Cronaca

GdF, scoperte nuovo truffe per raccolta fondi pro Amatrice

Di:

Roma. Individuate dal Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Rieti due false raccolte di fondi da parte di altrettanti soggetti operanti sul territorio nazionale. Nel primo caso, un’azienda realizzava delle vendite promozionali on line di braccialetti, pubblicizzando l’iniziativa con l’utilizzo della locuzione “ per Amatrice ”, dello stemma e dei colori del Comune di Amatrice e riportando la dicitura: ” dona l’intero incasso utile delle v e n d i t e d i s e t t e m b r e a f a v o r e d e ll a c i t t à d i A m a t r i c e c o l p i t a d a l recente terremoto “. I braccialetti venivano ceduti al prezzo di euro 29 cadauno, più 6 euro di spedizione. Pur con i chiari riferimenti al sisma e le promesse di devolvere il ricavato della vendita, l’impresa non aveva mai ottenuto alcuna autorizzazione all’uso e sfruttamento commerciale dello stemma, denominazione e colori del Comune di Amatrice e non ha chiarito ai finanzieri a chi e con quali modalità avrebbe poi versato il ricavato.

Nel secondo caso le fiamme gialle avevano appreso la notizia che ad alcuni cittadini erano stati recapitati presso i propri domicili dei bollettini precompilati, con l’indicazione del c/c postale e del beneficiario del versamento, recanti una breve nota informativa in allegato che prometteva di utilizzare il ricavato della raccolta per la ricostruzione di un asilo per i bambini di Amatrice, da affidare in gestione.



Vota questo articolo:
2

Commenti


  • LA NAZIONE PIU' CORROTTA DEL MONDO

    METTETELI AL MURO E FUCILATELI!


  • Antonino

    Per questi vermi ( che potrebbe essere un onore), cosi’ per quelli che hanno rubato i dieci computer alla scuola di Amatrice, ci vorrebbe un’ ergastolo da scontare in una miniera, anche se per loro è un onore avere di fianco dei topi di fogna, senza alcuna pieta’, solo cosi’ la smetteranno di comportarsi come dei ” sciacalli “.
    Insieme a loro dovrebbero andarci i loro avvocati, che vengono pagati con quei soldi sporchi di sangue.
    Solo così si possono scoraggiare certi comportamenti, e chi favorisce tali reati, vuol dire che sono della stessa pasta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati