Cronaca

Siamo alla frutta, ma qualcuno continua ancora a pensare positivo (A. D’Ecclesia)


Di:

Merkel Berlusconi Sarkozy (fonte image: polisblog)

Foggia – COESIONE, interessi nazionali, momento drammatico. Stranamente, dopo aver fatto crescere le lodi del pensiero positivo, il nostro caro regista occulto sta lavorando su altre arie. La parola coesione è un’offesa all’intelligenza umana e alla dignità, come può essere coeso chi nasce per dividere e infatti questa parola la utilizza solo il Presidente della Repubblica, che forse ha un’altra idea di paese. Responsabilità altra bella parola: il Governo va avanti e l’opposizione responsabile si adopera a sostenere i provvedimenti necessari per la crisi.

Il Governo tecnico presieduto e sostenuto da personalità autorevoli, dove per il bene del paese si prendono provvedimenti drastici per far risanare i conti e raggiungere il pareggio di bilancio. L’altra via le elezioni anticipate, per restituire una governabilità che qualcuno dice che non ci sia. Chiaramente si vota con l’attuale legge elettorale vigente, quella che consente alle segreterie di scegliere chi candidare.

Ma l’unico punto chiaro è che la politica non ha rinunciato a nessuno dei suoi privilegi. I tagli sugli stipendi? Restituiti a novembre, non sono lavoratori dipendenti. Le auto blu? Se ne comprano altre vedi le 19 Maserati comprate in gran segreto. La Patrimoniale? Secondo voi il regista occulto va a toccare i suoi interessi, ma allora di chi è la colpa della crisi? La colpa è di Fini e Casini. La colpa è dei comunisti, giornali, giudici, partiti: un mio amico mi faceva notare che il più grande partito Stalinista del mondo occidentale è il partito dell’amore,dove esiste una gara tra tutti, a realizzare i desideri del capo,un ostentazione continua di narrazioni che sembrano provenire da altre dimensioni.

In queste altre dimensioni esiste solo il capo,tutti sono al suo servizio, è chiaro che la generosità paga sempre, si sale di livello,si partecipa attivamente alla vita sociale del capo,si fanno le cene, si diventa spettatori di una grandezza infinita.

Ci sono delle new entry però che si vengono ad aggiungere, il pensiero non è più positivo se a portarlo è qualcuno che ha la faccia del becchino. Sicuramente il portavoce del Premier verrà sostituito, perché attrae negatività. L’altro non positivo e responsabile che ha impedito alla luce di brillare sul buio, e al bene di trionfare sull’amore, è Giulio Tremonti, che al più presto verrà fatto fuori dal Governo, costituendo il nuovo colpevole che ha impedito a questo governo di realizzare il suo programma,che tutti sanno e nessuno conosce. Si stanno già organizzando i gerarchi del partito a chiedere le dimissioni, altri invece stanno convincendo la Lega a mollarlo, perché forse non tutti sanno che Tremonti è un uomo della lega prestato al Pdl.

All’opposizione poi non par vero poter dimostrare senso di responsabilità e amore per il proprio paese,senza rischiare niente e trovarsi pronta per amministrare senza pagare nessun prezzo. Il paese va a rotoli, la gente è esasperata, i cittadini senza saperlo e pensando di avere ancora delle leggi che li proteggessero, sono stati cancellati, distrutti umiliati, trasformati in un branco di mendicanti allo sbando che brancola nel buio.

(A cura di Alfredo D’Ecclesia)

Siamo alla frutta, ma qualcuno continua ancora a pensare positivo (A. D’Ecclesia) ultima modifica: 2011-11-02T22:13:29+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
3

Commenti


  • Angelo

    Certo che la nostra classe politica dei propri cittadini si interessa proprio bene…


  • Angelo

    Dove vogliono farci arrivare?

  • La nostra democrazia è sfociata in una DITTATURA PARLAMENTARE per colpa di una classe politica trasversale che ha fatto della politica un investimento e non più una missione.
    Ecco perchè quando spunta un elemento che ha il coraggio di esprimere con coraggio le proprie idee, la classe politica si affretta a ctigmatizzare prima e ad isolare dopo l’elemento, nell’ambito del suo stesso partito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This