Regione-Territorio

Northern Petroleum, Nicastro: “Regione tagliata fuori dai processi decisionali”


Di:

L'assessore all'ambiente regionale L.Nicastro (ST, fi: ambienteediritti.com)

Bari – “IL quadro sinottico fornito all’Assessorato regionale dal Ministero dell’Ambiente evidenzia chiaramente che allo stato attuale non vi sono procedimenti di VIA relativi a permessi di ricerca di idrocarburi a largo delle coste pugliesi, mentre nel Bollettino Ufficiale degli Idrocarburi e della Geotermia (nr. 7 del 31.07.2011) sono riportati i decreti per i permessi di ricerca della società Northern Petroleum F.R39.NP e F.R40.NP, basati sul presupposto (riconducibile a note ministeriali rese su permessi con diversa denominazione ma afferenti alla medesima area) che non sarebbe necessaria la Valutazione di Impatto ambientale”. Questa la posizione ufficiale dell”Assessorato regionale alla Qualità dell’Ambiente che “ritiene un vizio di forma l’assenza, per tali opere, di una puntuale verifica di impatto ambientale e, anche in ragione della valutazione VIA incardinata presso il Ministero dell’Ambiente relativo alla modifica dei programma di ricerca che passerebbero dalle prospezioni in 2D a quelle in 3D, richiede formalmente la sospensione di “ogni eventuale attività in corso”.

“L’attenzione dell’Assessorato, e del Governo regionale tutto, è focalizzata su questo tema e la posizione assunta è chiara sin dall’inizio: allo stato attuale, limitatamente ai due progetti in questione, la Regione sembrerebbe tagliata fuori dai processi decisionali in ragione di una non condivisibile non assoggettabilità a VIA di fatto riconosciuta ai procedimenti. Abbiamo formalmente scritto agli organi competenti – spiega l’assessore Lorenzo Nicastro in merito alla nota trasmessa – per rappresentare una volta di più la nostra posizione e per assumere tutta la documentazione anche su tutte le attività già autorizzate o in corso di definizione che riguardano i mari della Regione Puglia. Riteniamo grave l’aver negato al territorio la possibilità di determinarsi su un tema così importante e sensibile per tutti i cittadini pugliesi”

AMBIENTALISTI: “TRIVELLAZIONI NELL’ADRIATICO. LA MINACCIA ALLA BIODIVERSITA’.” Difendere la biodiversità del mare Adriatico. È questo l’imperativo delle associazioni ambientaliste WWF Puglia, Ambiente e/è Vita, Folgore e Demetra che denunciano l’imminente invasione “straniera” per la ricerca di idrocarburi al largo delle coste adriatiche.


AIR GUN, UNA PISTOLA PUNTATA CONTRO LA VITA.
Sono tre le società estere che hanno presentato al Ministero dell’Ambiente ed al Ministero dello Sviluppo Economico le istanze di permesso per la ricerca di idrocarburi in mare: la Petroceltic Else per la zona marina delle Isole Tremiti, la Northern Petroleum per il tratto di mare antistante le coste che vanno da Bari fino a Leuca e la Spectrum Geo per tutta la costa pugliese. Quest’ultima trivellerà al largo delle coste della provincia di Barletta – Andria – Trani, in prossimità del Posidoneto S. Vito, mediante l’utilizzo di air-gun, ovvero cannoni pneumatici che sparano onde acustiche sui fondali per valutare la risposta sismica. Una tecnica invasiva che verrà utilizzata in tutto il Mar Adriatico meridionale per una lunghezza di 3.898 Km, pari ad una superficie complessiva di 30.297 Km2, il 23% di tutto il bacino, costeggiando in toto le coste pugliesi per una superficie 16.169 Km2.


ALLARME BIODIVERSITA’.
È evidente l’allarme per le sorti delle nostre coste, considerando la vastità di superficie marina che si vuole sottoporre all’attività di prospezione con una tecnica che è notoriamente riconosciuta come fonte di inquinamento ad alto impatto sull’ecosistema marino, già flagellato dall’Ostrepsis ovata (alga tossica), dal fenomeno dell’inquinamento chimico (dicloroetano e acrilonitrile) e dallo smaltimento dei residuati bellici (iprite).
Per la caratteristica della salinità delle sue acque, dovuta all’abbondanza di fiumi che vi sfociano e la varietà dei fondali, spesso sabbiosi e poco inclinati ma non di rado anche rocciosi, il mare Adriatico rappresenta una vera e propria riserva di biodiversità che ospita molluschi bivalvi come le vongole (Chamelea gallina), le telline (Tellina spp.) la sogliola (Solea vulgaris) e la tracina (Trachinus draco). Importantissima è la presenza di grandi vertebrati come le tartarughe marine, i delfini e i cetacei, specie che negli ultimi anni hanno subito durissimi colpi dall’impatto antropico devastante. Ricordiamo lo spiaggiamento dei capodogli a Cagnano Varano (FG), la morte di circa cinquanta delfini nel 2011 solo lungo le coste pugliesi e il recupero di centinaia di esemplari di Caretta caretta in agonia. L’air-gun, influenza con effetti devastanti il comportamento e l’attività vitale della flora e della fauna presenti nella zona di mare interessata.


CONTRARI E COMBATTIVI.
Il WWF recentemente si è opposto dinnanzi al TAR ed ha ottenuto la sospensione delle attività di trivellazione per la ricerca di idrocarburi nel mare delle Isole Tremiti (Foggia) fino al 22 marzo prossimo. Le associazioni Demetra, Folgore e Ambiente e/è Vita hanno denunciato pubblicamente con numerosi interventi questa situazione. Le istituzioni solo nel caso delle Tremiti si sono costituite in giudizio, mentre il Consiglio Regionale ha varato la proposta di legge rivolta alle Camere dei Deputati e del Senato: “Divieto di prospezione, ricerca e coltivazione di idrocarburi liquidi nelle acque del mare Adriatico, applicato anche ai procedimenti autorizzatori avviati e non conclusi alla data di entrata in vigore della presente legge” (pubblicata nel B.U.R.P. n.126 del 11agosto 2011.


L’APPELLO.
Ma evidentemente tutto questo non basta, la minaccia incombe ed è imminente. Gli Enti locali, i rappresentanti del mondo politico, pescatori, commercianti, operatori turistici, sindaci ed assessori all’ambiente, unitamente ai rappresentanti della società civile e ai cittadini pugliesi devono manifestare la propria contrarietà alla presenza di infrastrutture petrolifere nei propri litorali, richiedendo l’annullamento dei permessi di ricerca già rilasciati ed il diniego a rilasciarne altri. Se è vero che l’Assessore regionale all’Ambiente Lorenzo Nicastro ha dichiarato “siamo di fronte ad una frenetica corsa all’oro, come del resto testimoniano le numerosissime richieste pervenute in Regione” gli chiediamo di impegnarsi a sostenere le nostre istanze di blocco delle trivellazioni. Analogo appello rivolgiamo al Presidente Vendola che in passato si è dimostrato sensibile alle nostre legittime rivendicazioni.

Non escludiamo di avviare una raccolta firme per petizione popolare in tutta la BAT per difendere l’ambiente, l’ecosistema marino, il turismo e l’intero territorio pugliese. A tal fine abbiamo contattato la Prof.ssa Maria Rita D’Orsogna, ricercatrice presso la California State University at Nordhoff St., Mathematic Department Los Angeles (USA), che ha aderito alla nostra iniziativa.

Redazione Stato

Northern Petroleum, Nicastro: “Regione tagliata fuori dai processi decisionali” ultima modifica: 2011-11-02T17:39:00+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This