Stato prima
All'esame di pm e carabinieri vi sarebbe il ruolo di un amico dell'ingegnere

Depresso va a morire in clinica svizzera

Il reato ipotizzato è istigazione e al suicidio


Di:

(ANSA) – MILANO, 2 SET – La Procura di Como ha aperto un’inchiesta sulla morte di un ingegnere di Albavilla (Como) che nei giorni scorsi è andato a morire in una clinica svizzera dove si pratica il suicidio assistito. L’uomo non era affetto da malattie incurabili ma in cura per una depressione. Condizione attestata da una lettera che aveva mandato ai servizi sociali in cui spiegava le sue intenzioni.

Un caso diverso da quello di Dj Fabo reso cieco e tetraplegico dopo un incidente stradale e che fu accompagnato a morire in Svizzera dall’esponente radicale Marco Cappato. Ora all’esame di pm e carabinieri vi sarebbe il ruolo di un amico dell’ingegnere che avrebbe accompagnato il professionista fino a Chiasso dove l’uomo ha preso un treno per la Svizzera. Il reato ipotizzato è istigazione e al suicidio.

Depresso va a morire in clinica svizzera ultima modifica: 2017-09-02T10:52:25+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • Giuseppina Novelli

    Quando le cose vengono “previste” da tempo da noi “retrogradi”, la cosa poi stupisce? Un giorno questa potrebbe essere la normalità se non la si combatte già da oggi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi