Manfredonia
A cura di Pascalonia (rifacimento da “U resacchje”, di P.Ognissanti, 1986)

Nu latune


Di:

Ije te fazze
lli surizze,

ije te fazze lli pjacere,

ije te fazze
pure u schjéve,

se me purte
lli duvere.

^^^

Ije te tènghe
a devozjone.

Jind’a chése,
nd’a cambéne,

ne me passe
ll’occasjone

ca t’appicce u
cere séne.

^^^

Ije te preje
ogne mumènde,

ije a ttè
sèmbe tremènde,

p’a salute e
p’a vendure:

^^^

ije te fazze
lli schengjure.

Ngile preje a
tutte ll’ore.

Fa sté bbune…
a llu Frecone!

Pascalonia (rifacimento da “U resacchje”, di P.Ognissanti, 1986)

Una litania
Io ti faccio i
servizi,/ io ti faccio i favori,/ io ti faccio pure lo schiavo,/ purchè tu
soddisfi il tuo dovere.// In casa, nella campana (di vetro),/ non perdo
occasione,/ di accenderti un cero.// Io
ti prego ogni momento,/ a te io sempre guardo,/ per la salute e per il
futuro:// io faccio gli scongiuri,/ il
Cielo prego ogni ora,/ fai star bene a…Frecone!

Nu latune ultima modifica: 2017-09-02T11:38:59+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi