GarganoManfredonia
Nota stampa

“Il Gargano continuerà ad essere meta di navi da crociera”

“Solo con una strategia congiunta pubblico-privato - conclude Prencipe - potremo consolidare in modo significativo questo interessantissimo segmento di mercato”

Di:

Manfredonia. Il Gargano continuerà ad essere meta di navi da crociera. In autunno nel porto di Manfredonia sono, infatti, previsti due approdi della nave Berlin. A comunicarlo è l’agenzia marittima Galli, società da tempo impegnata sul mercato delle crociere, luxury cruise company e mega yacht. Dopo il primo storico approdo in rada a Vieste la scorsa settimana della nave SEADREM II, prosegue l’impegno della società garganica nello sviluppo di una offerta turistica diversificata in grado di offrire, ad una clientela di target medio alto, una destinazione alternativa a quelle consuete in Adriatico.

“La positiva esperienza dello scalo a Vieste, unica tappa italiana oltre Venezia, molto apprezzata dal comando della nave e dagli ospiti a bordo ha affermato Vincenzo Prencipe, manager della società – è la dimostrazione che il nostro territorio con un lavoro serio ed organizzato può intercettare e gestire nuovi flussi turistici, grazie all’unicità del suo paesaggio ed alle eccellenze gastronomiche del territorio. Gli studi dimostrano tra l’altro che i frequentatori di questo tipo di crociere – prosegue il manager dell’agenzia Galli – se favorevolmente colpiti tendono a ritornare nei luoghi visitati durante la navigazione con sempre maggiore frequenza”.

Per tali ragioni può divenire fondamentale per tutto il promontorio insistere su questo tipo di target, che ha le potenzialità per sviluppare importanti ricadute su tutto il movimento turistico del territorio, anche in ottica di destagionalizzazione dell’offerta. Quello che si augurano dalla Galli è che questo tipo di impegno riceva le dovute attenzioni tanto da parte dell’agenzia regionale Puglia Promozione che dalla nascente autorità di sistema portuale del Basso adriatico.

“Solo con una strategia congiunta pubblico-privato – conclude Prencipe – potremo consolidare in modo significativo questo interessantissimo segmento di mercato”. In questa direzione è da leggere la condivisione del progetto da parte della società con la Camera di Commercio di Foggia, ente promotore con la Prefettura del Distretto Turistico del Gargano.

REDAZIONE STATO QUOTIDIANO.IT



Vota questo articolo:
3

Commenti


  • Un turista

    Queste sono le iniziative per creare turismo non quelle fatte dalle nostre amministrazioni che incentivano solo la festa patronale e il carnevale o che credono più nell’industrializzazione che fino ad oggi ha devastato il nostro territorio lasciando solo macerie, morti e disoccupazione.
    Oggi più che mai bisogna dire NO ENERGAS , più investimenti nel risanamento del territorio e rivalutazione del:
    – Parco Nazionale del Gargano ridotto a una monnezza
    – Idem per l’Oasi del Lago Salso
    – Accelerare i lavori di ampliamento del depuratore di liquami
    – Concorrere alla messa in sicurezza della costa e delle spiagge
    Ecc. ecc.
    Cioè creare interesse per il turismo che sicuramente potrà dare più occupazione


  • Turista per sempre

    Hahahahahahha incredibile su ogni cosa che si parla la colpa è di Energas ! Veramente ridicolo ! A Manfredonia non c’è un albergo che si possa definire tale , non un locale notturno ad eccezione di qualche bar , un lungomare con a ridosso esclusivamente case e senza alcun servizio , le strade che spesso e volentieri si riempiono di liquami fuoriusciti dai tombini , un porto turistico praticamente e giustamente vuoto considerando che non si spiega perché uno che ha una grande barca dovrebbe sbarcare a Manfredonia , è tutto ciò pare sia colpa di Energas che a Manfredonia manco esiste al momento !
    Per avere il turismo ed i turisti non basta la ” vocazione ” ma ci vogliono le strutture , la mentalità , gli imprenditori , i finanziatori , tutte cose che purtroppo non vi sono ! E poi così come ormai il territorio si è evoluto , per come si è barbaramente costruito , il turismo di un certo valore non può che rimanere un sogno. Se poi per turismo si intende tutta la gente di Foggia e provincia che il sabato e la domenica vengono a fare il bagno , o chi fitta abusivamente ed a nero la casa per luglio e agosto , allora abbiamo un grande turismo !!!


  • Pep

    Non sapevo che il gargano fosse già meta di navi da crociera e quindi continuerà ad esserlo. Cmq condivido il commento che la vocazione nn basta, ci vuole la bellezza dei luoghi , la preparazione di imprenditori ed operatori e l.indirizzo in tal senso della cosa pubblica. Manfredonia nn ha nulla di tutto questo, un solarium nn fa primavera, un porto turistico gestito rovinosamente nn fa scalo di yacht stranieri danarosi e un lungomare puzzolente di piscio con cantieri navali in disuso ormai , officine frigorifere e venditori di pesci nn fa la passeggiata ideale per uno che spende soldi per rilassarsi. Cara manfredonia, la lettera piccola è voluta, vuoi essere un pò di tutto da industriale a centro ittico da polo energetico a scalo mercantile ed ora anche centro turistico, ma nn hai ancora deciso cosa realmente vuoi fare da grande, tranne consentire di farti spogliare da chi ti amministra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati