Manfredonia
Attesa per revoca precedente ordinanza sindacale

Arpa “Parametri conformi”. Revoca divieto balneazione a Siponto

Le nuove analisi dell’Arpa Puglia, aggiornate a stamani, avrebbero dato infatti esito negativo rispetto ai dati dello scorso giugno

Di:

Nota Arpa - "parametri conformi"

Nota Arpa – “parametri conformi”

Manfredonia. VERSO la revoca dell’ordinanza sindacale – dell’01.08.2016 – con la quale è stato disposto il divieto di balneazione in un tratto del litorale di Siponto. Le nuove analisi dell’Arpa Puglia, aggiornate a stamani, avrebbero dato infatti esito negativo rispetto ai dati dello scorso giugno che avevano attestato “superamenti” dei Valori parametri microbiologici.

Come riporta teleradiorre.it, “il sindaco di Manfredonia Angelo Riccardi ha preparato un esposto che invierà alla Procura di Foggia per conoscere le cause dell’inquinamento del torrente Candelaro, il maggiore indiziato dell’inquinamento marino del Golfo”.

Nel mese di Giugno 2016, questi i 3 punti in Provincia di Foggia dove erano stati rilevati “superamenti” dei Valori parametri microbiologici, in seguito alle analisi dell’ARPA Puglia:
In particolare:
LIDO AERONAUTICA MILITARE – IT016071029003 – Foggia Manfredonia – Posizione geografica 574911,7262 (x) 4606312,36 (y) – Data 21.06.2016 – 410 (enterococchi intestinali) 770 (Escherichia coli)
CENTRO LAVORATIVO FORESTALE SIPONTO – IT016071029004 – Foggia Manfredonia – Pos. geogr. 574825,5937 (x) 4605922,028 (y) – Data 21.06.2016 – 380 (enterococchi intestinali) 630 (Escher. coli)
800 M. SX FOCE TORR. CANDELARO VSO P. 69 – IT016071029026 – Foggia Manfredonia – Pos. geogr. 574657,7503 (x) 4604499,71 (y) – Data: 21.06.2016 – 450 (enterococchi int.) 710 (Escherichia coli)

Limiti di legge (200 UFC – Unità Formanti Colonie – per gli Enterococchi intestinali e 500 UFC per Escherichia coli).

dati giugno 2016 - Acque di balneazione

dati giugno 2016 – Acque di balneazione

Monitoraggi Acque di Balneazione – ARPA Puglia – Regione Puglia
A decorrere dalla stagione balneare 2010, con il Decreto legislativo 30 maggio 2008 n. 116 e con la successiva pubblicazione del Decreto Ministeriale 30/3/2010 (G. U. del 24 maggio 2010 S.O. 97), l’Italia ha recepito la Direttiva europea 2006/7/CE sulle Acque di Balneazione.
Diversi sono gli aspetti innovativi introdotti dalla nuova normativa, tra i quali:

la definizione delle acque di balneazione, intese come aree destinate a tale uso e non precluse a priori (aree portuali, aree marine protette – Zona A, aree direttamente interessate dagli scarichi, ecc.);
la determinazione di soli 2 parametri microbiologici: Escherichia coli ed Enterococchi intestinali;
la frequenza di campionamento mensile nell’arco della stagione balneare (ad iniziare da aprile sino alla fine di settembre) secondo un calendario prestabilito;
il punto di monitoraggio fissato all’interno di ciascuna acqua di balneazione;
la definizione dei Profili delle acque di balneazione;
la classificazione delle acque sulla base degli esiti di quattro anni di monitoraggio, secondo la scala di qualità: “scarsa, sufficiente, buona , eccellente” (entro il 2015);
la regolamentazione degli episodi caratterizzati da “inquinamento di breve durata“ o da “situazioni anomale”.

Il Ministero della Salute ha attivato il Portale Acque per la raccolta dei dati e la relativa informazione al pubblico a partire dalla stagione balneare 2010. Per quanto riguarda la Regione Puglia è comunque disponibile un bollettino pubblicato in rete con cadenza mensile a partire da maggio sino ad ottobre di ogni anno.
Nel bollettino, reperibile dal Portale ARPA Puglia, sono riportati i risultati analitici prodotti dai Dipartimenti Provinciali ARPA Puglia, e relativi alle acque marino-costiere destinate alla balneazione nelle sei provincie pugliesi (sono escluse le zone precluse a priori, quali quelle portuali, quelle protette – Zona A, quelle direttamente interessate dagli scarichi, ecc.).
Nel bollettino sono indicati:
a) le date di monitoraggio;
b) i punti di campionamento;
c) i risultati analitici per ciascuna delle acque di balneazione designate, con l’indicazione di eventuali superamenti rispetto ai limiti di legge (200 UFC – Unità Formanti Colonie – per gli Enterococchi intestinali e 500 UFC per Escherichia coli).

Nella mappa interattiva visualizzata di seguito sono rappresentate le posizioni dei punti di monitoraggio per tutto il litorale pugliese, indicati con il simbolo della bandierina. La mappa può essere spostata trascinandola con il cursore, mentre la scala può essere ingrandita o ridotta utilizzando i segni +/ – (a destra in basso della mappa). Il colore blu della bandierina indica l’idoneità alla balneazione per l’ultima data di monitoraggio disponibile, mentre il colore rosso indica un superamento, rispetto ai valori limite, dei parametri microbiologici Enterococchi intestinali e/o Escherichia coli. Inoltre, cliccando sulla bandierina si apre una finestra in cui è visualizzata la denominazione della singola acqua di balneazione nonché gli ultimi risultati disponibili per la stagione di monitoraggio in corso.

REDAZIONE STATO QUOTIDIANO.IT – RIPRODUZIONE RISERVATA



Vota questo articolo:
27

Commenti


  • RE GIORGIO

    Un sindaco a scoppio ritardato..


  • Francesco

    MIRACOLO!!!!!
    Ieri 01/08/16 un tratto di spiaggia di Siponto NON ERA BALNEABILE ……. Oggi 02/08/16 quel tratto ritorna BALNEABILE..
    Ecco come in una notte si fanno i miracoli…………..


  • Differenziato

    ma ci state prendendo in giro? ieri il divieto per analisi fatte a giugno, adesso, chissà perchè e come, forse, dovrebbe venire revocato. ma parlliamo di analisi e rilevamenti e divieti diversi? E cmq il titolo dell’articolo è fuorviante, visto che non c’è nulla di sicuro.


  • Maus

    LA SOLITA PAGLIACCIATA della città’ di MANFREDONIAGAS.


  • Filippo5s

    il tonno è buono


  • antonella

    Davvero questa dovrebbe spiegarla, allor, i dati risalenti allo scorso giugno indicavano superamenti delle soglie, è l’ordinanza di divieto di balneazione viene emessa un mese e mezzo dopo? Che poi fatte le analisi al giorno di oggi i valori sono rientrati nella norma, eè prima di emettere tale ordinanza non sarebbe stato il caso di rovere quei valori, non ci sono parole, ecco come viene amministrata la città , ora cosa si dovrebbe fare, un applauso a chi ha allarmato la cittadinanza sulla scorta di analisi e parametri valutati un mese fa?
    Ritengo grave questo comportamento.


  • Disney

    Devono parare agli amici e salvaguardare il lido più Manfredoniano di Siponto….ma il Sindaco dove va al mare?!???


  • Dany

    Oltre il divieto di balneazione, regolerei la degenerazione di ragazzine e ragazzini fuori e dentro certi locali pomeridiani e notturni…
    Un fenomeno che sta portando ad una nuova e brutta società, dove si pensa solo al divertimento, all’apparire ed allo sballo, sponsorizzato da certi personaggi e figli di papà locali, senza un controllo reale di divieto di alcool ed altro in certi locali, basta che si arricchiscono sempre più, che ti viene da pensare seriamente dove andremo mai a finire se non ci saranno più certi valori civili e morali, perché questi fanno i loro comodi e tutto quello che vogliono in questa città dei balocchi!


  • Per i sapientoni...

    Il problema di Siponto e’ la foce del Candelaro, finche’ non si trova una soluzione tecnica (tipo depuratori) , succedera’ sempre che ci saranno giorni con mare pulito e giorni non,il tutto dovuto alle correnti…se il problema del Candelaro verra’ risolto le acque saranno sempre pulite…questo x tutti i sapientoni..


  • RE GIORGIO

    La bacchetta magica.


  • Dino

    Semplice basta vedere la direzione del vento,da ieri soffiano venti di tramontana,quindi da terra verso sud e si porta via tutto l’inquinamento,ma qui non si deve sperare sempre che soffi il vento da nord, c’è bisogno di ampliare il depuratore, sindaco sono iniziati i lavori?


  • Leonardo

    Fatemi capire una cosa: il campionamento precedente è tstao protocollato il 20 luglio scorso e indicava un superamento dei valori di E. Coli, acque non balneabili. Dopo pochi giorni in cui il numero di bagnanti non è certo diminuito una lettera dell’ARPA sostiene che le stesse acque sarebbero “conformi”. Ora visto che nutro molti dubbi vorrei conoscere il dettaglio completo delle analisi effettuate con tutti i valori delle sostanze inquinanti. Certo una certa celerità dell’analisi e dell’abbassamento dei valori ha qualcosa di miracoloso. E non mi sembra che Manfredonia sia Lourdes.


  • Gino5st

    Si ma si sta facendo confusione
    L’ordinanza sindacale di divieto di balneazione faceva riferimento ad analisi effettuate da goletta verde tra il 18 e 22 luglio dove indicavano sia Manfredonia che VIESTE come Punti inquinati
    Adesso in questa comunicazione si parla di dati arpa di giugno
    C’è un po’ di confusione
    Poi apparte il fatto che nessuno ha fatto rispettare l’ordinanza è addirittura alcuni già dicevano ai bagnanti che l’ordinanza era stata revocata
    Allora io mi chiedo si fanno realmente gli interessi della gente e della salute oppure solo della politica ???
    È ovvio che qualcuno si è mosso
    Ora io vi chiedo e se domani si fanno di nuovo gli accertamenti? Cosa uscirà ?
    Il sindaco si è messo nelle condizioni di poter essere anche denunciato anche dalla associazione dei consumatori, dai lidi dai bagnanti se dovesse succedere qualcosa
    Adesso l’arpa quando ha fatto i nuovi rilevamenti di notte ????


  • Giuseppe

    Senza serietà, ma cosa potevamo aspettarci… nel dubbio fate testa o croce.


  • Redazione

    Buon pomeriggio; come Stato Quotidiano abbiamo pubblicato i dati dell’Arpa Puglia: in un primo momento con i parametri rilevati a Giugno (è tutto indicato nel testo); poi l’ordinanza sindacale che fa riferimento ai punti indicati, del primo agosto 2016; infine la nota relativa ai parametri conformi del 02 agosto 2016 (sempre dell’ARPA) e, contestualmente, l’annunciata revoca della suddetta ordinanza; il nostro giornale non ha mai parlato di dati o analisi effettuati da Legambiente – Goletta Verde; grazie, a disposizione; Stato Quotidiano.it


  • il manfredoniano

    Caro Signor Sindaco chi ti scrive è un Manfredoniano doc, che dispiace di tutto quello che stà succedendo in questi giorni a Manfredonia non solo per la puzza delle alghe marine bruciate, per la questione della raccolta dei rifiuti ci mancava solo il divieto di balneazione a Siponto (negli ultimi anni tanta amata dai manfredoniani) anche perchè la spiaggia di Manfredonia non è sufficiente a ospitare tanti bagnanti. Siponto negli ultimi anni è stata valorizzata sia per gli stabilimenti balneari attrezzati con animazioni bar, ristoranti, pizzerie, pab ed altri locali (anche se andrebbe tenuta più pulita) ritornado al discorso del divieto di balneazione non era il caso di fare prima nuove analisi di parte dell’Arpa Puglia anzichè di far incazzare la gente non solo di Manfredonia perchè a Siponto vengono anche da fuori a trascorrere le vacanze. Tutto questo ha portato nelle tasche di chi la lavora conseguenze disastrose, basti pensare che diverse persone purtroppo lavorano solo d’estate (bagnini, pizzaioli, custodi di parcheggi, baristi, chef , studenti lavoratori, padri di famiglia, donne senza marito ed altro).
    Sig. Sindaco, cercate subito di risolvere è una volta per sempre il problema del torrente CANDELARO che a quanto pare sia l’unico colpevole del divieto della balneazione con tutte le conseguenze che ho descritto sopra.
    Vi chedo scusa se ho esagerato un poco o sono stato ripetitivo ma questa città dove viviamo deve essere migliorata sia per noi che per i nostri figli: Manfredonia ha tutte le potenzialità per migliorare.
    Chiedo scusa per il mio italiano non è mai stato il mio forte.
    Inoltre, vi prego di far giungere questo comunicato al Sindaco. Grazie


  • antonio

    mmm…ke strano…ci sarà stato un miracolo?


  • svolta

    Data e protocollo scritto a mano…., come a dire le carte sono già pronte…. a richiesta…. Che bel paese l’Italia….


  • il manfredoniano

    Noi manfredoniani ci lamentiamo sempre,
    anzichè di invitare, collaborare, oppure di consigliare il Sindaco, la Regione Puglia, la Capitaneria di porto l’ASL, l’ASE, il Consorzio di Bonifica, l’Ente Parco del Gargano e gli altri organi preposti a vigilare su chi scarica nel torrente CANDELARO, oppure di incontrarsi con i Sindaci dei paesi che scaricano nel Candelaro, affinchè questi Comuni siano dotati di depuratori idonei o forse meglio se andrebbero a scaricare altrove. Perchè Siponto è per Manfredonia una ricchezza da tutelare e salvaguardare.


  • Manfredonia in Movimento

    Come vengono stabilite le date dei prelievi Arpa?


  • Dino

    Ma sono prelievi fatti a giugno o del 20 luglio, come dice l’addetto stampa Fidanza sulla Home page del comune di Manfredonia?. Se sono di Giugno,mi spiegate perchè si è arrivati al 20 luglio per fare la prima analisi di conferma di inquinamento?


  • Redazione

    Buonasera, come Stato Quotidiano abbiamo pubblicato i dati di Arpa dello scorso giugno, poi il resto, come spiegato.
    Anche perchè on-line, sul sito Arpa, ci sono i dati relativi ai monitoraggi per le acque di balneazione in Puglia fino al giugno 2016.
    http://www.arpa.puglia.it/web/guest/balneazione
    L’Amministrazione comunale ha riportato dati relativi alle proprie informazioni e agli atti consultati; è tutto on-line, a presto; Stato Quotidiano.it


  • Antonio

    Correggetemi se ho capito male, l’Arpa fa i controlli a giugno scopre che il mare è inquinato, il divieto viene messo il 1 agosto e rimosso il 2 perché al momento non è più inquinato. Cioè 2 mesi per dire che è inquinato, un giorno per dire che è tutto a posto, bo.


  • Camilla

    Bisogna salvaguardare il guadagno dei lidi…dai poverini…come devono campare…


  • Michele

    Sempre più barzelletta questa città…


  • Gino5st

    No
    Dalla comunicazione Arpa in entrata al protocollo del comune di Manfredonia in data 2 agosto 2016 sia vince che il primo rilevamento con valori non conformi è del 20 luglio ( protocollo arpa del 21 luglio) ed il secondo rilevamento stavolta con valori conformi è del 23 luglio ( protocollo arpa a penna del 25 luglio .
    Quindi ricapitoliamo arpa ha verificato il 20 luglio che i valori non erano conformi ha protocollato la comunicazione il 21 luglio, comunicazioni che sarà arrivata a Manfredonia quando ????
    Quanto tempo è passato dal l’ordinanza del sindaco ???
    Poi il 23 luglio ha riverificato ed i valori erano normali quindi con protocollo di uscita del 25 luglio scritto a penna arriva in ingresso al protocollo del comune di Manfredonia il 2 agosto
    Be ci vorrebbero grazie li investigatori per capire cosa è successo

    (tutti gli atti sono in allegato, ordinanza, dati Arpa, nota del 02 agosto 2016; la ringraziamo;ndr)


  • buon esempio

    Capisco le perdite economiche di chi vive grazie a Siponto ma questi comportamenti vergognosi sono a danno Della salute pubblica., tra I quali I bambini che sono soggetti deboli.Mettetevi Una mano sulla scoscienza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati