Manfredonia

Opening Casa Futura Pietra al Parco Archeologico di Siponto

Di:

Bari. Progetto di arte contemporanea e promozione del territorio promosso dalla Regione Puglia, l’articolato programma dal forte carattere interdisciplinare, a cura di Giusy Caroppo e prodotto da Eclettica_Cultura dell’Arte, prevede la partecipazione di un qualificato gruppo di artisti impegnati anche a livello internazionale in pratiche ambientali, sociali e multimediali: Andrea Aquilanti, Daniela Corbascio, Francesco Giannico con l’Archivio Italiano Paesaggi Sonori, Igor Imhoff, Jason Middlebrook, Anne e Patrick Poirier, Agnese Purgatorio, Francesco Schiavulli.

Fra gli incontri collaterali, su temi di rigenerazione urbana e architettura sostenibile, un intervento di Cristina Pistoletto nonché workshop dedicati alla lavorazione della pietra, coordinati da Stefano Faccini, fautore del progetto F.AIRE, per una rilettura in chiave contemporanea del fare artigianale.

L’inaugurazione del 12 novembre si aprirà alle ore 16.00, per approfittare della speciale luce del tramonto, col “walk about” tra arte contemporanea e storia millenaria, negli Ipogei Capparelli – complesso cimiteriale del V-IV secolo d.c.- e si concluderà con la proiezione sulla limitrofa Basilica di Santa Maria Maggiore, nel Parco Archeologico di Siponto, dell’opera interattiva a più canali “Anafora”, di Igor Imhoff .

L’idea portante di CASA FUTURA PIETRA è quella di promuovere la buona pratica di un “museo temporaneo diffuso” con valenza di lettura sociale, come ha dichiarato Loredana Capone, Assessore all’industria Turistica e Culturale, Valorizzazione del Territorio della Regione Puglia. Nel suo insieme, il progetto “Casa Futura Pietra” si propone come viaggio ideale che dalle viscere della terra risale, con la Pietra come elemento di congiunzione simbolica, a una idea di Città ecologica e a dimensione umana; completa l’esperienza iniziata nel 2015 – con gli interventi di Bizhan Bassiri, Filippo Berta, Alvin Curran, Pietro Di Terlizzi, Jimmie Durham, Tony Fiorentino, Ugo La Pietra, Vito Maiullari, Kei Nakamura, Jeorge Peris, Irene Petrafesa, Sergio Racanati, Vedovamazzei, che hanno interessato spazi urbani e Palazzo Tupputi di Bisceglie e l’area archeologica del suo Dolmen, la Cava dei Dinosauri di Altamura e il Teatro Margherita di Bari – a sua volta naturale prosecuzione del progetto Watershed che, nel 2012, si classificò primo assoluto fra 320 candidati del Programma Cultura della Commissione Europea. Watershed riprendeva il pionieristico programma pluriennale di Intramoenia Extrart che, dal 2005, ha portato l’arte contemporanea in castelli e palazzi di Puglia, stimolando simbiosi fra arte, architettura e paesaggio.

/////////
Press Office: Patrizia Marino



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati