTTURAZIONE DELLA XX||| QUESTA E’ UNA VOSTRA INVENZIONE,PERCHE’ NON HO MAI SENTITO DIRE AD UN COMPONENTE DEL PD CHE IL MERITO E’ LORO.


  • Che ridere!

    Ma che – signor Baratta, – Non vale la pena ribattere, è tutto chiaro a tutti.


  • fuoriMonte

    Questa è democrazia! il confronto di opinioni… Piaccia o no!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi