ManfredoniaMonte S. Angelo
Documento delle RSU delle tre sigle sindacali CISL CGIL UIL

“Accuse WWF”, dipendenti e comunità difendono il Parco

Sulla stessa linea si è mossa anche la Comunità del Parco

Di:

Monte Sant’Angelo. “Le accuse circolate in questo mese da parte del WWF sezione di Foggia in ordine ai presunti mancati adempimenti da parte dell’Ente Parco Nazionale del Gargano e della messa in discussione della sua istituzione attraverso l’interrogazione parlamentare dell’On. Segoni, intendono solo colpire l’istituzione e i lavoratori pubblici che in esso vi lavorano. Questo ci trova fermamente contrari”.

Con questa dichiarazione si apre il documento con il quale le RSU delle tre sigle sindacali CISL CGIL UIL dell’Ente Parco nazionale del Gargano hanno voluto scendere in campo personalmente per difendere l’Istituzione nella quale operano quotidianamente.

“E’ un atteggiamento di tipo discriminatorio e del tutto inaccettabile- continua la nota dei dipendenti. Non siamo più disposti a tollerare ulteriori interventi intesi a frammentare quanto già realizzato con fatica. Interventi che ledono la dignità e la professionalità dei dipendenti e del nostro Presidente. Riteniamo fondamentale estirpare ogni derivazione culturale di tipo conflittuale poiché la divisione nell’ambito dell’operato di un Parco Nazionale, erodendo in modo differenziato diritti e tutele, genera malanimo e ostilità, lede il concetto stesso di Istituzione e non risponde ai canoni di una società costituita sul valore fondante del rispetto. Infine vorremmo che la salvaguardia delle specificità da parte di chi attacca ormai sistematicamente sia reale e non costituisca il paravento della politica dell’attacca che poi ottieni. Siamo fortemente convinti che l’Ente persegua al meglio e con i mezzi amministrativi e legislativi messi a disposizione, gli obiettivi per il quale esso è stato istituito, del resto se esistono le bellezze in esso protette, dopo 20 anni dall’istituzione del Parco stesso, evidentemente si adempie al proprio compito. Crediamo che se non fosse stato istituito l’Ente Parco, questo territorio sarebbe stato colonizzato in ogni sua parte.

È inoltre sintomatico che l’Ente, nonostante il riconoscimento per il miglior piano di abbattimento delle opere abusive eseguito dalla Procura della Repubblica di Foggia, sia ingiustificatamente elevato a bersaglio, questo a maggior ragione quando nessun accenno contrario è stato assunto prima dell’estromissione di soggetti terzi che hanno di fatto contribuito personalmente alla gestione ed alla affermazione di ciò che oggi è il Parco stesso, sarebbe come puntarsi il dito contro”.

Sulla stessa linea si è mossa anche la Comunità del Parco, riunitasi ieri presso la sede dell’Ente a Monte Sant’Angelo. Nel corso della riunione anche i sindaci, capeggiati dal primo cittadino di Peschici Franco Tavaglione, hanno deciso di stilare un documento con il quale difendere l’istituzione e il suo Presidente dai continui e strumentali attacchi.
“I fatti smentiscono le accuse di chi vuole soltanto buttare fango, in maniera strumentale, sull’operato di un’istituzione che lavora producendo ottimi risultati non soltanto in materia di tutela ambientale, ma anche di supporto allo sviluppo economico, della cultura e delle tradizioni del Gargano, si legge nella nota della Comunità. Un’attenzione dimostrata anche dalla volontà di candidare il Gargano nella strategia nazionale delle Aree Interne e al MaB UNESCO, un riconoscimento che consentirebbe di entrare in una rete mondiale di territori in cui lo sviluppo economico sostenibile è in equilibrio con la tutela dell’ambiente. Gli attacchi strumentali, che producono effetti negativi sulla collettività che difficilmente comprende procedure interne e altamente tecniche, non ledono affatto la serenità di una Comunità che continuerà a lavorare, come ha sempre fatto, in stretta sinergia con un Ente e con il suo Presidente che ha sempre mostrato la volontà di far conoscere e crescere il Gargano in tutte le sue sfaccettature. Ecco perché esprimiamo tutta la solidarietà della comunità garganica che rappresentiamo nei confronti dell’Ente Parco Nazionale del Gargano e della sua governance che riteniamo -senza smentite- stiano interpretando, nel delicato momento storico che attraversiamo, attenzione e cura alla natura, all’ambiente e alla comunità”.



Vota questo articolo:
1

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati